Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Io lo chiamo amore

"voi chiamatelo pure mal d'Africa"

25-07-2015 di Giovanna

Me lo dissero i baobab, quel giorno che l'interrogai. Non sapevo proprio a chi chiedere quale genere di sensazione stessi provando, dopo la terza volta che il cuore, la mente e i piedi mi avevano costretto a tornare a Malindi. Io che a 35 anni avevo girato il mondo, ero stata in vacanza negli angoli più remoti e fantastici del pianeta, che ero convinta prima o poi di cedere al fascino della Thailandia. No, il cielo e i baobab richiedevano la mia presenza. Ora che da dieci anni frequento il Kenya con sempre più assiduità, mi rendo conto che c'era qualcosa di più profondo, c'era una terra che non chiedeva ma mi guardava muovermi con sempre più consapevolezza e mi offriva l'occasione per innamorarmi di lei. La terra problematica che ho visto a Marafa e Garashi, dove sono stata dormendo nelle capanne per conoscere da vicino la famiglia del mio amico Kiti, dove ho partecipato a una cerimonia funebre, dove ho dolorosamente preso coscienza dell'impotenza di tutti nel vedere un bambino morire dopo due giorni di agonia, per qualcosa che non si saprà mai, perché è inutile l'autopsia in un Paese dove già non ti viene spiegato bene perché vivi e perché il mondo ti voglia far vivere così.
Per noi è tutto più facile, c'è sempre una spiegazione, c'è sempre un motivo e se non c'è, abbiamo professoroni e tuttologi così bravi a trovarne uno.
Abbiamo sempre ragione noi: la civiltà, la tecnologia, il progresso, la nostra voglia di crescere. Guarda loro invece che selvaggi, che poca voglia di lavorare e di cambiare il loro stato sociale.
Poi vedi a Nairobi chi lo ha cambiato e si comporta come il peggiore dei razzisti bianchi con il loro stesso popolo. E' li che ti rendi conto che quando ti senti solo davanti alle ingiustizie del mondo, è con gli ultimi che devi stare, è loro che puoi aiutare senza chiedere a nessuno perché lo stai facendo e senza aspettarti nessuna riconoscenza.
Lo fai perché non ti senti solo, e questo sarebbe già un motivo per ringraziare questa gente, di ringraziare l'Africa per averti chiamato a sé. Io chiamo questo amore, voi chiamatelo pure Mal d'Africa. 

TAGS: BaobabAmore Africa

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cenone di Natale in riva all'Oceano Indiano, davanti alla splendida spiaggia dell'amore.

Come tutte le settimane, stasera a Watamu si balla con la discoteca del Papa Remo Beach
Il locale nella splendida Baia dell'Amore apre le porte al beach party e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Klorida e Simone hanno realizzato il loro più bel sogno in Africa, a Watamu.
Klorida è una ragazza semplice, molto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Freddie è tornato a Watamu ed è stato subito pienone al Come Back Club.
"Freddie Comes Back" era il titolo dello spettacolo che ha fatto ridere e pensare il pubblico del ristorante-discoteca di Watamu, con le parodie "kenianizzate" di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Avete mai provato la sensazione di sentirvi in pace con il mondo e con voi stessi?

Vi siete mai chiesti perché siete così felici di aprire gli occhi alla mattina e di chiuderli con il buio, anche in mancanza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
Una settimana di votazioni, più di quattromila preferenze tra i lettori dei due portali watamukenya.net...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E LA CLASSIFICA FINALE

"Freddie Come(s) Back", questo il titolo dello spettacolo in solitaria (aiutato dalle basi musicali e da altri effetti speciali) di Freddie del Curatolo che per una sera sveste i panni del giornalista che informa gli italiani su tutto quel che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Luci sulla stagione di Paparemo Beach, iniziata giovedì scorso con il primo beach party "a fari spenti" per scaldare i motori.
Serata andata oltre le aspettative per un classico di Watamu che era già molto atteso e che da qui in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Pole Pole si rinnova e diventa “fusion”.
Lo storico locale di Watamu, da anni punto di riferimento di tanti turisti e locali, si è rifatto il look e ha intrapreso una nuova strada.
Il Ristorante Pizzeria, Lounge Bar e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Riparte ufficialmente la stagione della costa del Kenya e con essa la vita vacanziera della cittadina turistica più acclamata dello scorso anno.
Watamu è pronta a fare il pieno anche quest'anno, grazie al suo mix di tutto quello che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche una “graphic novel” sul Corriere della Sera e un racconto autopubblicato a sfondo sociale, tra le tante iniziative italiane e non per aiutare la Gede Special School. Iniziative che hanno innestato una vera e propria “gara” di solidarietà che...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO