Storie

MUSICA

Quando Gabriel Omolo cantava l'ora di pranzo (e la fame) del Kenya

Il musicista autore di "Lunch Time" ci ha lasciati, ma il suo brano risuonerà sempre

07-01-2018 di Freddie del Curatolo

Gabriel Omolo è stato uno dei grandi musicisti keniani.
Suonava il "benga", uno dei ritmi caratteristici della zona del Lago Vittoria, una musica centrafricana che ricorda il "lingala" zairese e le melodie del Congo, molto più famose ed esportate di quelle del nord del Kenya.
Forse anche meno commerciali, meno "pop" nei suoni.
Ma il successo di Omolo fu parlare alla gente comune, nei primi anni Ottanta, con una canzoncina allegra che in fondo affrontava con garbo e serenità un tema forte come quello della fame, della povertà, di chi aspettava l'ora di pranzo per consumare un chapati e un piatto di fagioli, se andava bene, altrimenti per andare a riposare, dopo il lavoro e prima di riprendere a faticare, perché non aveva niente da mangiare.
"E' ora di pranzo, si smette di lavorare, si va a mangiare e poi si torna alle due in punto..." così iniziava la canzone che potete ascoltare nel video qui sopra. Di seguito invece il testo originale.

Sasa ni lunchtime
tufunge makazi
twende kwa chakula
tuje tena saa nane
wengine wanakwenda
kulala uwanjani
kumbe ni shida ndugu
njaa inamwumiza
wengine wanakunywa
soda na keki
huku roho yote
kwa chapati na ng’ombe
na wengine nao wazunguka maduka
huku wakijidai
wanafanya window shopping
kufika mwisho wa mwezi
uwanja thire mundu
ukiona anayelala
pia asiye na kazi
wamekwenda wote
kula hotelini
wengine kwa biriani
wengine kuku na wali
watu wa Industrial Area
watoroka maharagwe
waenda hotelini
kwa chapati na ng’ombe
na wengine nao
wale mishahara juu
siku hiyo wote
kwa hoteli za wazungu
kumbe shida ndio hufanya
mtu kulala chini ya miti
kumbe shida ndio hufanya
mtu kung’ang’ana na maharagwe
kumbe shida ndio hufanya
mtu kuonekana kama mtoto
nimeelewa eeh, nimeelewa oh
nimejua kumbe ni shida oh
nimeelewa eeh, nimeelewa oh
nimejua kumbe ni shida oh
kumbe shida ndio hufanya
mtu kulala chini ya miti
kumbe shida ndio hufanya
mtu kung’ang’ana na maharagwe
kumbe shida ndio hufanya
mtu kuonekana kama mtoto
nimeelewa eeh, nimeelewa oh
nimejua kumbe ni shida oh
nimeelewa eeh, nimeelewa oh
nimejua kumbe ni shida oh

TAGS: gabriel omolocanzoni kenyamusica kenya

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo il successo dei martedì in jazz e degli spettacoli di Freddie e Sbringo sugli italiani in Kenya, il Come Back Club di Watamu punta sempre più sulla musica di qualità e dal vivo in prima serata.
Questo venerdì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le serate live del Come Back Club di Watamu si impreziosiscono con un concerto davvero straordinario, questo venerdì.
Sul palco del locale di Watamu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grande restyiling per Papa Remo Beach, la storica spiaggia organizzata di Watamu che riapre i battenti oggi, giovedì 20 luglio per la stagione.
Quel che salterà agli occhi subito è il salto di qualità d'eleganza con il bianco a farla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Paparemo Beach archivia alla grande il ritrovo del giovedì sera, con l'happy hour sulla spiaggia della baia dell'amore a Watamu. 
La serata ormai diventata un punto fisso del divertimento e dello stare insieme nella località turistica, sempre a suon di...

LEGGI TUTTO

Come tutte le settimane, stasera a Watamu si balla con la discoteca del Papa Remo Beach
Il locale nella splendida Baia dell'Amore apre le porte al beach party e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grave lutto ha colpito la comunità di Watamu e la solidarietà in Kenya. 
E' mancato dopo lunga malattia, all'età di 68 anni, Mario Rossi, ideatore e fondatore della Marafiki Primary School sull'isola di Kadaina nel Mida Creek, progetto che...

LEGGI TUTTO

Chiude in bellezza la stagione delle feste serali del Papa Remo Beach.
L'esclusivo locale sulla spiaggia dell'amore di Watamu da l'arrivederci ai suoi mercoledì sera a base di cocktail, buffet e musica da ascoltare, e all'ormai storico beach party del...

LEGGI TUTTO

Un weekend tutto da vivere quello di sabato 22 e domenica 23 ottobre a Watamu.
E' di scena l'edizione 2016 del Watamu Sports Festival a Turtle Bay Beach.
Una due giorni a base di sport, musica con concerti e dj...

LEGGI TUTTO

Una cena con menu à là carte di pesce o di carne e poi tutti con i piedi nudi sulla sabbia a ballare con il beach party.
Questo l'accattivante programma del Papa Remo Beach, il bar ristorante con spiaggia organizzata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prosegue alla grande la stagione del Paparemo Beach di Watamu.
Lo splendido ed esclusivo locale sull'Oceano Indiano nella baia delle sette isole (detta anche baia dell'amore) abbina alle giornate di mare con i lettini sulla spiaggia, l'elegante ristorante e il...

Con gli aperitivi di Mirko al tramonto, inizia la consueta due giorni di festa al Papa Remo Beach di Watamu.
Lo splendido locale piéd-dans-l'eau davanti alle sette isole dell'amore e ad una delle più belle baie della costa africana, diventa...

LEGGI TUTTO

Pranzare in uno dei più eleganti ed appartati boutique hotel di Watamu, sulle rive della Jacaranda Bay.
Proprio di fronte agli isolotti di sabbia di “Sardegna Due” e rilassarsi sui lettini della splendida spiaggia privata? 
 

LEGGI TUTTO

Io ed Enrico abbiamo coronato un sogno in Kenya, e precisamente a Watamu.
Siamo una coppia nella vita già da sei anni, ma avevamo voglia di coronare il nostro amore con una cerimonia indimenticabile e una grande festa da condividere con...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Cenare sotto l'affascinante e romantica luce della luna piena, con i piedi sulla sabbia bianca e sotto gli occhi il luccichio dell'Oceano Indiano.
Cose che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO