Ultime Notizie

SATIRA

Cianni Pino, vacanze a Watamu

Il ritorno di un turista più che italiano

11-09-2020 di redazione

Io in Chenia non ci volevo tornare.
Non che non mi aveva piaciuto, anzi di più!
Mi avevo goduto addosso a profusione.
Il mare blu, il cielo turchese, le spiagge rosade, e anche le donne belle colorate, altro che il grigio d’Itaglia che una volta era bianco rosso e verdone.
Non ci volevo tornare soprattutto perché avevo letto delle cose brutte, che ti poteva succedere che andavi in un bar italiano e ti rapivano oppure ti mettevano delle medicine scadute nel caffè, o ancora che magari ci avevi voglia di aiutare un bambino povero e poi lo venivano a sapere e ti licenziavano in ufficio al tuo Paese.
Mi avevo quasi terrorizzato ma il mio amico Geppe, che è un uomo girato perché ha stato anche a Santo Domenico e a Dubai, mi ha detto tranguillo in Chenia non ci ha mica solo Malindi, puoi scegliere mille altri posti belli lo stesso.
Malindi è meglio perché parlano tutti l’italiano e qualcuno anche il dialetto dell’Irpinia.
E io ci ho chiesto ma negli altri posti belli ci sono le spiagge rosade e le donne colorate?
Quante ne vuoi solo che si chiamano in maniera diversa.
Le spiagge?
Anche le donne!
Quella che magari si chiamava Jennifer a Malindi, da un’altra parte si chiama Priscilla.
O viceversa.
Così sono preso coraggio e ho fatto il biglietto per Watamu.
Allora ti dico subito che le spiagge sono più bianchissime che a Malindi, ma in spiaggia più che donne belle colororate ci sono maschioni con le trecce che ti chiamano amigo.
Scusa ma io amico di un maschione con le trecce non ho mai stato neanche da piccolo a carnevale.
Ci sono tante donne bianche invece che hanno diventate amiche dei maschioni, sarà per le trecce che infatti anche loro se le hanno fatte.
Uno degli sport preferiti che fanno queste donne con i maschioni è andare in motocicletta per l’Africa. Alla fine ci vanno così tanto che si comprano anche la moto.
Che la usano sempre loro.
I maschioni non so se si possono comprare, ma affittare credo di sì.
A Watamu è tutto turistico: hanno le bancarelle turistiche, i villaggi turistici, i ristorantini turistici, i negozietti turistici, anche molti turisti sono turistici con gli zainetti in spalla e i bambini in braccio.
O viceversa.
Mi ho segnato un po’ di differenze tra Malindi e Watamu.
A Malindi sono tutti vecchi, a Watamu sono tutti giovani.
E quelli di mezza età dove cacchio vanno?
Non c’è neanche un bar con la televisione raitalia e le partite del Benevento.
A Malindi gli inglesi sono tutti rinchiusi al driffud.
A Watamu vanno in giro a piede libero possono mangiare la pizza e bevono anche il cappuccino.
A Watamu se conosci un muzzungu, dopo un po’ che lo frequenti ti porta a pescare.
A Malindi se conosci un muzzungu, dopo un po’ che lo frequenti ti porta in Corte.
A Malindi tante strade hanno le buche, a Watamu tante buche non hanno ancora una strada tutta per loro.
A Malindi si mangia bene, a Watamu non si mangia mica male.
Ho andato in un ristorante sul mare e sono mangiato un’aragosta che era la stessa di Malindi.
Probabilmente arrivano qui a nuoto, che via mare non è lontano.
A Watamu si mangia troppo gelato dappertutto.
A Malindi si mangia il gelato di Watamu.
La sera anche a Watamu c’è fermento, anche se si chiama in un altro modo.
Però sono tutti posti un po’ ascellari senza aria condizionata, importante però i camerieri capiscono gin tonic in italiano e anche birra capiscono tascher.
Le donne di notte a Watamu hanno un po’ più care e fai più fatica a trovarne una diversa da tutte le altre.
Hanno molto uguali e non ce ne sono tante altre.
Un italiano che vive a Watamu da prima che esistesse mi ha detto che devi essere amico di un treccione e allora è più facile, perché lui ti presenta le sue amiche (non quelle bianche con la moto, no) che hanno un po’ diverse. Magari non studentesse come quelle di Malindi, perché a Watamu non hanno scuole così professionistiche, ma forse un po’ segretarie o infermiere o disoccupate simpatiche.
Comunque ho deciso che torno a Malindi, ha fatta più per me.
Torno a Malindi anche perché sono lasciato tanti amici italiani lì, così tanti che mi devono pure dei soldi.
O viceversa.

TAGS: satira kenyaitaliani kenyacianni pino

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ormai il titolo che da tempo le è stato conferito, quella di "Perla dell'Oceano Indiano" non glielo toglie più nessuno.
Questo agosto è quanto mai la stagione di consacrazione di Watamu.
Nonostante un tempo non perfetto (ma per gli italiani,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non Solo Gelato è sempre più "non solo" e sempre più il punto di ritrovo quotidiano di Watamu.
La mitica gelateria pasticceria dove si gustano le specialità di Anna e fino alla scorsa stagione era possibile sorseggiare anche un buon caffè...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Watamukenya.net ha chiesto a un campione di cittadini keniani della costa, divisi in fasce sociali, di età e di origine

LEGGI TUTTO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come tutte le settimane, stasera a Watamu si balla con la discoteca del Papa Remo Beach
Il locale nella splendida Baia dell'Amore apre le porte al beach party e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento unico è fissato per venerdì 10 gennaio al Come Back di Watamu, per una serata di ...

LEGGI L'ARTICOLO

In controtendenza con molti resort e villaggi turistici che hanno chiuso i battenti, specialmente per la mancanza di charter e voli continuativi, ma anche per ristrutturazioni e manutenzione stagionale, il 7 Islands Resort di Watamu rimarrà aperto nella bassa stagione.LEGGI TUTTO

Una serata dal sapore anni Sessanta e Settanta, questo sabato al Paparemo Beach di Watamu, con la splendida voce della cantante del gruppo Bandiera Gialla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non occorre attendere le vacanze di Natale per vedere animarsi Watamu.
Presto arriveranno gli habitué italiani che, crisi timori o referendum a parte, non hanno intenzione di perdersi il clima, la tranquillità e la natura della costa keniota nemmeno quest'anno.LEGGI TUTTO

La più amata dai turisti italiani in Kenya, la più frequentata dai keniani per le feste, la più riscoperta da inglesi e americani e una piacevole novità per tutti gli altri viaggiatori internazionali.
Questo il nuovo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Una risposta convinta, importante che ribadisce l'unità d'intenti delle comunità straniere di Watamu per garantire la sicurezza della località turistica, di chi la frequenta e di chi ci vive. 
La cena della "Watamu Against Crime" venerdì scorso all'Ocean Sports ha...

LEGGI TUTTO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO