Storie

PERSONE

Phyllis, Green Nobel keniano che invita gli africani a non emigrare

L'esempio: "dobbiamo lottare nelle nostre Patrie per una vita migliore"

24-06-2018 di Freddie del Curatolo

Ha il volto buono di una delle tante mamme dei quartieri poveri di Mombasa, Phyllis Omido.
Ma ha le palle di chi non si è arresa di fronte all'evidenza di una vita incanalata su binari che per molti concittadini sembrano inscartabili.
La sua storia è ormai conosciuta in tutti gli ambienti internazionali legati alla salvaguardia della salute dell'uomo e alla salvaguardia del suo habitat.
Fino a qualche anno fa era una ragazza madre di Owino Uhuru, slum di fango e lamiera popolato da gente della tribù di Raila Odinga, i luo originari del Lago Vittoria. Infaticabili lavoratori e abili artigiani, molti dei suoi vicini di casa lavoravano nelle tante fabbriche dei sobborghi di Mombasa.
Così l'esigenza di un buono stipendio l'ha portata, dopo gli studi a Nairobi, a dare in gestione il suo chiosco nello slum e farsi assumere alla Metal Refineries, fabbrica di proprietà di indiani che riciclava batterie usate per estrarre piombo.
Responsabile delle risorse umane, il suo ruolo da impiegata.
Pochi mesi dopo l'assunzione, il figlio che stava allattando si ammalò. E quando i test su altri bambini rivelarono nel sangue livelli di piombo più di trenta volte superiori al limite fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanita, il suo sospetto diventò una certezza: il metallo aveva avvelenato l’ambiente, provocando decine di morti. La stessa sorte sarebbe toccata al piccolo Omido, se la madre non si fosse potuta permettere di accedere alle cure mediche proibitive per un keniano qualunque: duemila dollari.
Dopo le sue proteste e data la sua posizione, il conto delle cure lo pagò l'azienda, in cambio del suo silenzio.
Ma Phyllis non poteva continuare a tacere, e la sua coscienza ha risvegliato ache quella del Kenya.
Nel 2009 Phyllis ha fondato il Centro per la giustizia e la governance per l’ambiente e con una "class action" ha portato il caso alla Corte Suprema del Kenia e all’attenzione dell’Onu.
Nel 2014 la Metal Refineries ha dovuto chiudere i battenti.
E Il Goldman environment prize, il cosiddetto Green Nobel ricevuto l’anno dopo, ha assicurato al suo impegno civile un’eco internazionale.
Ma Phyllis è rimasta senza lavoro, e una donna così combattiva e "rognosa" non la vuole nessuno, così a soli quarant'anni si arrangia come può, con lavori saltuari e consulenze.
Costretta più volte a cambiare domicilio per ragioni di sicurezza, paragona il suo nomadismo forzato a quello dei tanti africani che decidono di lasciare la loro Terra per tentare la fortuna in Europa.
“Nessuno dovrebbe emigrare, è la cosa più brutta che possa esistere, gli africani amano la loro casa e la loro casa è in Africa. Il nostro dovere come cittadini della terra è garantire che ciascuno nel mondo sia libero di svolgere il proprio lavoro e scegliere come vivere senza dover lottare per accedere a bisogni tanto primari come il cibo, l’acqua e le medicine”.
Phyllis oggi è ambasciatrice di battaglie contro le multinazionali che nel suo Continente sfruttano e inquinano.
“I keniani e gli africani hanno bisogno di una forma di governo che ristabilisca la fiducia dei popoli nei nostri paesi e in Africa - ha dichiarato recentemente ad Articolo 21 -   Le comunità locali hanno bisogno di essere rese autonome nell’accesso alle informazioni, nella partecipazione pubblica alle attività decisionali e di un effettivo accesso ai rimedi giuridici, solo così l’Africa si potrà emancipare dalla corruzione che causa il proliferare di perdite di assetti e risorse pubbliche e potrà ristabilire la fiducia del popolo nella sua sovranità. Esorto le nazioni mondiali a sostenere la conservazione delle radici africane e l’impegno della società civile a restituire dignità, attraverso una efficace amministrazione che crei opportunità per tutti, in modo da restituire speranza ai nostri popoli e non farli cadere vittima della tragedia dell’immigrazione e del danno che ne consegue. Così da poter costruire l’Africa conservando le preziose risorse dei giovani che sono disperse con l’immigrazione”.

TAGS: phyllis omidoambiente kenyapremio kenyadonne kenyagiustizia kenya

Il Lily Palm Resort di Watamu crede nel marketing e si promuove a Nairobi, dove conquista anche il premio come migliore stand per originalità e ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una grande soddisfazione per il lavoro che da anni la Watamu Marine Association porta avanti per la tutela dell'ambiente marino nella nostra splendida località turistica.
In ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una grande giornata per dimostrare che tutti a Watamu tengono all'ambiente e alla pulizia della propria bianchissima e bellissima spiaggia.
Dalla Jacaranda Bay (con l'omonimo resort in testa tra i partecipanti alla giornata) al Temple Point, tutta la costa della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Ferragosto davvero speciale a Papa Remo, nell'incantevole scenario della spiaggia dell'amore di Watamu.
Si cena sotto le stelle nel locale più in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalla NGO italiana Karibuni Onlus, una nuova motoambulanza per l'ospedale di Gede.
Il mezzo è importantissimo nelle comunità rurali della costa keniota per raggiungere le persone bisognose anche nei villaggi che non sono direttamente serviti da strade praticabili per un'autoambulanza...

LEGGI TUTTO

Le serate di Paparemo sono sempre più stuzzicanti: si parte stasera con il consueto gran buffet con l'ampia scelta di portate. 
Lo splendido locale piéd-dans-l'eau davanti alle sette isole dell'amore e ad una delle più belle baie della costa africana,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Paparemo prosegue con le serate a tutto ritmo suo Beach Party.
I giovedì sera del locale di Watamu sono sempre un successo e ora la stagione prosegue con tanti arrivi! 
La spiaggia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu la festa degli innamorati si festeggia sulla spiaggia e sotto le stelle.
Potere degli incantevoli scenari davanti all'Oceano Indiano tra le sinuose baie e la spiaggia bianca e ampia della Jacaranda Bay, tra gli isolotti dell'isola dell'amore e della...

LEGGI TUTTE LE PROPOSTE

Ricomincia la stagione e potrebbe essere il momento giusto per pensare di aprire un'attività a Watamu, cittadina turistica tra le più apprezzate e richieste dell'intera costa orientale africana. E' in vendita infatti a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi vive e soprattutto lavora a Watamu non può ignorare un evento importantissimo per l'ambiente e per conservare lo splendore della cittadina turistica e del suo lungomare.
Sabato 17 settembre cade l'International Coastal Beach Clean Up, la giornata mondiale della...

LEGGI TUTTO

Un'iniziativa ormai periodica che coinvolge i residenti di Watamu, organizzata dal Kenya Wildlife Service in collaborazione con le principali associazioni che si occupano di...
  

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

Una stagione turistica da numeri record, quella di Watamu.
La "perla dell'Oceano Indiano" ha sbaragliato ogni concorrenza sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pranzare in uno dei più eleganti ed appartati boutique hotel di Watamu, sulle rive della Jacaranda Bay.
Proprio di fronte agli isolotti di sabbia di “Sardegna Due” e rilassarsi sui lettini della splendida spiaggia privata? 
 

LEGGI TUTTO

Il sito internet e il progetto parlano chiaro: sorgerà a Watamu il più alto grattacielo del Kenya, a forma di tronco di palma.
Si chiamerà "Palmexotjca", sorgerà sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO