Solidarietà

SOLIDARIETA'

Grande solidarietà per i bimbi speciali di Gede: per loro una graphic novel e un racconto

Tra i tanti contributi italiani e per la Gede Special School, una "striscia" sul Corriere e una pubblicazione

14-12-2017 di redazione

Anche una “graphic novel” sul Corriere della Sera e un racconto autopubblicato a sfondo sociale, tra le tante iniziative italiane e non per aiutare la Gede Special School. Iniziative che hanno innestato una vera e propria “gara” di solidarietà che piano piano trasformerà questa struttura un tempo desolantemente ignorata dalle istituzioni, in un modello di assistenza e dignità umana.
Nel novero delle donazioni, dei programmi e degli sforzi di chi ha preso a cuore in questi anni la scuola per disabili vicino a Watamu, segnaliamo due belle iniziativa che amplierà sicuramente il novero dei simpatizzanti dei progetti della scuola.
La prima è del quotidiano Il Corriere della Sera che ha pubblicato una “striscia”, frutto della creatività artistica del giovane grafico Mattia Pacifici.
Pacifici, che ha frequentato la famosa scuola del fumetto di Milano, sta realizzando una serie di bellissimi ritratti dei bambini speciali della scuola di Gede, su spinta di Maurizio Beghelli, uno dei privati che più si sono dati da fare per far funzionare al meglio la struttura, come abbiamo ampiamente testimoniato su questo portale. Beghelli ogni anno realizza agende, calendari ed altro materiale che servono a sponsorizzare progetti, come la "bakery" e il miglioramento di aule e servizi.
Tra i grandi donatori della scuola di Gede sono degni di menzione anche Giovanna Barletta e il marito Sergio che da tempo si danno da fare per migliorare la scuola speciale di gede con il loro gruppo "Gli Zii dei Rizikini".
Da quando vi portarono il piccolo Riziki, un bimbo sordomuto che all'epoca aveva 5 anni, Giovanna e Sergio hanno iniziato ad aiutare la GSS ma anche i sette fratelli di Riziki.
Gli "Zii dei Rizikini" hanno sostenuto la scuola e migliorato la sala disabili e i bagni, hanno acquistato materassi, sedie a rotelle ed altro e si stanno occupando ora di una piccola biblioteca. Giovanna poi ha scritto un racconto dal titolo "A Riziki, la finestra del cuore", il cui ricavato sarà destinato in parte alla famiglia di Riziki e in parte per continuare a migliorare la scuola di Gede. 
Ma i donatori sono tanti, a partire dalla Onlus Kuhenza, che stipendia il fisioterapista Dr. Musa e porta volontari da tutto il mondo, all’associazione elvetica Baobab e anche a gruppi di locali, come la squadra di calcio di Watamu con il suo coach Tony, che dopo gli allenamenti si presta a volontariato e sta riparando altre sedie a rotelle.
Aiutare gli "ultimi degli ultimi" è contagioso e porta tanta felicità: quella istintiva e infantile dei bimbi che la ricevono, e quella consapevole ed appagante degli adulti che la fanno.

FOTO GALLERY
TAGS: Gede Special SchoolMaurizio BeghelliScuola GedeAiuti italiani Kenya

La riapertura della scuola, nei giorni scorsi, è stata festeggiata in maniera particolare alla Gede Special School.
Un po' perché già di per sé la scuola vicino a Watamu è un ambiente particolare che stringe il cuore e affetta l'anima,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Loro sono i più puri, i più dolci e i quelli irrimediabilmente senza speranza, se non quella di un sorriso e di gioie date dalla solidarietà che non pretende domani, che non chiede riconoscenza e che non può costruire il...

LEGGI TUTTO

La scuola di Gede è davvero speciale.
Non soltanto perchè si chiama "special school" e perché i suoi studenti sono bambini straordinari, ma perché riceve e trasmette amore.
Quello che si può fare per la scuola per disabili motori e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

L'istruzione in Kenya vive momenti drammatici sotto molti punti di vista e lo Stato quasi mai è presente per risolverli.
Oggi riaprono le scuole dopo la pausa estiva e si va verso l'ultimo trimestre tra mille problemi.
Chi ne ha...

LEGGI TUTTO

Una grande festa per salutare Madam Martha Karo, la storica direttrice della Gede Special School che va in pensione, dopo dodici anni di lavoro e cieca dedizione per la nota scuola per disabili di varia natura tra Malindi e Watamu.
Un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Non ci stancheremo mai di segnalare le opere buone degli italiani sulla costa keniota.
Questa è la volta di una scuola elementare ed asilo (nursery and primary school) di Gede, voluta dalla Onlus "Jambo Watoto".
La Saint Dominique, dedicata alla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I residenti e le comunità della foresta di Arabuko Sokoke protestano contro gli scavi ai suoi margini.
La grande foresta pluviale della costa keniana, che da Gede si estende fino a Matsangoni a sud e a Mijomboni e Jilore a...

LEGGI TUTTO

Ci sarà anche un bar con la riproduzione delle rovine di Gede (Gede Ruin Coffee Shop) tra le meraviglie del nuovo Hemingways di Watamu.
Il luxury beach resort, residence e bar ristorante è in restyiling ormai da un anno e si prepara...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare del toporagno elefante?
E' una delle specie animali che ancora sopravvivono nella foresta di Arabuko Sokoke, tra Gede e Mida, non distante da Watamu.
E' un luogo di visite turistiche ma mai abbastanza pubblicizzato, perché impervio...

LEGGI TUTTO

Un grave lutto ha colpito la comunità di Watamu e la solidarietà in Kenya. 
E' mancato dopo lunga malattia, all'età di 68 anni, Mario Rossi, ideatore e fondatore della Marafiki Primary School sull'isola di Kadaina nel Mida Creek, progetto che...

LEGGI TUTTO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Da qualche giorno, il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo Est, ha un nuovo proprietario.
L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo...

LEGGI TUTTO

Un'altra opera di solidarietà nel campo dell'istruzione e della sanità a Watamu da parte della Onlus italiana "Mai più violenza infinita".
L'associazione presieduta da Virginia Ciaravolo ha concluso il suo terzo progetto umanitario a Watamu, con la collaborazione di Expoitaly. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa località turistica del Kenya.
Venti chilometri prima

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Migliorano le infrastrutture a Watamu.
E' un processo lento ma che da i suoi frutti, com'è stato precedentemente per l'illuminazione di tutta l'arteria principale e come sarà per il collegamento della strada costiera con Malindi, via Mayungu.
Ora è in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurata ieri la Thoya-Oya Children's home all'interno della Marafiki Primary School, sull'isola di Kadaina, tra le mangrovie del Mida Creek.
L'isola è già nota per essere stata presa sotto l'ala protettrice di un gruppo d'italiani, guidati dall'iniziatore Mario...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO