Storie

IL VIAGGIO

Quattro giorni prigioniero a Istanbul sognando il Kenya

Il racconto di uno degli italiani fermi nella metropoli turca sommersa dalla neve

10-01-2017 di Giovanni Tartaglia

Spesso durante il normale e, a volte, noioso trascorrere della nostra esistenza, immaginiamo di andare lontano, di evadere o semplicemente di fare un bel viaggio, semmai, meglio, durante il periodo invernale. Sì, gli occhi che vedo negli aeroporti quando mi capita, fortunatamente, spesso, di prendere questi “mostri” volanti, parlano di questo: evasione, speranza, vita nuova, avventura. Questa volta no.
Questa volta gli occhi delle persone che ho incontrato (occhi profondi, occhi diversi, occhi spersi) parlavano di timore, di abbandono, di “chi me lo ha fatto fare”... ebbene sì sono gli occhi di cinquemila passeggeri, provenienti da ogni parte del mondo, bloccati nell'aeroporto di Ataturk a Istanbul dal giorno dell'Epifania.
Ho incontrato Italiani bianchicci che avevano come destinazione finale mete equatoriali, ho incontrato italiani che tornavano, molto più scuri, dalle stesse mete; ho incrociato sguardi orientali che avevano come unica speranza quella di rientrare a casa perché al seguito c'erano i propri pargoli; ho potuto notare donne (di ogni colore) stringere a se i propri cuccioli dopo ore estenuati di attesa; ho visto uomini difendere la propria famiglia, in ogni modo, sfidando lo sguardo arcigno dei nuovi ottomani; ho visto giovani coppie abbracciarsi e godere della loro intimità anche tra tanta disperazione; ho visto gli occhi più belli, quelli dei bambini. Loro non hanno nazionalità, non hanno colore, non hanno appartenenza se non quella della speranza, della bellezza, dell'amore.. i loro occhi parlavano solo di quello.
Sono, siamo ancora qui, ad Istambul, la vecchia città che da sempre rappresenta il ponte tra l'Oriente e l'Occidente... Il fascino di Bisanzio sommersa dalla neve resterà nel mio immaginario per sempre .. come, credo questa esperienza! Si perché credo che questa città sia proprio come il Bosforo, geograficamente insegni: una linea di congiunzione tra i popoli che, oggi, troppo spesso sono divisi da questioni, politiche, religiose o, semplicemente, sportive. Ciò che ha insegnato questo straordinario evento meteorologico è che, alla fine, tutti, ma proprio tutti, abbiamo bisogno gli uni degli altri.. la Natura lo sa, lei non sbaglia mai, così, a volte, ci aiuta a ricordarlo! Si perché a parte gli occhi di questa esperienza ricorderò le mani..mani che si uniscono in segno di speranza, mani che si giungono in segno di preghiera, mani che con altre mani hanno cercato di aiutare anche chi solo qualche ora prima rappresentava un passeggero che occupava il sedile di fianco. Infine il ricordo più forte è per chi in tutta questa emergenza si è sforzato per rendere tutti i disagi meno importanti... il personale dell'aeroporto di Ataturk che unitamente a quello della Turkish Airlines ha lavorato (continua a farlo) ininterrottamente per cercare di ridimensionare ciò che la Natura in poche ore aveva provveduto a fare. Certo si poteva fare meglio, certo l'organizzazione è stata poco solerte, certo tante cose (file estenuanti, comunicazioni inesistenti, poca gentilezza di base) potevano essere gestite diversamente, ma, mi chiedo, siamo certi che in altre parti del mondo non ci sarebbero stati gli stessi disagi? Io dico di no.
Istanbul, 10 gennaio 2017, ore 16,45. Un passeggero in transito per solo due ore dal 6 gennaio 2017 dalle ore 19,30.   

TAGS: Istanbul Mombasa Giovanni TartagliaTurkish Mombasa

Decine di operai al lavoro in questi giorni sul tratto di strada tra Gede e Watamu per scavi e posa delle fibre ottiche per conto di una società keniana istradata dai cinesi.
Motivo dei nuovi collegamenti, la posa delle fibre...

LEGGI TUTTO

Metti i due politici più importanti della costa keniana davanti a gelati e pasticcini, e la visita a Watamu diventa più dolce del solito.
Lontani dai fari della campagna elettorale e dalle

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il più grande Tour Operator d'Italia, Alpitour (fatturato annuo 1300 milioni di euro) ha formalmente acquisito il secondo, Eden Viaggi (400 milioni) in un'operazione che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' boom di richieste per Watamu, la località turistica è regina della costa keniana per clic e prenotazioni.
Ci sono già molti attestati di interesse per dicembre 2017 e gennaio 2018, oltre che prenotazioni vere e proprie per il mese...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la bellissima serata live di sapore latin-jazz, con il chitarrista e cantante Michel Ongaro, dall'incredibile voce baritonale e con i suoi ospiti a sorpresa, e la spettacolare esibizione della jazzista partenopea Simona De Rosa , il Come Back Club...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualcuno raccontava che negli anni Sessanta, al Simbad Hotel di Malindi, il sabato sera arrivava l'orchestra da Mombasa e nella grande terrazza con vista mare si ballava lo swing americano, perché i proprietari dell'albergo costruito alla moresca erano statunitensi.
Mercoledì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le mille possibilità di godere la Natura che il Kenya, e particolarmente la sua costa, possono vantare, c'è sicuramente il paesaggio marino dominato dalle mangrovie.
Queste piante che affondano le loro radici in terreni che si nutrono di acqua...

LEGGI TUTTO

Un paradiso esclusivo completamente rinnovato.
Un ristorante gourmet con chef italiano specializzato in cucina creativa e fusion, in una cornice unica a picco sul mare, all'imbocco del Mida Creek di Watamu.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più Watamu viene conosciuta a livello internazionale e promossa a livello locale, più ci si rende conto che la "perla dell'Oceano Indiano", come ormai viene chiamata, è una località unica, appartata e sicura che poco ha a che vedere con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono da due anni per evitare uno scempio che potrebbe riguardare l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO