Ultime Notizie

RACCONTI

Quel sogno lasciato in fondo al mare di Watamu

C'è chi vive la vacanza come una vacanza e chi come una vita parallela

24-02-2018 di Marco C.

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava le potessi toccare e modellare con un dito. Questo cielo "touch-screen" mi aveva contagiato fin dal primo giorno della vacanza.
A Watamu il mondo sembra fermarsi in riva al mare, e riprendere a vivere oltre la barriera corallina. In mezzo, tra il bagnasciuga e l'alta marea, una terra di nessuno che in realtà mi sembrava la mia libertà, la quotidianità come l'avevo sempre sognata.
Dal secondo giorno, vedendo anche la mia compagna abbronzarsi e cacciare via le tossine di una vita grigia e sempre uguale in una città del nord, tra stress e traffico e mancanza di una vita a misura di persone semplici e oneste, ho iniziato a fantasticare riguardo a un possibile futuro in Kenya.
"Possiamo vendere la casetta che mi ha lasciato Zia Marta, la macchina e affittare casa nostra, già che abbiamo la fortuna di possederne una". Il realtà quella è casa mia, ma non mi ci vedrei ad iniziare una vita altrove senza la mia compagna attuale, credo che sia anche la donna da cui vorrei avere un figlio, quindi c'era anche lei nelle mie fantasie. 
"Sì, va bene - dice lei - ma cosa veniamo a fare? Mica potremo fare questa vita tutto l'anno, magari ci potremo permettere un'oretta al giorno, un giorno alla settimana".
"A me va bene. Se mi togli la circonvallazione, la sveglia alle 6.30 e la gente incazzata, mi va bene qualsiasi lavoro. E poi quando c'è il sole e questo cielo, io mi sveglierò sempre felice".
In quel mentre, passa un masai (o meglio, un beach boy vestito da masai, magari di lontane origini masai) e ci saluta, come sempre sorridendo. Si siede con noi e ci mostra la sua mercanzia. Un po' mi spiace vedere anche in questo paradiso i "vù cumprà" come sulla riviera adriatica, ma non si può pretendere che in un luogo che oltre ad essere Africa è anche turistico, non ci siano queste abitudini. Insomma, dopo avergli rifiutato occhiali, orologi, maschere d'ebano e coltelli, prendo un braccialetto con i colori, dice lui, della bandiera keniota.
"Questo braccialetto speciale, fatto dalle nonne nostre in masai mara. Tu deve esprimere un desiderio adesso mentre lo metti e poi tenerlo fino che non scendi da aereo in Italia, desiderio si avvera!"
Chissà chi gli ha insegnato questa fregnaccia, penso tra me e me. C'è una coppia di ragazzi di Cremona, di fianco a noi. La mia compagna ha fatto amicizia con lei, che è molto carina e disinvolta e non si capisce come faccia a stare con un tontolone come lui. "Ne prendo uno anch'io, allora!" dice.
Il masai tutto contento, se ne va saltellando con i suoi 1000 scellini guadagnati.
Il braccialetto viene con me in safari, e si gode il risveglio in savana che è una delle cose più toccanti del Kenya, poi balliamo in un beach party di Malindi, infine, l'ultimo giorno, siamo in barca per la giornata di mare sugli isolotti, con la grigliata di pesce in mezzo all'oceano. E' lì, che facendo snorkelling, non mi accorgo di aver perso il braccialetto. Invito altri amici, tra cui il tontolone cremonese, a cercarlo con la maschera. Niente, inghiottito dai coralli.
Il cremonese, tutto contento, mi fa: "dovevi stare attento...ehehe, io infatti non sono andato sotto...". Sei proprio tonto, avrei voluto dirgli, così ti sei perso lo spettacolo dei pesci pagliaccio e della barriera. Vabbè. ognuno è fatto a modo suo.
La sera, prima del rientro in Italia, sono malinc0nico. Non che credessi a una sola parola del masai, ma avevo espresso il desiderio di ritornare a vivere presto in questo mondo bellissimo, e capisco che resterà solo un sogno, un sogno lasciato nel mare come quel braccialetto.
Fortunatamente in aereo dormo quasi tutto il tempo, così non penso al ritorno nella fredda Italia, con tutte le magagne e la vita veloce che mi aspetta.
Mentre ritiriamo i bagagli, alla Malpensa, vedo il tontolone cremonese che si sfila il braccialetto, tutto contento.
"Ooooh, non ne potevo più - dice alla carinissima moglie - il desiderio si è avverato, però!". Non ce la faccio, la curiosità è troppa, devo andare.
"Scusa, Gianluigi, posso chiederti qual'era il tuo desiderio?".
"Certo, Marco! Ho chiesto di poter tornare senza ritardi e senza problemi di nessun tipo all'aereo. Desiderio avverato! E tu? Qual'era il desiderio?".
Lo guardo con disappunto e compassione, ci penso un secondo...
"La stessa cosa che avevi chiesto tu... desiderio proprio identico, incredibile! Vedi allora che...Buone cose, eh? Alla prossima!" 

TAGS: watamu turismoracconti watamuwatamu vacanza

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Watamu ha lasciato un segno del cuore dei keniani di Nairobi in vacanza, durante queste feste natalizie e di Capodanno.
Lo dimostra innanzitutto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è stato inserito nei cinque Paesi da visitare nel 2017 per una vacanza "eco-consapevole" da due dei più importanti operatori americani del settore.
G-Adventure e Intrepid Travel hanno citato il Kenya come uno dei Paesi più interessanti e in crescita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A poco meno di un mese dall'incendio che aveva ridotto in cenere il ristorante e parte della struttura (camere, servizi e Mapango esclusi), il Lily Palm Resort di Watamu è stato ricostruito e in tempo record e reso ancora più...

LEGGI TUTTO

Da oggi per tre giorni Watamu si promuove nel centro di Nairobi.
Un'iniziativa importante per mostrare le bellezze della località turistica costiera al turismo "domestico" della Capitale, che ha dimostrato da due anni a questa parte grande interesse per la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Watamukenya.net si è rifatto il trucco.
E non solo!
Il portale di Watamu ora diventa dinamico, si potrà leggere più facilmente su ogni supporto mobile, avrà le notizie linkabili singolarmente e darà più spazio alla promozione turistica.
Recentemente il...

LEGGI TUTTO

Ormai il titolo che da tempo le è stato conferito, quella di "Perla dell'Oceano Indiano" non glielo toglie più nessuno.
Questo agosto è quanto mai la stagione di consacrazione di Watamu.
Nonostante un tempo non perfetto (ma per gli italiani,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La vendita di Watamu per la prossima stagione e in generale come luogo di villeggiatura, seconda casa e anche possibile paradiso dove cominciare una nuova vita, si trasferisce in Italia. Nel Vecchio Continente riprendono le trattative per l'acquisto di case,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I giovani l'hanno scelta come meta prediletta per il Kite Surf. Il vento è cambiato da una settimana, il kaskazi estivo nel primo mese soffia forte e permette nella lunga striscia di oceano protetta dalla barriera corallina, dalla Hemingway Bay...

LEGGI TUTTO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Più Watamu viene conosciuta a livello internazionale e promossa a livello locale, più ci si rende conto che la "perla dell'Oceano Indiano", come ormai viene chiamata, è una località unica, appartata e sicura che poco ha a che vedere con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu e il suo indotto turistico escono rafforzati dalla recente fiera del settore a Nairobi.
Il "Magical Kenya Travel Expo" ha visto centinaia di operatori turistici e "buyer" di tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO