Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Tempo di pioggia: sempre più funghi commestibili in Kenya

Piogge e umidità li nutrono, i contadini ora li riconoscono

10-05-2020 di redazione

Le mutazioni climatiche globali, che riguardano in parte anche il Kenya, hanno effetti, sia positivi che negativi, sulla fertile terra dell’equatore africano.
Uno di questi, dato dal sempre più stretto collegamento temporale e climatico tra le grandi piogge, tra maggio e luglio, e le piccole piogge di ottobre e novembre, è la presenza dei funghi commestibili sul territorio keniano.
Anche in Kenya, infatti, esistono quelli buoni e commestibili, alcuni addirittura rari e preziosi.
Magari non saranno pregiati e profumati come i porcini, ma hanno la consistenza piacevole e il buon sapore simili ad alcune delle varietà che possiamo trovare nel nostro Paese.
Galletti, finferli, chiodini, prataioli (champignon) abbondano nelle foreste del Kenya, e si possono trovare ad esempio anche nella Arabuko Sokoke Forest a ridosso di Watamu.
Nella boutique all’ingresso della foresta a volte si trovano dei simil-galletti che a dire il vero non sanno di molto, ma non sono nemmeno da trascurare per un risottino.
Da Naivasha arrivano invece buoni champignon, ottimi da fare saltati in padella, trifolati o fritti.
Ma quello più pregiato e davvero particolare arriva dalla Rift Valley, nelle terre dei Luhya.
Si tratta dell’obukufuma, un fungo che la popolazione locale da sempre coglie e cucina, dopo averlo essiccato e affumicato e che la Fondazione internazionale Slow Food vuole tutelare, insieme ad altre rare risorse di questa terra meravigliosa.
Seccato assomiglia vagamente a un porcino, con la corona grigiastra e il gambo bianco, che può raggiungere anche 40 centimetri di altezza (la cappella anche 30 di diametro). I luhya sono soliti affumicarlo perché così può durare fino a sei mesi, e lo utilizzano per insaporire zuppe o per mischiarlo con mais o fagioli.
L’obukufuma viene raccolto durante le ore del mattino nella Valle dell’Epanga e in genere nei boschi della contea di Vihiga, nel Kenya nord occidentale.
L’obukufuma ha anche un significato importante per la comunità locale. 
Chi trova funghi viene ritenuto un uomo virtuoso e fortunato, chi li sogna ma non li trova invece potrebbe avere dei problemi in famiglia.
I funghi obukufuma crescono naturalmente su terreni fertili e sono raccolti sia per la vendita sia per il consumo domestico,ma sono sempre più rari a causa della civilizzazione e dei fertilizzanti utilizzati a ridosso delle foreste. 

Per chi invece vuole assaggiare qualcosa che assomiglia a una buona cappella europea, ci sono i “Portobella”, varietà di funghi della foresta ruandese. Quelli che i gorilla non schiacciano, arrivano d’importazione a Nairobi e Mombasa.

TAGS: funghi kenyapiogge kenyamushrooms kenyaprodotti kenya

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Il fenomeno delle piccole piogge in Kenya da sempre si riferisce a questo periodo (fine ottobre, primi di novembre).
Avviene solitamente in coincidenza con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bella stagione di Watamu non finisce mai, almeno per alcuni resort e anche per parecchi turisti che...

LEGGI L'ARTICOLO

A Watamu la festa degli innamorati si festeggia sulla spiaggia e sotto le stelle.
Potere degli incantevoli scenari davanti all'Oceano Indiano tra le sinuose baie e la spiaggia bianca e ampia della Jacaranda Bay, tra gli isolotti dell'isola dell'amore e della...

LEGGI TUTTE LE PROPOSTE

La siccità sta attanagliando l'immediato entroterra della Kilifi County e anche in alcune zone marittime la situazione non è buona, aspettando come una manna le piccole piogge di novembre.
Così il Jacaranda Beach Resort, tramite la Associazione Jacaranda Upendo Onlus,...

LEGGI TUTTO

Non Solo Gelato è sempre più "non solo" e sempre più il punto di ritrovo quotidiano di Watamu.
La mitica gelateria pasticceria dove si gustano le specialità di Anna e fino alla scorsa stagione era possibile sorseggiare anche un buon caffè...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In controtendenza con molti resort e villaggi turistici che hanno chiuso i battenti, specialmente per la mancanza di charter e voli continuativi, ma anche per ristrutturazioni e manutenzione stagionale, il 7 Islands Resort di Watamu rimarrà aperto nella bassa stagione.LEGGI TUTTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

L'annuncio è di quelli che mettono la voglia di acquistare un biglietto e prenotare una vacanza a Watamu.
Anche se si tratta della stagione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da qualche mese le dogane aeroportuali keniane di Nairobi e Mombasa sono dotate di nuovi ed ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nonostante la pessima idea dei voli charter di anticipare la chiusura della stagione turistica italiana al 31 marzo, la Pasqua a Watamu si prevede felice, rispetto agli scorsi anni.
Sono in arrivo infatti, stando alle prenotazioni, parecchi turisti da Nairobi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu si prepara ad esplodere gli ultimi fuochi d'artificio di un'ottima stagione.
Con la Pasqua "bassa", la prossima settimana, hotel e attività della cittadina costiera più appetita dal turismo nazionale ed internazionale, segnano le ultime...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi frequenta Watamu, ci vive o trascorre qui le vacanze, ormai non fa più caso che uno dei sorrisi più piacevoli da incontrare nella comunità italiana e che come se non bastasse propone prodotti enogastronomici della nostra Penisola, sia inglese.LEGGI TUTTA LA STORIA

La Moda italiana sbarca in Kenya e precisamente a Watamu. 
La griffe Missis Di., sinonimo del Made in Italy, ha scelto il Paese africano per conquistare turisti e residenti. 
Si tratta di abbigliamento, borse e accessori ricercati, tutti prodotti e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO