Ultime Notizie

STORIA

La storia del medico a cavallo di una zebra che salvò Nairobi

Un secolo prima della pandemia, in Kenya arrivò la peste

23-08-2021 di redazione

La storia che vi raccontiamo oggi è accaduta in Kenya cento anni fa.
Un secolo prima di quella pandemia che oggi in molti chiamano “peste del Terzo Millennio”, ben sapendo (o forse no, siamo nell’epoca che tutto dimentica con una App...) che la peste era un’altra cosa.
In più, se per un’occidentale cento anni sembrano un’era geologica fa, figuriamoci a Nairobi e dintorni. A quel tempo la metropoli che è oggi, immersa in affari internazionali, traffico esponenziale, vertigini di diseguaglianze sociali, era poco più che un villaggione in mezzo alle fredde paludi tra fiumi e laghi, bonificate dai coloni britannici quel tanto che bastava a ridurre l’incidenza letale della malaria.
I capitribù si presentavano vestiti in abiti tradizionali, con volti dipinti e piumaggi negli uffici governativi per firmare accordi, le donzelle al seguito dei valorosi mariti giravano in risciò agghindate come in un’opera di teatro vittoriano, gli animali selvatici giravano liberamente ma altrettanto liberamente venivano cacciati e uccisi.
Ma c’era anche chi li allevava e cercava di addomesticarli.
Era il caso di un medico indiano di origine portoghese, uno di quelli arrivati con i genitori dall’ex protettorato di Goa, una volta divenuto colonia britannica.
Rosendo Ayres Ribeiro con gli animali ci era cresciuto e, pur avendo studiato medicina in un college in India, aveva scelto di trasferirsi nel 1900 nel luogo che aveva visitato da ragazzo e di cui si era innamorato.
Di certo non era un personaggio comune, il Dottor Ribeiro.
Si recava dai suoi pazienti a cavallo di una zebra che aveva fatto crescere come un cavallo e che imbrigliava e sellava ogni mattina. Anche in tempi di avventurieri, “wild boys” e varia umanità di molteplici provenienze, un uomo ben vestito, con cappello e valigetta, in groppa a una zebra non passava inosservato.
Sull'uso delle zebre come animali da soma non c'è da stupirsi, ai tempi venivano utilizzate dagli inglesi anche per trainare carretti e carrozze, piuttosto che ci si riuscisse ad avere un rapporto amichevole, proprio come con un animale domestico, ai tempi era più una novità. 
A parte la sua eccentricità, Ribeiro era conosciuto come uno dei migliori medici di Nairobi e la sua popolarità crebbe a dismisura quando per primo identificò una strana moria contagiosa nel centro della città, intorno al piccolo bazaar indiano.
Era peste bubbonica e solo lui, che era venuto a contatto con alcuni casi simili in India, avrebbe potuto identificarla, mentre i soloni della Regina ipotizzavano chissà quale virus del Continente Nero.
Era proprio la crescita commerciale di Nairobi e l’arrivo di gente di tutte le razze da Europa, Asia e altri paesi africani, oltre all’aumento dell’immondizia, ad aver creato i presupposti per la presenza di topi ed altri roditori capaci di trasmettere malattie all’uomo.
Alla morte di un negoziante indiano seguirono altri 20 casi nello stesso quartiere cittadino e il dottor Ribeiro, dopo aver visitato i primi africani che avevano avuto sintomi simili, due somali, convocò una riunione straordinaria con i vertici del protettorato britannico. L’unica soluzione per debellare la malattia sarebbe stata quella di bruciare l’intera zona del mercato.
Così fu. L’uomo a cavallo di una zebra assistette all’incendio del centro di Nairobi e non pot+ evitare anche che il suo stesso studio di medico finisse in cenere, ma riuscì a salvare il Kenya da un’epidemia che, considerando la ferrovia appena inaugurata e la caratteristica nomade della gente che si muoveva per affari, fiere del bestiame e cercare di sbarcare il lunario, avrebbe potuto causare ben più dei 75 milioni che la “morte nera” causò in Europa nel 1400.
Da allora Ribeiro non fu solo quel “dottore matto” che arrivava a visitare i pazienti legando il suo cavallo a strisce bianche e nere ad una colonna, ma il salvatore di Nairobi.
Fu ricompensato per questo dall’Impero Britannico e diventò un’eminenza. Grazie alle sue origini goane, il governo Portoghese nel 1914 lo nominò console lusitano in Kenya.
Rosendo Ribeiro morì a Nairobi nel 1951, all’età di 80 anni e fu sepolto al City Park Cemetery.
Si narra che, i primi anni dopo la sua sepoltura, ogni tanto un branco di zebre facesse capolino nei pressi della sua tomba.
 

TAGS: storia KenyaDoctor Ribeirostorie kenya

Molti di coloro che conoscono la storia del Kenya sono convinti che il cristianesimo fu portato qui dai missionari tedeschi che aprirono la prima missione cattolica a...

LEGGI TUTTO

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I kenioti hanno eletto “Stellah” la canzone d’amore più bella di sempre in Kenya.
Niente a che vedere, né musicalmente né poeticamente con l’eterna Malaika (che per il vero non si sa ancora se sia un pezzo tradizionale tanzaniano o...

LEGGI TUTTO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Gli indigeni lo chiamano "Nyari", una parola giriama che significa "il luogo delle erosioni spontanee".
Il villaggio di Marafa si trova nel distretto di Magarini, a soli quaranta chilometri da Malindi, a meno di un'ora di macchina, per lo più su...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'incredibile storia di Robin Cavendish raccontata in questo film uscito nel 2017, il cui titolo originale é "Breathe".
Si tratta di una produzione hollywoodiana che ha per protagonista il giovane Andrew Garfield (Spider Man, The social network) che interpreta il protagonista di una storia...

LEGGI TUTTO

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.

LEGGI TUTTO

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Era il 1898, nel porto di Mombasa iniziavano ad arrivare navi britanniche dall’India, cariche di merci e di attrezzi per costruire la famosa ferrovia che avrebbe collegato quella che allora era la prima città del Kenya, oltre che il porto...

LEGGI TUTTO

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Arriva da Watamu la storia della tartaruga Sasha (così è stata ribattezzata dai suoi salvatori) che non ha voluto tornare a nuotare nel suo mare, l'Oceano Indiano, perché ancora non era guarita del tutto.
La vicenda è stata raccontata dal...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sono moltissimi, ma nemmeno pochi i film di un certo spessore girati in Kenya con l'idea di raccontare questo Paese, i suoi luoghi, la sua gente o ...

LEGGI TUTTO

Pochi conoscono il lago Chala.
Situato per metà in Kenya e per l'altra metà in Tanzania, sotto il Kilimanjaro, tra la cittadina di Taveta e quella di Loitokitok, il Chala è un cratere di quattro chilometri quadrati di diametro circondato dal...

LEGGI TUTTO

La storia del primo cinese che approdò sulle rive dell'Oceano Indiano ha seicento anni.
Era infatti il 1417, secondo gli studiosi di Pechino che hanno recentemente pubblicato un volume sui viaggi dei grandi navigatori orientali, quando Zeng He con...

LEGGI TUTTO

Il Kenya, grazie alle relazioni commerciali del passato con arabi, indiani e persiani, è un miscuglio di culture e tradizioni, di storie e cibo.
Tra i piú comuni spuntini da street food...

LEGGI TUTTO

Mombasa è sicuramente la città più antica del Kenya e uno dei porti storici dell’Africa Orientale. Gli altri approdi citati già nel decimo secolo dopo Cristo dai primi navigatori, sono oggi rovine di città (come Kilwa in Tanzania o Sofala...

LEGGI TUTTO