Ultime Notizie

COSTA DEL KENYA

Le zanne, la storia del simbolo di Mombasa

Sono diventate icona della seconda città del Kenya

08-11-2020 di redazione

Mombasa è sicuramente la città più antica del Kenya e uno dei porti storici dell’Africa Orientale. Gli altri approdi citati già nel decimo secolo dopo Cristo dai primi navigatori, sono oggi rovine di città (come Kilwa in Tanzania o Sofala in Mozambico) oppure sono rimasti insediamenti minori.
Come ogni città che abbia secoli di storia, Mombasa ha i suoi simboli: il più celebre è senza dubbio Fort Jesus, la fortezza eretta dai Portoghesi e più volte assaltata e passata di mano in mano, durante più di cento anni di guerre tra lusitani e arabi.
Il simbolo iconografico di Mombasa, però, non ha radici profonde nella storia della città-isola, ma le sue origini sono relativamente recenti, risalgono infatti al 1952.
Si tratta delle famose zanne di alluminio che sovrastano l’arteria centrale della città: quattro zanne d’elefante dal bianco colore che richiama l’avorio, posizionate ad incrociarsi e a comporre altrettanti archi nelle due corsie di marcia di Moi Avenue (un tempo Kilindini Road).
Le due iconiche zanne (Mapembe ya Ndovu) furono erette in onore della visita nella città della Regina Elisabetta, che soggiornò al Mombasa Yachting Club.
Originariamente le zanne erano di legno e furono erette proprio perché si sapeva che il Sovrano Britannico sarebbe passato da quella strada per recarsi dall’aeroporto di Mombasa alla residenza sul mare. L’idea era di rimuoverle quando la regina avrebbe fatto ritorno in patria, ma data la vicinanza con il parco Uhuru, luogo di ricreazione dei cittadini, le zanne diventarono quasi un’attrazione.
Non solo: molte agenzie di viaggio e commercianti iniziavano ad associare le loro attività alle due zanne, come simbolo di Mombasa, piuttosto che utilizzare Fort Jesus, le porte istoriate swahili, i dhow o qualche palazzo portoghese o indiano della città vecchia.
Fu così che nel 1956 la Municipalità decise di ricostruirle ancora più imponenti, utilizzando l’alluminio che avrebbe più facilmente resistito al caldo e alle piogge.
Tant’è che, con qualche riverniciata stagionale, le zanne sono ancora lì a campeggiare nel cuore della città ed oggi, oltre a cataloghi per viaggiatori, francobolli e immagini digitali, accolgono i selfie di turisti da tutto il mondo e ricordano che il Kenya è il Paese della fauna selvaggia e della savana, che dista poco più di cento chilometri dalla stessa Mombasa.

TAGS: mombasa zannesimbolo mombasastroria kenya

Concerto live dell'artista Kalicha da Mombasa questa sera al Mapango di Watamu.

LEGGI TUTTO

A Mombasa è un idolo, primo rapper a firmare per l'importante etichetta del divo Diamond Platinumz, la Wasafi Records.
Stiamo parlando di Suleiman Chikuku Abdallah, conosciuto dai fans e dai circuiti video-radiofonici con il nome d'arte di Chikuzee.
Il suo stile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Decine di operai al lavoro in questi giorni sul tratto di strada tra Gede e Watamu per scavi e posa delle fibre ottiche per conto di una società keniana istradata dai cinesi.
Motivo dei nuovi collegamenti, la posa delle fibre...

LEGGI TUTTO

Metti i due politici più importanti della costa keniana davanti a gelati e pasticcini, e la visita a Watamu diventa più dolce del solito.
Lontani dai fari della campagna elettorale e dalle

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamava "Jumba La Mtwana", dove "jumba" in kiswahili significa "casa".
Era una cittadella araba sorta nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Molte famose etichette di alcolici e distillati nel mondo nascondono, dietro ai loro nomi talvolta curiosi talvolta altisonanti, curiose leggende o interessanti risvolti legati ai loro fondatori o ai luoghi di produzione.
E’ il caso della birra nazionale del Kenya,...

LEGGI TUTTO

Era il 1898, nel porto di Mombasa iniziavano ad arrivare navi britanniche dall’India, cariche di merci e di attrezzi per costruire la famosa ferrovia che avrebbe collegato quella che allora era la prima città del Kenya, oltre che il porto...

LEGGI TUTTO

Il più grande Tour Operator d'Italia, Alpitour (fatturato annuo 1300 milioni di euro) ha formalmente acquisito il secondo, Eden Viaggi (400 milioni) in un'operazione che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' boom di richieste per Watamu, la località turistica è regina della costa keniana per clic e prenotazioni.
Ci sono già molti attestati di interesse per dicembre 2017 e gennaio 2018, oltre che prenotazioni vere e proprie per il mese...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Via alla stagione turistica di Watamu e non può che essere il simbolo del divertimento serale della...

LEGGI L'ARTICOLO

Si riaccendono le luci del divertimento serale al Mapango, a suon di aperidinner e buona musica.
Gli appuntamenti del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO