Storie

LA STORIA

Caterina, dagli slum di Nairobi alle capanne di Malindi

Un viaggio nelle pieghe del Kenya per amore degli altri

24-10-2016 di redazione

Per molti di noi è impensabile intraprendere un'esperienza di volontariato in uno dei bassifondi del mondo, nello slum di Nairobi che rivaleggia con le favelas brasiliane per conquistare la triste maglia nera dell'agglomerato suburbano più povero e derelitto del pianeta.
Ma anche per chi decide di affrontarla, spesso rimane un'avventura toccante, umanamente profonda, terribile e gloriosa al tempo spesso, che lascia il segno ma che poi magari rimane lì, come un tatuaggio indelebile e basta.
Per Caterina Padova, volontaria comasca, invece Korogocho è ormai parte della vita.
E' un impulso preponderante, qualcosa che cammina insieme a lei tutti i giorni.
Ma non basta, non è tutto, l'opera di volontariato nelle scuole della baraccopoli più grande d'Africa a volte è estenuante, cattura come poche altre cose.
Eppure per lei Korogocho è la base su cui costruire la sua seconda natura, la vita parallela da donna africana.
Attratta dalla dignità degli ultimi della terra e dallo splendore del Kenya, Caterina da Nairobi in pullman è arrivata a Malindi per conoscere la tribù più bistrattata e dimenticata del Kenya, i giriama. 
Ci aveva conosciuto durante una delle nostre tappe italiane in cui abbinavamo alle meraviglie della natura keniana, presentate grazie alle immagini e alle suggestioni del Kenya Tourist Board, la storia di questa etnia i cui pochi sostenitori, spesso persone anziane, lottano per non perdere le loro tradizioni e la loro cultura. "Una battaglia commovente, da appoggiare assolutamente - ha pensato Caterina, quando a Como ha chiesto informazioni sui Mijikenda, sui loro usi e costumi e sul perché di questo abbandono da parte delle nuove generazioni, che arrivano anche ad ammazzare i loro padri e nonni, accusandoli di essere retrogradi, di credere ancora nella stregoneria e praticare riti magici.
La giovane lariana è arrivata a Malindi e ha voluto incontrare i componenti della Malindi District Cultural Association, per farsi spiegare le loro ragioni ed ascoltare la loro storia, che come un tempo viene trasmessa solo oralmente. Eccola nelle capanne costruite come cent'anni fa, fango e palme secche, cucina a carbone e le icone in legno degli antenati a proteggere il focolare domestico. 
Non ci sono libri, se non qualche trattato di antropologia, che possano spiegare come vive, cosa pensa, come si rapporta un giriama con il resto del Paese, di una nazione in continua crescita, che abbraccia lo sviluppo occidentale ma crea anche situazioni al limite della sopportabilità umana come Korogocho, Kibera e Mathare a Nairobi.
Ed ecco Caterina a Malindi indossare gli abiti tipici delle donne giriama, il kishutu in vita e l’hando, la tipica gonnellina tradizionale. Insieme con lei due ragazzi di Korogocho che l’hanno accompagnata nell’escursione verso sud e che nulla sapevano dell’etnia più a sud del loro Paese.
“Da oggi ci sentiamo un po’ mijikenda anche noi – dicono i due ragazzi – dalla loro storia e dalle loro tribolazioni arrivò il primo impulso rivoluzionario e indipendentista del Kenya”.
Proprio così: Caterina vuole conoscere allora la storia di Mekatilili Wa Menza, l’eroina giriama che per prima nel Paese sfidò l’autorità britannica. E’ l’avvocato Joseph Karisa Mwarandu, fondatore dei MADCA, a raccontare alla donna italiana la storia del suo popolo.
Esperienze che sicuramente non valgono, per generosità e coraggio, quelle del volontariato a Korogocho, ma che chiunque frequenti Malindi, anche solo per una vacanza, dovrebbe fare, per calarsi completamente nel luogo in cui trascorre il suo tempo e per il piacere di un giorno di conoscenza e condivisione. Grazie, Caterina. Asante sana!

TAGS: Caterina PadovaVolontariato NairobiMijkendaJoseph Mwarandu

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Quattro giorni di promozione, accordi e distribuzione serrata a Nairobi per la terza edizione del magazine "What's Best in Kilifi County", prodotto da malindikenya.net e watamukenya.net per pubblicizzare le destinazioni turistiche della Contea di Kilifi e in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi per tre giorni Watamu si promuove nel centro di Nairobi.
Un'iniziativa importante per mostrare le bellezze della località turistica costiera al turismo "domestico" della Capitale, che ha dimostrato da due anni a questa parte grande interesse per la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio Mal d'Africa ha un nome, Watamu.
Conosco poco del Continente Nero, ho visitato il parco nazionale dello Tsavo e la riserva dell'Amboseli, ho visto le cascate Vittoria in Zambia e ho fatto volontariato per due settimane in Uganda.LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Anche una “graphic novel” sul Corriere della Sera e un racconto autopubblicato a sfondo sociale, tra le tante iniziative italiane e non per aiutare la Gede Special School. Iniziative che hanno innestato una vera e propria “gara” di solidarietà che...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Nonostante la pessima idea dei voli charter di anticipare la chiusura della stagione turistica italiana al 31 marzo, la Pasqua a Watamu si prevede felice, rispetto agli scorsi anni.
Sono in arrivo infatti, stando alle prenotazioni, parecchi turisti da Nairobi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono ancora stand disponibili per chi volesse promuovere la propria struttura o attività di Watamu nel "Watamu Gateway Expo" che è stato organizzato dalla Domain Innovation Marketing in collaborazione con il 7th August Memorial Park di Nairobi, un parco...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu a Pasqua è stata il set di un matrimonio indiano da mille e una notte.
La spiaggia dell'amore, il 7 Island Resort e Paparemo beach, le location scelte da due giovani rampolli dell'alta società indiana di Nairobi, Sonya e...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Watamu ha lasciato un segno del cuore dei keniani di Nairobi in vacanza, durante queste feste natalizie e di Capodanno.
Lo dimostra innanzitutto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ottimismo del settore turistico keniano, dopo le elezioni presidenziali e la loro coda di attese, ansie e incidenti a nord del Paese, non è un mistero.
I media internazionali che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un weekend tutto da vivere quello di sabato 22 e domenica 23 ottobre a Watamu.
E' di scena l'edizione 2016 del Watamu Sports Festival a Turtle Bay Beach.
Una due giorni a base di sport, musica con concerti e dj...

LEGGI TUTTO

Nairobi, savana e infine Malindi e Watamu.
La soubrette e modella Nina Moric è rimasta stregata dal Kenya e in particolare da Watamu.
Proprio ieri ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Mi ha fatto davvero piacere tornare a Watamu dopo un anno e vederla rifiorita di turisti":
Così l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni, a margine del concerto del violinista Francesco D'Orazio, ieri a Malindi.
Parlando con watamukenya.net, Massoni ha ribadito l'interesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO