Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Più di ogni altra cosa Africa

Ti amo Africa, nakutamani

26-07-2016 di Anna Merlo

Fuori piove, piove davvero forte e fa tantissimo freddo.
Chiudo gli occhi e cerco di immaginarmi la pioggia del Kenya.
Ricordo quando andavamo in moto in mezzo al bush con gli occhiali da sole e pioveva ed io ridevo, ridevo tanto.
Continuo a ricordare, attimi, momenti, pensieri, tutto ciò che ho vissuto, tutte le esperienze passate.
Cammino sulla spiaggia bianca, come sottofondo le onde del mare e voci lontane.
Sorrido ancora.
Mi fermo a guardare l’orizzonte.
Respiro.
Chiudo gli occhi e alzo la testa verso il cielo e sento i raggi del sole sulle mie guance.
Sorrido, sorrido, sorrido, non riesco a smettere di farlo. Il vento mi sposta i capelli e li fa volare a ritmo di una musica già sentita.
Riprendo a camminare verso una meta sconosciuta, per il semplice gusto di farlo.
Passo sotto gli scogli abbassando la testa, vedo qualche granchietto rosso che si nasconde. Credo proprio di essere nel posto giusto. Ogni tanto incontro qualcuno che mi saluta sorridente e mi chiede come sto pur non conoscendomi ed allora sorrido e rispondo, sono proprio felice.
Poco dopo sono in una macchina diretta a Malindi. Passiamo per tanti villaggi e so che, anche se sembrano tutti uguali, ognuno ha una sua storia. Sorrido ancora perché ogni volta che passiamo vicino a qualche persona puntualmente questa ci saluta urlando “Jamboo mzunguu!” e questo, pur avendolo vissuto centinaia di volte, mi fa sempre ridere. I bambini ci rincorrono scalzi e gridano “Jambooo, caramellaa” con un enorme sorriso che fa sorridere anche me. Siamo a Malindi, caotica e meravigliosa Malindi. Moto, tuk tuk, matatu, moto-taxi, macchine, persone a piedi ed in bicicletta. Grida, persone che parlano, chi cerca disperatamente di vendere i propri prodotti agli angoli della strada, chi sta semplicemente seduto sopra la propria moto all’ombra di un albero, chi cammina verso una meta ignota, chissà dove sta andando, probabilmente non lo sa nemmeno lui. L’autista ci parla, ci chiede come ci chiamiamo e mette la musica, non so come riesca a guidare qui in mezzo. E’ felice anche lui, sempre hakuna matata. Facciamo tappa di qua e di la, vediamo tante persone, sorridono spensierate. E’ ora di tornare a casa, passiamo di nuovo per i villaggi di prima, l’autista sorride e ci dice la solita frase “massaggi gratis”, sarò strana ma io le amo queste buche, mi piace proprio questa strada sterrata. La natura, meraviglia estrema, meraviglia selvaggia. Sono felice, l’ho già detto che sorrido? Beh, lo sto facendo ancora. Quando sono qui lo faccio in continuazione, la sera dopo una giornata di risate mi fanno quasi male le guance. E’ buio e sto seduta su uno sdraio a guardare il cielo, ho i brividi, ma non per il freddo. Sono emozionata, dopo così tanto sono di nuovo qui, a casa, casa mia. Guardo le stelle, sono tantissime, solo in Africa il cielo è così bello, di giorno hai la sensazione di poterlo toccare con un dito e di notte ci si può perdere ad osservare quegl’infiniti puntini luminosi pieni di speranza. Mille desideri potrei esprimere in questo momento, ed invece non riesco a chiedere di più. Sto vivendo il meglio del meglio. Apro gli occhi e tutta questa magia si spegne, sono di nuovo al freddo ed al gelo di cuori. Mi manchi Africa, appari in un mio sogno questa notte, lasciati sognare un po’, lascia che ti viva anche se per poco e per finta. Il mio più grande sogno, ora e sempre. Tornerò e sarà meglio di prima. 
Ti amo Africa, nakutamani.

TAGS: Anna MerloMal d'AfricaPioggia KenyaMal d'Afrique

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il fenomeno delle piccole piogge in Kenya da sempre si riferisce a questo periodo (fine ottobre, primi di novembre).
Avviene solitamente in coincidenza con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio Mal d'Africa ha un nome, Watamu.
Conosco poco del Continente Nero, ho visitato il parco nazionale dello Tsavo e la riserva dell'Amboseli, ho visto le cascate Vittoria in Zambia e ho fatto volontariato per due settimane in Uganda.LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Uno speciale sul Kenya, con gran risalto a Watamu e al nuovo corso turistico che sta rilanciando la destinazione più fascinosa della costa keniana.
E' andato in onda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Non occorre attendere le vacanze di Natale per vedere animarsi Watamu.
Presto arriveranno gli habitué italiani che, crisi timori o referendum a parte, non hanno intenzione di perdersi il clima, la tranquillità e la natura della costa keniota nemmeno quest'anno.LEGGI TUTTO

Avete mai provato la sensazione di sentirvi in pace con il mondo e con voi stessi?

Vi siete mai chiesti perché siete così felici di aprire gli occhi alla mattina e di chiuderli con il buio, anche in mancanza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Una risposta convinta, importante che ribadisce l'unità d'intenti delle comunità straniere di Watamu per garantire la sicurezza della località turistica, di chi la frequenta e di chi ci vive. 
La cena della "Watamu Against Crime" venerdì scorso all'Ocean Sports ha...

LEGGI TUTTO

Chi frequenta Watamu, ci vive o trascorre qui le vacanze, ormai non fa più caso che uno dei sorrisi più piacevoli da incontrare nella comunità italiana e che come se non bastasse propone prodotti enogastronomici della nostra Penisola, sia inglese.LEGGI TUTTA LA STORIA

Tre incanti del Kenya: gli animali e la natura della savana, il piacere della corsa nella rift valley insieme ai connazionali dei grandi campioni del mondo e le bianche spiagge di Watamu per rilassarsi e godere del mare e del...

LEGGI TUTTO

“Intrecciare il rapporto personale con quello professionale non è facile, ma in un luogo d’incanto come Watamu tutto diventa più agevole”.
Questo è il pensiero comune di Federico e Viola, compagni nella vita e anima del  “Kobe Suite Resort”.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA