Info sanitarie

MALARIA

Malaria, la lezione del Kenya all'Italia

Cosa aspetta il Belpaese ad introdurre l'Artemisina come cura?

06-09-2017 di Freddie del Curatolo

Uno dei rimedi più semplici e sicuri per la malaria, oggigiorno, è curarsi con medicinali a base di artemisinina e utilizzare la combinazione di due farmaci che stroncano la parassitosi una volta insorta.
All’insorgere della febbre alta, a questo punto non solo per chi è stato in Paesi dove la malaria è endemica, ma anche in quelli a rischio come ormai l’Italia, è sufficiente fare il vetrino per assicurarsi che non si tratti di una semplice influenza o di altra infezione, e poi iniziare la cura.
In Kenya l’artemisinina, soluzione medicinale di un'antica pianta cinese, è stata introdotta più di dieci anni fa e ha dato ottimi risultati, ma soprattutto ha instillato una nuova percezione nei medici e nei pazienti, quella che la profilassi non sia una cura, e sia un metodo superato, oltre che dannoso e non sicuro.
Così come i kenioti non potrebbero mai prenderla in esame (perché con il rischio malaria continuo, non sarebbe possibile attuare una prevenzione del genere continuamente, semmai si attende il vaccino per bambini e anziani) ora anche in Italia, per l’esatto motivo opposto, ci si dovrebbe pensare.
La malaria, come nel caso recente della sfortunata bimba di Trento, può essere contratta improvvisamente per altre cause, ovvero quando una zanzara non anofele si fa vettore della malattia da un’altra persona infetta, o quando le anofele vengano importate e resistano (complice l’aumento delle temperature estive e dell’umidità).
In Kenya certe cose si sanno ed ogni medico è preparato, il kit combinato per curare facilmente la malaria, che non è una malattia che può fare paura, se presa in tempo (esattamente come le infiammazioni, la polmonite ecc…). 
“Il kit combinato per la malaria – spiega il dottor Mauro Saio, uno dei massimi esperti di malattie un tempo definite “tropicali”che vive e lavora da oltre trent’anni in Kenya – è pratico, sicuro e ha costi ridotti. La profilassi è ormai inutile, oltre che dannosa”.  
Resta da capire se da noi l’antica logica della “cura preventiva”, così superata e provinciale, che non tiene conto del mondo globalizzato, delle migrazioni, del cambiamento climatico e delle distanze ormai azzerate tra continenti, verrà messa da parte da un Ministero della Salute italiano allo sbando come il resto del sistema governativo e dalle multinazionali farmaceutiche che continuano a marciarci sopra, insensibili ai problemi che possono causare alle persone.
Il problema, ovviamente, non riguarda solo il Belpaese, ma quasi tutti i Paesi europei.
La lentezza dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che già alla fine del 2015 ha dato virtualmente il via libera al farmaco prodotto dal colosso Novartis in tutto il mondo, va di pari passo con la sperimentazione del vaccino.
Fatto sta che per adesso chi vive in Italia se lo deve portare dai Paesi africani o deve andarlo a recuperare in Svizzera e quel che è peggio che i medici italiani quasi ne ignorano l'esistenza, continuando a suggerire la profilassi.
Il Terzo Mondo (che in alcuni casi non è più tanto "terzo"), abituato da sempre a convivere con queste logiche, ne ha sviluppato prima gli anticorpi e in questo caso può dare una lezione al vecchio (e un po’ rimbambito) Continente.
 

TAGS: Malaria KenyaInfo KenyaSalute KenyaMalattie KenyaProfilassi Kenya

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tre giorni di votazioni serrate, quasi cinquecento segnalazioni per scegliere la spiaggia Top di Watamu, tra le cinque che watamukenya.net ha incluso nelle sue nominations.
Le votazioni attraverso la nostra pagina facebook malindikenya.net, i gruppi dei social forum dove è stato...

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CLASSIFICA PROVVISORIA

Un weekend tutto da vivere quello di sabato 22 e domenica 23 ottobre a Watamu.
E' di scena l'edizione 2016 del Watamu Sports Festival a Turtle Bay Beach.
Una due giorni a base di sport, musica con concerti e dj...

LEGGI TUTTO

Le mangrovie di Watamu sono un paradiso naturale che attira ogni anno migliaia di turisti, ambientalisti e viaggiatori amanti della natura e delle meraviglie acquatiche. Costituiscono un paesaggio naturale unico e fantastico, con un suo microclima ed un ecosistema che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu la festa degli innamorati si festeggia sulla spiaggia e sotto le stelle.
Potere degli incantevoli scenari davanti all'Oceano Indiano tra le sinuose baie e la spiaggia bianca e ampia della Jacaranda Bay, tra gli isolotti dell'isola dell'amore e della...

LEGGI TUTTE LE PROPOSTE

Novanta tonnellate di infradito invadono le coste dell’Africa ogni anno, e molte di queste arrivano sulle spiagge del Kenya.
Watamu è la più impegnata delle località turistiche nella raccolta e nel riciclo dei “flip-flop”, come viene comunemente chiamato il materiale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Garoda Beach, Jacaranda Bay, Love Islands (Baia dell'Amore), Short Beach, Watamu Bay.
In ordine rigorosamente alfabetico, presentiamo la Top 5 delle spiagge di Watamu.
Starà ai nostri lettori, su facebook o scrivendo a info@watamukenya.net, decretare quale di questi angoli di...

LEGGI LA PRESENTAZIONE ALL'INTERNO E GUARDA LE IMMAGINI!

A Watamu la chiamano tutti "Mama Paka".
Nicoletta "Niky" Ghiberti è ormai da cinque anni la paladina dei gatti della piccola cittadina turistica di Watamu.
Mama Paka è una solare signora di 55 anni arrivata in Kenya nel 2004 da Torino, dove svolgeva...

LEGGI TUTTA LA STORIA

La passione per il Kenya, l'incanto di Watamu e l'incontro con la gente del posto possono fare piccoli miracoli.
Come ad esempio aiutare a far nascere dal nulla una scuola, dove le possibilità di avere un'educazione decente sono minime.
 

LEGGI LA STORIA E GUARDA LA FOTOGALLERY