Gede e dintorni

LUOGHI DI INTERESSE

Le rovine di Gede

I resti di un antico insediamento arabo in mezzo alla foresta

05-04-2017 di redazione

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia rimasta traccia. La cittadina, che sembra ospitasse 3000 persone, fu abbandonata alla fine del 1500. Incerte le cause dell’abbandono, ma è probabile che fu un attacco della temibile tribù somala dei Galla, scacciati da Malindi, a distruggere buona parte di quella civiltà.
Nei secoli precedenti appariva come una cittadella fortificata, costituita interamente da rocce e pietre, abitata dal popolo swahili di origine araba. I suoi abitanti avevano rapporti commerciali con il Medio Oriente e l’India e le ricchezze dei suoi dignitari erano ingenti.
Ora le rovine di Gede (Gedi Ruins) sono diventate un museo nazionale, e quel che resta della pianta metropolitana  è immersa in una foresta di bellissime piante indigene, con moltissimi baobab e tamarindi.
Vale la pena fare una passeggiata e una visita, più per il contorno che per il reale valore storico dei resti. Tra una tomba e un portale, a volte può saltare fuori una scimmia, o in alcuni dei vecchi pozzi può risuonare il verso di un gufo.
La storica città di Gede occupava una zona molto grande, intorno ai 44 ettari di terreno e aveva due grandi muraglie che la racchiudevano.
Le mura interne erano il quartiere dove vivevano i ricchi. La parete esterna racchiusa in 18 ettari comprendeva anche terreni agricoli e piantagioni con un certo numero di capanne di fango e makuti per i poveri contadini.
All’interno delle mura principali c'è una tomba corallina con la data incisa in bella calligrafia araba, 1399. Dalla tomba datata, si può vedere la Grande Moschea con uno spettacolare pozzo profondo, noto come il "Pozzo della Grande Moschea" che deve essere stato utilizzato per le abluzioni ed è ancora visibile. Sull'altro lato della moschea si trova la tomba degli imam con il grande pilastro ottagonale.
Inoltre nella foresta, si può vedere il palazzo reale del 15° secolo e le camere delle donne, che non avevano finestre, con altre stanze prive di porte che si ritiene siano state utilizzate dai nobili per conservare ori e gioielli. L'unico modo per entrare in quelle stanze era attraverso un passaggio segreto dal tetto.
Nel 1927, la città storica di Gede è stata dichiarata monumento storico e sono iniziati gli scavi e i successivi lavori di conservazione sono stati effettuati in modo tale da riportare alla luce le aree di interesse storico dell’i insediamento.
Le rovine di Gede e il relativo museo nazionale sono aperti al pubblico tutti i giorni dalle 7 alle 18.

TAGS: Gede RovineGedi RuinsWatamu escursioniWatamu vedere

Riparte ufficialmente la stagione della costa del Kenya e con essa la vita vacanziera della cittadina turistica più acclamata dello scorso anno.
Watamu è pronta a fare il pieno anche quest'anno, grazie al suo mix di tutto quello che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa località turistica del Kenya.
Venti chilometri prima

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sarà anche un bar con la riproduzione delle rovine di Gede (Gede Ruin Coffee Shop) tra le meraviglie del nuovo Hemingways di Watamu.
Il luxury beach resort, residence e bar ristorante è in restyiling ormai da un anno e si prepara...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La scuola di Gede è davvero speciale.
Non soltanto perchè si chiama "special school" e perché i suoi studenti sono bambini straordinari, ma perché riceve e trasmette amore.
Quello che si può fare per la scuola per disabili motori e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

I residenti e le comunità della foresta di Arabuko Sokoke protestano contro gli scavi ai suoi margini.
La grande foresta pluviale della costa keniana, che da Gede si estende fino a Matsangoni a sud e a Mijomboni e Jilore a...

LEGGI TUTTO

Decine di operai al lavoro in questi giorni sul tratto di strada tra Gede e Watamu per scavi e posa delle fibre ottiche per conto di una società keniana istradata dai cinesi.
Motivo dei nuovi collegamenti, la posa delle fibre...

LEGGI TUTTO

La riapertura della scuola, nei giorni scorsi, è stata festeggiata in maniera particolare alla Gede Special School.
Un po' perché già di per sé la scuola vicino a Watamu è un ambiente particolare che stringe il cuore e affetta l'anima,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Loro sono i più puri, i più dolci e i quelli irrimediabilmente senza speranza, se non quella di un sorriso e di gioie date dalla solidarietà che non pretende domani, che non chiede riconoscenza e che non può costruire il...

LEGGI TUTTO

La passione per il Kenya, l'incanto di Watamu e l'incontro con la gente del posto possono fare piccoli miracoli.
Come ad esempio aiutare a far nascere dal nulla una scuola, dove le possibilità di avere un'educazione decente sono minime.
 

LEGGI LA STORIA E GUARDA LA FOTOGALLERY

Anche una “graphic novel” sul Corriere della Sera e un racconto autopubblicato a sfondo sociale, tra le tante iniziative italiane e non per aiutare la Gede Special School. Iniziative che hanno innestato una vera e propria “gara” di solidarietà che...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Avete mai sentito parlare del toporagno elefante?
E' una delle specie animali che ancora sopravvivono nella foresta di Arabuko Sokoke, tra Gede e Mida, non distante da Watamu.
E' un luogo di visite turistiche ma mai abbastanza pubblicizzato, perché impervio...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Migliaia di appassionati si sono dati appuntamento in questi giorni a Watamu per uno spettacolo unico, per certi versi comparabile alle grandi migrazioni in savana. Sicuramente per i patiti di mare la grande migrazione delle balene dal Madagascar all'India è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Camping Safari". 
E' la nuova frontiera delle escursioni esclusive, per chi ama davvero la Natura selvaggia africana e vuole vivere a diretto contatto con l'habitat di fauna e flora, senza rinunciare a sicurezza e comfort.
Sempre più turisti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ricomincia la stagione e potrebbe essere il momento giusto per pensare di aprire un'attività a Watamu, cittadina turistica tra le più apprezzate e richieste dell'intera costa orientale africana. E' in vendita infatti a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO