Personaggi

PERSONAGGI

Patricia, l'inglese italiana (e un po' keniana) di Watamu

Da "Taste Italy", prodotti di casa nostra e simpatia senza confini

14-08-2017 di Leni Frau

Chi frequenta Watamu, ci vive o trascorre qui le vacanze, ormai non fa più caso che uno dei sorrisi più piacevoli da incontrare nella comunità italiana e che come se non bastasse propone prodotti enogastronomici della nostra Penisola, sia inglese.
E non è per il suo ottimo italiano, né per la solarità più mediterranea che "british", ma con quell'inconfondibile inflessione che un anglosassone non riuscirà mai a togliersi (e forse nemmeno vuole), Patricia Davey, per tanti semplicemente Pat, è soprattutto un volto amico.  
Un po' italiana, ormai anche un po' africana, ma fondamentalmente inglese, chi meglio di lei può rappresentare Watamu?
Nel negozio "Taste Italy" che gestisce insieme al marito Marco Cavalli, che è anche corrispondente consolare italiano della cittadina turistica, la sua disponibilità è piacevole e gustosa come i prodotti che vende e che alleviano la nostalgia culinaria (che spesso è l'unica nostalgia) del nostro Paese.
"Mi sono trasferita giovanissima in Italia, nel 1975 dopo gli studi a Cambridge, la mia città natale in Inghilterra - racconta Patricia - volevo fare la classica vacanza-lavoro per imparare l'italiano e poi tornare con un bagaglio di esperienza in Inghilterra e invece...il Belpaese mi ha stregato".
E’ così che conosce Marco, che era proprietario di una struttura alberghiera ad Asti, e inizia a lavorare insieme a lui, fino al 2009, anno in cui decidono di trasferirsi definitivamente a Watamu, dopo tante stagioni di ferie in Kenya.
“Quest’anno sono 22 anni che ci frequentiamo, abbiamo sempre lavorato insieme. Il segreto del nostro affiatamento? - scherza Pat - E' perché sono troppo buona e accondiscendente...in realtà è strano pensare di vivere e lavorare sempre insieme senza pestarsi i piedi, ma per noi resta sempre un piacere”.
Galeotta fu la prima vacanza al "Temple Point", nel 1995.
"Ci ha colpito subito la bellezza del posto, il mare il verde, la calma e la tranquillità di tutto l’ambiente che ti circonda e che ti inebria. Come molti, abbiamo iniziato a tornare tutte le stagioni, fino a quando nel 2001 abbiamo deciso di acquistare una casa tutta nostra“.
Nove anni fa, poi, il grande salto.
Quello in cui se hai l'Africa dentro e tutto quello che un luogo come Watamu rappresenta per la tua anima e la tua filosofia di vita, può scattare una decisione storica, una scelta di vita.
Marco e Patricia decidono di cedere l'albergo in Italia e si prendono qualche mese per viaggiare e conoscere il mondo.
Abbastanza per poter dire che il famoso "Mal d'Africa" esiste.
"Abbiamo capito che se c'era un posto per noi nel mondo, quello era il Kenya - ammette Pat -  quando sei lontano da qui, dopo un po’ ti manca terribilmente. In Europa tutti tendono a lamentarsi, qui la gente ti infonde una filosofia semplice ma vera, perché loro avrebbero tanti motivi di lagnarsi o recriminare e invece prendono la vita sempre dal lato positivo e sorridono sempre. Non hanno nulla eppure sono sempre pronti ad approcciarsi con serenità”.
Dopo il grande salto, ci vuole un atterraggio che tenga con i piedi per terra anche in una terra morbida e "pole pole" come il Kenya.
Un lavoro, come spesso avviene qui, non per diventare ricchi, ma per mantenersi e avere qualcosa da fare con passione e serietà.
"E' stato il nostro amico malindino Rakesh, titolare di Milano Electronics, a farci scattare la molla - ricorda Patricia - lui veniva ogni anno a trovarci ad Asti, dove Marco ha ancora un’azienda agricola di famiglia. Girando per cantine, ci ha incoraggiati ad aprire un piccolo negozio di import di prodotti italiani. Ed eccoci qui! Abbiamo avuto la possibilità di espandere la nostra attività, ma ci va bene così. Watamu è cambiata molto da quando siamo arrivati e abbiamo iniziato ad amarla come turisti. E’ una bella cittadina, viva, sicura, ci stiamo bene e piace anche ai nostri parenti per il mare, l’atmosfera e la cordialità delle persone”.
Pat, l'italiana ormai un po' keniota. Ma in che cosa è rimasta britannica? 
“E’ stato utile tirare fuori la mia indole "british" per avere un rapporto di rispetto reciproco con lo staff - ammette la contitolare di Taste Italy - qualche volta per me è incomprensibile il loro comportamento, capita spesso che facciano degli errori più o meno gravi, ma ho sempre dato più importanza al loro lato divertente.  Alla fine se non rispetti e non ti piace un po' questa gente, non puoi vivere qui”.

TAGS: Taste Italy KenyaItalia WatamuPatricia DaveyMarco Cavalli Kenya

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Kikambala shrimp rice is a flavorful and lively dish that definitely resembles the more famous and common...

READ ALL

Among the many pleasures and reasons for well-being that holidaying in Kenya can inspire, sport is a staple.
In Watamu, the most fashionable tourist destination with the upswing in travel and the return to...

READ THE ARTICLE

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La stagione non è ancora finita e Watamu continua ad attirare turisti e immancabilmente vip e influencer.
Il ...

LEGGI L'ARTICOLO

La Moda italiana sbarca in Kenya e precisamente a Watamu. 
La griffe Missis Di., sinonimo del Made in Italy, ha scelto il Paese africano per conquistare turisti e residenti. 
Si tratta di abbigliamento, borse e accessori ricercati, tutti prodotti e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni anno è una festa per i bambini di Watamu, ma dietro c'è il gran lavoro della Onlus italiana "Mai Più Violenza Infinita" e dell'organizzatrice Virginia Ceravolo che rende la vita migliore a tanti piccoli scolari della cittadina, con l'aiuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Uno speciale sul Kenya, con gran risalto a Watamu e al nuovo corso turistico che sta rilanciando la destinazione più fascinosa della costa keniana.
E' andato in onda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu è una delle località "Boom" degli ultimi dieci anni.
Lo segnala il canale dedicato al...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento unico è fissato per venerdì 10 gennaio al Come Back di Watamu, per una serata di ...

LEGGI L'ARTICOLO

"Mi ha fatto davvero piacere tornare a Watamu dopo un anno e vederla rifiorita di turisti":
Così l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni, a margine del concerto del violinista Francesco D'Orazio, ieri a Malindi.
Parlando con watamukenya.net, Massoni ha ribadito l'interesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una conferma della voglia di ripartire sulla destinazione costiera del Kenya arriva anche dalla compagnia aerea Turkish Airlines, che dopo aver ripreso nelle scorse settimane la rotta Istanbul-Nairobi, è pronta...

LEGGI TUTTO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Quelli che sono arrivati a Watamu vent’anni fa in vacanza e non sono ancora ripartiti.
Quelli che sono in Kenya da tre giorni ma hanno già capito tutto..."
Così ha iniziato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non immaginavamo di ricevere così tanti messaggi, mail, post sulle varie pagine e gruppi di Facebook che parlano di ...

LEGGI L'ARTICOLO