Personaggi

PERSONAGGI

Andrew Mc Naughton, l'artista del riciclo a Watamu

Ripulendo la spiaggia da flip-flop e plastica, crea sculture, quadri e oggetti di design

20-11-2017 di Freddie del Curatolo

Viviamo in un periodo storico in cui l’arte, oltre al valore intrinseco e storico di portatrice di bellezza e di stimolatore della mente, assume un ruolo sociale molto importante: può aiutare l’essere umano nelle sue battaglie per la tutela dell’ambiente e per la fratellanza tra i popoli.
Un veicolo per ritrovare l’amore in tutte le sue forme, e per insegnarne i lati gioiosi e perché no remunerativi ai giovani.
La creatività può essere la forma più pura e “pulita” di guadagno anche per i keniani, oltre a contribuire alla promozione del territorio.
Tutelare il proprio patrimonio naturale, specie in un Paese che vuole fare della sua bellezza un motivo di richiamo a livello mondiale, deve essere una delle urgenze della società.
Il Kenya recentemente lo ha confermato, con l’importante decisione di vietare l’uso, il consumo e la dispersione dei sacchetti di plastica.
L’arte, che è bellezza, cultura ed espressione di talento al tempo stesso, può oggi farsi anche modello di comportamento e di insegnamento.
E’ sicuramente quello che avviene a Watamu ed è uno dei motivi che spingono l’artista anglo-keniano Andrew Mc Naughton, che risiede nella località turistica della costa, a creare, utilizzando varie forme d’arte per sensibilizzare popolazione e turisti sulla salvaguardia del pianeta.
Mc Naughton da anni utilizza materiali di riciclo, come flip-flop, accendini e spazzolini da denti, che inquinano il mare e le spiagge di questa fetta di Oceano Indiano e ne fa vere e proprie sculture, istallazioni, quadri e oggetti d’arredamento e di utilità.
La sua casa è un museo-laboratorio in cui la tutela dell’ambiente è un dato di fatto, ma la sua sublimazione in opere d’arte è un’incredibile sorpresa.
Designer d’interni a Nairobi per 35 anni, prima di pensare a salvare il mare e le creature che lo popolano, ha capito che l’arte avrebbe salvato la sua vita.
“E’ successo tutto durante una delle mie vacanze nella mia residenza marina di Watamu – racconta l’artista – passeggiando su e giù per la spiaggia di Turtle Bay, notavo quanti detriti fossero portati dall’oceano, segno dell’incuria dell’uomo.
In particolare ogni giorno incontravo un sandalo flip-flop nero e arancione. Era sempre lì e mi fissava con sguardo di sfida. Finalmente una mattina ho capito quale messaggio mi stava dando. Lo presi e lo portai a casa. In poche settimane avevo i sacchi pieni di flip-flop e iniziai a lavarli e levigarli con la pietra pomice, e nacquero le prime opere”.
Il percorso artistico di Mc Naughton alterna quadri astratti e geometrici (utilizzando strisce di colori diversi) a sculture ed altri oggetti.
Rifacendosi a grandi designer di fine secolo scorso come Paul Smith e Frank Gehry, l’artista trasferitosi in Kenya da bambino con la famiglia, ha creato sedie, tavoli, sgabelli, perfino una bicicletta utilizzando i flip-flop ed assemblandoli insieme ad altri oggetti di riciclo come cerchioni e pneumatici di tuk-tuk, vetro, ferro e plastica, oltre agli innumerevoli pezzi di legno portati da mare le cui forme lavorate dalla salsedine e dalle correnti diventano ispiratrici.
“Non mi stanco mai di esplorare nuovi materiali, e tutto purtroppo arriva dalla spiaggia di Watamu – spiega Mc Naughton – ogni giorno si possono raccogliere 30 o 40 chili di sandali, e centinaia di bottiglie di plastica”.
Con le bottiglie, di plastica e di vetro, il genio del riciclo ha fabbricato lampadari a forma di palma, ha decorato pareti, ha realizzato sculture che la sera si illuminano ed altre opere d’ingegno.
Ma le creazioni con i flip-flop sicuramente meritano una citazione particolare.
“Il segreto dei flip-flop – dice Andrew – sono i colori, i mille colori che sono quelli dell’estate, del sole, del relax, della felicità. Questi colori messi insieme hanno un grande potere rasserenante, tanto più se si pensa che il loro utilizzo rende il mondo migliore, più sano e pulito”.
Nella casa-museo brillano chitarre, cravatte e tanti altri oggetti colorati, addirittura un paio di sandali che sono il risultato di tanti flip-flop scomposti.
 L’artista collabora attivamente con la Watamu Marine Association e il centro di riciclo di Dabaso, dove campeggiano altre sue opere, come ad esempio un delfino-murales fatto con più di cento bottiglie di vetro, una porta realizzata in legno e bottiglie di champagne che è una vera chicca di design, specchi con cornici di accendini e tante altre stupefacenti creazioni.
In questo periodo è possibile avere un assaggio della sua produzione, visitando la mostra a lui dedicata nello stesso centro, che si raggiunge dalla strada opposta al Turtle Bay, dopo un paio di chilometri.
Ultimamente Mc Naughton ha esteso la sua raccolta anche alle corna di animale e sta preparando un’esibizione dal titolo “Nothing but Pineapple” composta da grandi ananas (una delle passioni di Andrew, che ha anche la piscina a forma del frutto tropicale) creati riciclando i grossi filtri ovali in plastica delle piscine e rivestendoli ognuno in maniera diversa.
Ma lui ha anche un altro sogno: “Poter realizzare degli workshop con giovani artisti locali che vogliano imparare l’arte del riciclo, e farne un mestiere remunerativo”.
Le opere di Mc Naughton vengono vendute a prezzi assolutamente accessibili, nonostante siano tutti pezzi unici.
Niente di seriale, perché oltre al cuore e al talento, ci vuole grande fantasia per cercare di salvare questo pianeta malridotto.

(le foto sono di Leni Frau, cortesemente concesse dall'artista)

TAGS: Andrew Mc Naughtonriciclo watamuambiente watamuflipflop watamuarte watamuarte kenyarecycling watamu

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una splendida struttura che sembra una torre disegnata da Gaudì in mezzo alla foresta ancora vergine di Watamu, ad un centinaio di metri dall'oceano e dalla lunghissima bianca spiaggia tra Turtle Bay e Garoda. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalle "kibanda" di Watamu al magnifico scenario di Piazza Plebiscito a Napoli, per sfilare in un galà della moda accanto a stilisti affermati a livello mondiale come Rocco Barocco.
Questa la storia dei capi d'abbigliamento delle sartine di Watamu aiutate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Una grande giornata per dimostrare che tutti a Watamu tengono all'ambiente e alla pulizia della propria bianchissima e bellissima spiaggia.
Dalla Jacaranda Bay (con l'omonimo resort in testa tra i partecipanti alla giornata) al Temple Point, tutta la costa della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya viene spesso definito giocando sugli opposti: “gioia e dolore”, “miseria e nobiltà”, “croce e delizia”, “inferno e paradiso”.
Il segreto della nostra splendida Watamu è che, pur non sottraendosi a questa ineluttabile regola dell’Africa, prende il meglio da...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Novanta tonnellate di infradito invadono le coste dell’Africa ogni anno, e molte di queste arrivano sulle spiagge del Kenya.
Watamu è la più impegnata delle località turistiche nella raccolta e nel riciclo dei “flip-flop”, come viene comunemente chiamato il materiale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Chi vive e soprattutto lavora a Watamu non può ignorare un evento importantissimo per l'ambiente e per conservare lo splendore della cittadina turistica e del suo lungomare.
Sabato 17 settembre cade l'International Coastal Beach Clean Up, la giornata mondiale della...

LEGGI TUTTO

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

Pranzare in uno dei più eleganti ed appartati boutique hotel di Watamu, sulle rive della Jacaranda Bay.
Proprio di fronte agli isolotti di sabbia di “Sardegna Due” e rilassarsi sui lettini della splendida spiaggia privata? 
 

LEGGI TUTTO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu e il suo indotto turistico escono rafforzati dalla recente fiera del settore a Nairobi.
Il "Magical Kenya Travel Expo" ha visto centinaia di operatori turistici e "buyer" di tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le mangrovie di Watamu sono un paradiso naturale che attira ogni anno migliaia di turisti, ambientalisti e viaggiatori amanti della natura e delle meraviglie acquatiche. Costituiscono un paesaggio naturale unico e fantastico, con un suo microclima ed un ecosistema che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La riapertura della scuola, nei giorni scorsi, è stata festeggiata in maniera particolare alla Gede Special School.
Un po' perché già di per sé la scuola vicino a Watamu è un ambiente particolare che stringe il cuore e affetta l'anima,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

I giovani l'hanno scelta come meta prediletta per il Kite Surf. Il vento è cambiato da una settimana, il kaskazi estivo nel primo mese soffia forte e permette nella lunga striscia di oceano protetta dalla barriera corallina, dalla Hemingway Bay...

LEGGI TUTTO