Ultime Notizie

LUOGHI

Hell's kitchen, la cucina del diavolo

Marafa, la magia del canyon nascosto

22-06-2020 di redazione

Gli indigeni lo chiamano "Nyari", una parola giriama che significa "il luogo delle erosioni spontanee".
Il villaggio di Marafa si trova nel distretto di Magarini, a soli quaranta chilometri da Malindi, a meno di un'ora di macchina, per lo più su una buona strada sterrata costellata di baobab e manghi.

La depressione non è lontana dal centro abitato, dalle scuole e dagli uffici governativi.
Dall'altra parte, "Nyari" incontra la foresta di Dakatcha, ricca di biodiversità, una giungla in grado di immagazzinare acqua, proteggere il suolo, ospitare animali e piante uniche e fornire servizi ambientali e benefici alla popolazione locale.
Se ogni foresta nelle terre aride della costa è sacra, qui Marafa è un tempio profondo. Molti studiosi ne hanno frequentato la base in continua espansione per trovare erbe naturali e altre piante di valore curativo.
Prima che diventasse un luogo recintato della comunità di giriama, con un biglietto d'ingresso a pagamento e un bar ristorante costruito da una ONG italiana, il canyon era un parco giochi da sogno per i bambini di questa zona, che si nascondevano e costruivano le loro case dopo la scuola, inventando storie paurose e giochi.
"Ce ne occupiamo da quando siamo nati - dice Julius, la guida esperta della comunità - lo conosciamo dai nostri nonni e siamo cresciuti con le storie degli antenati sulla magia e il male, le cerimonie del bel tempo e le danze per ottenere la fertilità e la pioggia dal cielo". 
Ma il nome "Hell's kitchen" non è solo dovuto a "mchawi" (stregoneria malvagia), è dovuto al caldo diurno in mezzo ai canyon, dove il sole può raggiungere i 50 gradi".
Ora Marafa, Hell's Kitchen è uno dei siti più sottovalutati della costa keniota, che attira ogni anno migliaia di turisti in un tour giornaliero che spesso comprende le sabbie dorate di Che Chale o l'ambiente delle mangrovie di Robinson Island e il paesaggio salino di Ngomeni.
La formazione geologica è stata causata dall'erosione della scarpata di arenaria, rivelando un insieme unico di strati di roccia dai colori vivaci, dai bianchi ai rosa, dai gialli arrugginiti all'arancio, dai marroni rossastri ai cremisi profondi. 
Marafa presenta una serie di gole frastagliate e alti camini, alcuni dei quali si innalzano fino a 30 metri di altezza, spine sottili di rocce dalle tonalità calde si estendono all'orizzonte e cambiano colore mentre il sole si sposta nel cielo soprastante. 
Le forme e colori cambiano in ogni stagione, scolpiti dal vento, dalla pioggia e dalle inondazioni, quest'anno per esempio tra le gole della cresta di arenaria abbiamo trovato il volto di un enorme indiano, scolpito spontaneamente in una delle rocce più grandi.  
I colori a strati dell'arenaria rivelano bianchi, rosa, arancioni e cremisi profondi, rendendo la gola particolarmente suggestiva al tramonto, quando le tonalità delle gole di arenaria sono evidenziate e rispecchiate da quelle del sole al tramonto.
Da molti anni, c'è una divertente piccola comunità di babbuini che vive lì intorno, che arriva nella depressione quando gli alberi portano i frutti, e si diverte a mangiarli in cima ai camini, creando uno dei momenti e dei panorami africani più emozionanti.
Secondo una leggenda locale, le profonde voragini di Hell's Kitchen sono state formate dall'ira divina. C'era una volta una famiglia ricca e stravagante che viveva a Marafa, che si concedeva il bagno nel prezioso latte delle sue mucche. 
Dio, furioso per il loro comportamento eccessivo, li punì aprendo la terra sotto la loro casa. La pietra arenaria simbolicamente bianca lattea e rosso sangue di Hell's Kitchen serve da promemoria contro lo spreco e l'esorbitanza.
C'è un'altra leggenda giriama che narra che un giorno, tutti gli abitanti della città ricevettero una visione che diceva loro che stava per accadere un miracolo e che la loro città si sarebbe spostata. Tutti si trasferirono, tranne una vecchia signora che si rifiutò di andarsene. La città abbandonata sarebbe poi svanita - con la donna rimanente ancora dentro - lasciando al suo posto la Depressione di Marafa.
La storia geologica, ovviamente, racconta una storia un po' più banale: il sito era originariamente un luogo caratterizzato dalla presenza di pietra arenaria, che a causa delle piogge, si è erosa nel corso di migliaia di anni, creando un canyon dove pinnacoli, gole, guglie e sinuose strutture gigantesche si alternano creando uno spettacolo meraviglioso.
Questo processo sta espandendo il "Nyari" ancora oggi, con il recinto che negli ultimi anni ha dovuto essere spostato tre volte, mentre il precedente soccombe all'erosione.


 

FOTO GALLERY
TAGS: marafahell's kitchenescursioni malindicanyon kenya

Il Kenya è una delle destinazioni più varie e straordinariamente ricche di occasioni uniche, emozioni per tutti ed attrazioni per ogni tipo di appassionato o esperto di avventura. Se per molti il Paese africano è soprattutto sinonimo di Natura selvaggia,...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Parco Nazionale del Monte Longonot ed il suo ecosistema si trovano a circa 90 km da Nairobi. 
La riserva si estende su circa cinquanta chilometri quadrati, di cui la maggior parte è occupata dalla montagna stessa, che di fatto...

LEGGI TUTTO

Anche l'Oceano Indiano ha i suoi "Big 5". Non è solo la savana del Kenya a...

LEGGI TUTTO

Migliaia di appassionati si sono dati appuntamento in questi giorni a Watamu per uno spettacolo unico, per certi versi comparabile alle grandi migrazioni in savana. Sicuramente per i patiti di mare la grande migrazione delle balene dal Madagascar all'India è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Camping Safari". 
E' la nuova frontiera delle escursioni esclusive, per chi ama davvero la Natura selvaggia africana e vuole vivere a diretto contatto con l'habitat di fauna e flora, senza rinunciare a sicurezza e comfort.
Sempre più turisti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu può sembrare a prima vista uno dei tanti villaggi della costa africana, costituito semplicemente da un...

LEGGI L'ARTICOLO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

La barriera corallina è una delle attrazioni di Watamu e dell'Oceano Indiano keniano.
Al largo della località turistica la prima barriera è presente dall'imbocco del Mida Creek fino a Malindi, senza interruzioni e ha permesso nel corso del tempo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riparte ufficialmente la stagione della costa del Kenya e con essa la vita vacanziera della cittadina turistica più acclamata dello scorso anno.
Watamu è pronta a fare il pieno anche quest'anno, grazie al suo mix di tutto quello che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I giovani l'hanno scelta come meta prediletta per il Kite Surf. Il vento è cambiato da una settimana, il kaskazi estivo nel primo mese soffia forte e permette nella lunga striscia di oceano protetta dalla barriera corallina, dalla Hemingway Bay...

LEGGI TUTTO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato.
L'inevitabile ...

LEGGI L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Jacaranda Beach Resort da un po' di tempo a questa parte a Watamu non è solo sinonimo di turismo e di accoglienza, con la bellezza del suo mare e la qualità dei suoi servizi, ma soprattutto per la popolazione locale...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO