Watamu

NATURA

La meraviglia della barriera corallina di Watamu

L'ecosistema e le migliori zone dove fare snorkeling

18-07-2017 di redazione

La barriera corallina è una delle attrazioni di Watamu e dell'Oceano Indiano keniano.
Al largo della località turistica la prima barriera è presente dall'imbocco del Mida Creek fino a Malindi, senza interruzioni e ha permesso nel corso del tempo e grazie alle maree, la formazione dei famosi atolli di sabbia al largo di Mayungu.
La prima barriera infatti, quando la bassa marea è particolarmente bassa, emergono al livello dell'acqua e sono anche percorribili a piedi, anche se la loro bellezza è da scoprire con lo "snorkeling", ovvero nuotando in profondità con maschera e pinne, se non nel "diving" con anche le bombole ad ossigeno. 
Vi sono poi altre barriere, sommerse, molto più al largo dell'oceano, dove si possono trovare più facilmente squali, balene, orche ed altre specie ittiche.
La barriera corallina, chiamata anche “reef”, costituisce uno degli ecosistemi più ricchi di specie dell’intero pianeta.
E’ una formazione calcarea, spesso molto profonda ed estesa, di origine animale dai mille colori e dalle svariate forme.
I "fondatori" di questo complesso bioma sono i madreporari, conosciuti con il nome di “coralli costruttori”.
I coralli sono costituiti da piccoli polipi di dimensioni variabili (da pochi millimetri ad alcuni centimetri), circondati da un calice calcareo detto “corallite” che presenta forma differente nelle diverse specie. All’interno di ogni polipo vivono delle alghe unicellulari chiamate “zooxantelle”.
Nella simbiosi corallina ogni organismo partecipa attivamente in maniera costruttiva alla sopravvivenza reciproca.
Le alghe ottengono dal polipo sostanze nutritizie ( fosfati, nitrati, anidride carbonica ), mentre quest’ultimo può ottenere ossigeno e prodotti metabolici dalla fotosintesi dell’alga.
Il complesso sistema ambientale della barriera corallina ha svariate funzioni nella natura marina.
Le barriere, infatti, sono un luogo ideale per la nascita e per la crescita degli avannotti (cioè i giovani pesci prima del periodo adulto), che costituiranno le popolazioni di pesci adulti  negli oceani di tutto il mondo. 
Nel Parco Marino di Watamu si trovano diverse zone interessanti da esplorare.
Qui la barriera si trova vicino alla costa e offre pertanto giardini di corallo poco profondi.
La struttura corallina offre una sorprendente varietà di habitat per piante e animali.
Moltissimi sono gli animali erbivori che si nutrono dei vegetali presenti sulla barriera: ricci di mare, crostacei, molluschi e varie specie di pesci. Ad esempio i pesci pappagallo (così chiamati dalla bocca robusta a forma di becco), e i pesci chirurgo (per la presenza di una lamella sulla coda tagliente come un bisturi) sono i principali erbivori.
La barriera esterna è caratterizzata da pareti a strapiombo e dalla presenza di grandi coralli cervello che attraggono costantemente un’abbondante fauna marina.
A Watamu le profondità medie di immersione all’altezza del Turtle Reef centrale si aggirano intorno ai 10-15 metri, con alte teste di corallo che attraggono grandi banchi di pesci pappagallo e pesci chirurgo.
Talvolta è possibile ammirare alcuni squali pinna bianca. 
Il Moray Reef (Barriera della Murena), poco distante, si distingue per uno strapiombo mozzafiato, che scende per 28 metri fino a un fondale sabbioso.
Qui i coralli fanno da dimora a polpi e anguille e a un’enorme murena semi-addomesticata. Sul margine della barriera si trovano numerosissimi nudibranchi, pesci angelo, pesci chirurgo e, talvolta, cernie o barracuda.
Un ottimo sito per le immersioni è il Canyon, un lungo canale sabbioso a 28 metri, costeggiato da profondi strapiombi su entrambi i lati.
Lì si trova uno straordinario arco ricoperto da coralli molli, mentre le pareti della barriera sono sempre popolate di caranghi e lutiani e in questa zona si possono anche incontrare razze o piccoli squali di barriera.  

TAGS: Watamu reefWatamu barriera corallinaWatamu mareWatamu snorkeling

I giovani l'hanno scelta come meta prediletta per il Kite Surf. Il vento è cambiato da una settimana, il kaskazi estivo nel primo mese soffia forte e permette nella lunga striscia di oceano protetta dalla barriera corallina, dalla Hemingway Bay...

LEGGI TUTTO

Sono sempre meno gli squali al largo di Watamu.
Le acque che bagnano il Kenya sono ricche di fauna marina e tra le innumerevoli specie che la popolano da sempre ci sono anche gli squali.
Addirittura in alcuni periodi dell’anno fa...

LEGGI TUTTO

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

La vendita di Watamu per la prossima stagione e in generale come luogo di villeggiatura, seconda casa e anche possibile paradiso dove cominciare una nuova vita, si trasferisce in Italia. Nel Vecchio Continente riprendono le trattative per l'acquisto di case,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Garoda Beach, Jacaranda Bay, Love Islands (Baia dell'Amore), Short Beach, Watamu Bay.
In ordine rigorosamente alfabetico, presentiamo la Top 5 delle spiagge di Watamu.
Starà ai nostri lettori, su facebook o scrivendo a info@watamukenya.net, decretare quale di questi angoli di...

LEGGI LA PRESENTAZIONE ALL'INTERNO E GUARDA LE IMMAGINI!

Io ed Enrico abbiamo coronato un sogno in Kenya, e precisamente a Watamu.
Siamo una coppia nella vita già da sei anni, ma avevamo voglia di coronare il nostro amore con una cerimonia indimenticabile e una grande festa da condividere con...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo alcuni anni, Turisanda torna a scommettere sul Kenya e sceglie Watamu per portare i suoi clienti tramite le agenzie di viaggio, il suo sito internet e l'ingente portafoglio clienti guadagnato in tanti anni di Tour Operator.
Il Turisanda Club...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu è sempre più votata all’ospitalità, come nessun’altra località turistica della costa keniana.
Nel giro di pochi chilometri di estensione, la “perla dell’Oceano Indiano” può contare ben...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Tre incanti del Kenya: gli animali e la natura della savana, il piacere della corsa nella rift valley insieme ai connazionali dei grandi campioni del mondo e le bianche spiagge di Watamu per rilassarsi e godere del mare e del...

LEGGI TUTTO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

C'è un deciso ritorno di fiamma per il Kenya da parte di operatori e agenzie di viaggio europee. 
I dati trasmessi dal Kenya Tourist Board in questo senso sono benauguranti: si può tornare ai livelli dello scorso anno e, con...

LEGGI TUTTO

Il rilancio del Sun Palm Beach Resort di Watamu è ormai realtà. 
Una splendida realtà aperta anche a turisti esterni, villeggianti e residenti.
La storica struttura affacciata su una delle più affascinanti insenature della "perla dell'Oceano Indiano", dopo il sapiente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO