Storie

SAVANA

Addio al Bigi, lo storico campo tendato nello Tsavo non riaprirà più

Il lodge è stato per 30 anni un "must" per i safari dalla costa keniana

12-06-2018 di Freddie del Curatolo

In trent’anni ha accolto migliaia di appassionati di safari e tanti neofiti ha fatto innamorare dell’Africa e della sua natura selvaggia. Il Bigi Camp nello Tsavo Est, completamente sommerso dalla piena del fiume Galana il mese scorso, non riaprirà mai più.
La sofferta decisione è stata maturata dal suo proprietario, il pioniere italiano dei safari fotografici e della caccia grossa Valter Bigi.
“La tristezza è infinita – spiega a malindikenya.net con gli occhi lucidi – ma non ci sono proprio le condizioni per rimettersi all’opera per riaprire il campo, che è andato completamente distrutto. E’ andata così e dobbiamo accettare la legge dell’Africa. Portiamo con noi il ricordo di un luogo speciale, che ci ha dato grandi soddisfazioni, specie negli anni d’oro del turismo sulla costa keniana”. 
Bigi è una di quelle persone splendide che, vivendo in Kenya da italiano, si è profondamente onorati di poter incontrare e conoscere. Come tanti suoi coetanei arrivati in Kenya negli anni Cinquanta, ha scritto una pagina della storia dei nostri connazionali in questo Paese.
Cugino della mitica Nenella Tozzi, scomparsa l’anno scorso, come lei emiliano di Reggio, Valter Bigi è stato un leggendario cacciatore, quando quelli che andavano per la savana col fucile cercavano solo trofei e record, e grazie a loro non esisteva il bracconaggio.
Nel 1977, con l’abolizione della caccia da parte del Presidente Jomo Kenyatta, convinto dal monarca d’Olanda, Bernardo, Bigi ha deciso di darsi al turismo contemplativo, creando con il figlio Oscar e la moglie Sara nello Tsavo Est, il parco nazionale con più animali, uno splendido campo tendato su una delle più suggestive anse del fiume Galana, davanti a una maestosa collina.
Nessuno lo chiamava col suo nome originale "Epiya Chapeyu", per tutti era il "Bigi".
Al Bigi era un classico avere la visita mattutina di un elefante “amico” che passeggiava innocuo e tranquillo mentre prendevi il tuo caffè, e vedere gli ippopotami cercare la riva del fiume, a pochi metri da dove consumavi il tuo aperitivo la sera.
Al Bigi Camp si mangiava alla grande (incredibile che con tutte le meravigliose emozioni che puoi provare in un safari, ti possa ricordare di un piatto di ravioli), prerogativa che è sempre stata di Bigi: “fin da quando portavo i cacciatori in Kenya e Tanzania, da buon emiliano ho pensato che offrire una buona cena predisponesse i clienti a godersi al meglio l’avventura. D’altronde la concorrenza nel nostro mestiere arrivava dagli inglesi, che certo non erano dei maestri dei fornelli…”.
Per una volta ancora, chi ci è stato, può chiudere gli occhi e immaginarsi cullato dalla brezza del primo pomeriggio, quando al massimo del relax si attende che il caldo dia un po’ di tregua per tornare sulle piste rosse ad ammirare i protagonisti della grande sceneggiatura della savana. Può sentire sulla pelle la stanchezza viva della giornata, al tramonto, scaldarsi al tepore di un falò bevendo una tusker e, dopo cena, abbandonarsi agli ultimi rumori: un uccello notturno, una iena in lontananza, la zip della tenda che si chiude, il generatore che si spegne. Cala la notte sul Bigi Camp e sulla sua storia straordinaria, ma i ricordi nel cuore di chi lo ha frequentato vivranno per sempre, in quello stesso angolo di mondo.

TAGS: bigi campvalter bigibigi tsavosavana malindi

Da qualche giorno, il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo Est, ha un nuovo proprietario.
L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo...

LEGGI TUTTO

Il safari è un'emozione unica, imperdibile per chi frequenta il Kenya.
Non solo per chi si approccia per la prima volta a questa terra meravigliosa e cova il sogno di assistere alla bellezza della natura selvaggia e alla vita di...

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Quelli che sono arrivati a Watamu vent’anni fa in vacanza e non sono ancora ripartiti.
Quelli che sono in Kenya da tre giorni ma hanno già capito tutto..."
Così ha iniziato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la bellissima serata live di sapore latin-jazz, con il chitarrista e cantante Michel Ongaro, dall'incredibile voce baritonale e con i suoi ospiti a sorpresa, e la spettacolare esibizione della jazzista partenopea Simona De Rosa , il Come Back Club...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le mille possibilità di godere la Natura che il Kenya, e particolarmente la sua costa, possono vantare, c'è sicuramente il paesaggio marino dominato dalle mangrovie.
Queste piante che affondano le loro radici in terreni che si nutrono di acqua...

LEGGI TUTTO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa località turistica del Kenya.
Venti chilometri prima

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono una ventina nel mondo, uno per nazione.
Nel Continente Nero solo in Kenya, Uganda, Ghana e Sudafrica. E quello keniano è a Watamu.
Stiamo parlando dei centri di ricerca della NGO internazionale "A Rocha", un gruppo di studi per...

LEGGI TUTTO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I residenti e le comunità della foresta di Arabuko Sokoke protestano contro gli scavi ai suoi margini.
La grande foresta pluviale della costa keniana, che da Gede si estende fino a Matsangoni a sud e a Mijomboni e Jilore a...

LEGGI TUTTO

Nairobi, savana e infine Malindi e Watamu.
La soubrette e modella Nina Moric è rimasta stregata dal Kenya e in particolare da Watamu.
Proprio ieri ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è la seconda meta mondiale consigliata ai single, secondo il portale speedvacanze.it.
La statistica che mette sul podio il Kenya e la sua più bella meta marina, stila una classifica in base alle preferenze dei lettori ma anche...

LEGGI TUTTO

Il fenomeno delle piccole piogge in Kenya da sempre si riferisce a questo periodo (fine ottobre, primi di novembre).
Avviene solitamente in coincidenza con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu da record, l’associazione degli hotelier conferma l’aumento fino al sessanta per cento di occupazione alberghiera rispetto all’anno scorso.
Il responsabile della costa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO