Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Quanto mi manca!

"ma ci tornerò, ne sono certo"

03-08-2016 di Luigi Cordasco

Oggi per scuola dovevo preparare una presentazione Powerpoint sul Kenya. 
Ho sfogliato archivi di foto, rendendomi conto che sono già passati quasi tre anni dal mio addio e che mi manca. Tanto. 
Mi mancano le scottature ai piedi giocando scalzo, i pranzi a scuola sotto il sole cocente allietati da un paninazzo di Pappa e Chakula, il tuffo in piscina appena tornato da scuola, il tuktuk che sfrecciava su Lamu road come una Lamborghini, le gite a Che Chale, la Rai international che ti faceva vedere solo quello che voleva lei...i "CAZZO KENYA POWER" quando andava via la luce, lo swahili, la papaya, gli spogliatoi di lamiera, i Natali passati in mezzo al mare, le imprecazioni contro l'autista che quando lo chiamavo diceva sempre "am here St. Peter's", i miei amici che forse erano meno acculturati ma più veri e sinceri, i quaderni Kasuku di carta riciclata almeno sei volte, la sprite nella bottiglia di vetro che costava 30 centesimi, il mare, la perenne combinazione tshirt-pantaloncini-infradito, le bacchettate sulle mani a scuola, l'uniforme della Silversands sportiva e ufficiale, il profumo dell'aria, i colori per strada, la poca italianità che c'era in centro e che mi dava sicurezza, gli esami che all'ultimo anno erano quasi settimanali, le trasferte in pullman per tifare Malindi United, forse anche l'essere diverso: il mzungu, il francese dimenticato dopo un anno alle medie, lo zucchero che se non lo chiudevi ermeticamente ci entravano le formiche ed era da buttare, gli abbracci dopo i gol grazie ai quali ho iniziato ad associare l'odore di sudore alla vittoria, la racchetta per le zanzare che quando aprivo la giostra dei giochi in veranda facevo un massacro, il pilau, il "for me one ice tea" che comunque non era mai buono come l'Estathé originale, il bidello che sembrava Maurizio Costanzo nero, Charles e tutti gli altri ragazzi e ragazze, la scheda della Safaricom che quando volevi fare il grosso ti facevi la ricarica da 10€ e ti durava tre mesi, il cielo stellato...
Ci saranno anche altre cose, ma non mi vengono in mente.
Il Kenya mi manca, ma ci tornerò, ne sono certo.

TAGS: Luigi CordascoMalindi UnitedMal d'Afrique

Una vacanza rilassante a Watamu, con uno scatto che trasuda felicità marina e solare in una delle spiagge della riserva marina di Mida Creek pubblicato su Instagram, anche per smentire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nairobi, savana e infine Malindi e Watamu.
La soubrette e modella Nina Moric è rimasta stregata dal Kenya e in particolare da Watamu.
Proprio ieri ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Freddie è tornato a Watamu ed è stato subito pienone al Come Back Club.
"Freddie Comes Back" era il titolo dello spettacolo che ha fatto ridere e pensare il pubblico del ristorante-discoteca di Watamu, con le parodie "kenianizzate" di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche a marzo inoltrato, sul finire dell'estate africana, Watamu continua ad attrarre turisti e ad incantare personaggi famosi.
Nella domenica del Paparemo Beach, un vero classico delle splendide giornate di sole su una delle spiagge di culto della villeggiatura nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dico Africa ma penso al Kenya.
Dico Kenya ma penso a Watamu. 
Africa è un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio Mal d'Africa ha un nome, Watamu.
Conosco poco del Continente Nero, ho visitato il parco nazionale dello Tsavo e la riserva dell'Amboseli, ho visto le cascate Vittoria in Zambia e ho fatto volontariato per due settimane in Uganda.LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO