Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Okra, la verdura locale detox e antidiabete

Diffusissima in Kenya, usata anche in cosmesi e per tisane

03-06-2020 di redazione

Spesso sulle bancarelle dei mercati locali della costa del Kenya trovate una varietà di verdura che potrebbe assomigliare a piccole zucchine, ma se poi la vedete da vicino, con le sue scanalature e la forma leggermente allungata sulla punta, capite che si tratta di qualcosa d’altro.
Il suo nome è “okra” (in italiano anche “gombo”) e quello scientifico Abelmoschus esculentus, è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle malvacee e originaria del continente africano. Gli inglesi chiamano i suoi frutti “Lady’s fingers”, dita di donna, proprio per la forma leggermente affusolata e per le misure.
Se il sapore può apparire un po’ ostico e amarognolo e soprattutto può dare fastidio la viscosità, in realtà questa verdura, con tutte le parti della pianta, è un vero elisir di salute.
Le sue foglie sono una fonte ricca di minerali e i semi forniscono olio e proteine di altissima qualità; sempre dai semi, tostati e macinati si ottiene un valido sostituto del caffè privo di caffeina.
I suoi frutti, che si presentano come baccelli verdi simili al peperoncino, sono utilizzati in numerose cucine di tutto il mondo dall’indiana alla brasiliana, dalla turca all’est europea passando per quella degli Stati Uniti del sud dove è stata portata dagli schiavi africani.
L’ocra ha degli ottimi valori nutrizionali: contiene poche calorie ( 33 per 100 grammi ), moltissime vitamine, tanto acido folico ( utilissimo in gravidanza ) e altrettanta fibra alimentare.
Tale fibra  è ottima per la salute di tutto il tratto gastrointestinale ed aiuta ad assorbire l’eccesso di colesterolo.
L’abbondante acqua contenuta impedisce la stipsi, elimina il gas e il gonfiore all’addome.
In Turchia, da tempo, i semi arrostiti vengono utilizzati per il trattamento del diabete e ci sono studi che sembrano confermarne l’efficacia.
Un altro modo per ridurre il tasso di zuccheri nel sangue è quello di bere dell’acqua in cui si sono lasciati in infusione per una notte alcuni baccelli, metodo che fa rilasciare alcune sostanze presenti nella buccia e nei semi.
Il frutto dell’ocra contiene vitamina A, flavonoidi antiossidanti come il beta carotene e la luteina. Questi composti sono noti per avere effetti benefici sulla salute degli occhi e della vista.
Anche nella cosmesi il gombo trova un utilizzo importante.
In commercio esistono diversi prodotti a base di ocra indicati per il trattamento di pelle secca e capelli fragili. La vitamina E presente nel frutto ha un effetto emolliente ed idratante, mentre la vitamina C ha un’azione naturale ricostituente.
Soluzione fai da te per preparare una maschera idratante efficace per combattere la secchezza di pelle e capelli.
Spezzettare i frutti metterli in infusione in acqua bollente per 20 minuti. Lasciarlo raffreddare e riporlo in frigo per una notte. A contatto con l’acqua calda si rilascia il contenuto delle mucillagini e una volta raffreddato si rapprende diventando gelatinoso.
Spalmare su viso e capelli e risciacquare dopo 10 minuti.
L’ocra trova un utilizzo anche nell’industria tessile, dal suo fusto infatti si ricava una fibra tessile nota come fibra di gombo.

TAGS: okraverdure kenyalady's finger

Un paradiso esclusivo completamente rinnovato.
Un ristorante gourmet con chef italiano specializzato in cucina creativa e fusion, in una cornice unica a picco sul mare, all'imbocco del Mida Creek di Watamu.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Oceano Indiano, tra le sue meraviglie e bontà ittiche, abbonda di calamari.
La popolazione locale, specie i swahili della costa, non li amano particolarmente e sono soliti cucinarli alla griglia, oppure insieme al polpo in un guazzetto con sugo di...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Una cena di San Valentino davvero speciale al Mapango Restaurant sulla spiaggia del Lily Palm Resort.
Per la serata dedicata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tamu Restaurant è il nuovo nome dell'eccellenza gastronomica e dell'eleganza a Watamu, un ristorante fusion di classe sulla spiaggia del Crystal Bay di cui potete sapere di più CLICCANDO QUI.
Per ferragosto cena fusion speciale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La zuppa di granchio con il ginger è un piatto tradizionale dell'arcipelago di Lamu.
La popolazione locale, specialmente nell'isola di Pate, è solita consumare questa pietanza accompagnandola con riso al cocco o chapati.
Ecco la ricetta originale rielaborata da watamukenya.net

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il chapati è un pane tradizionale portato in Kenya dalla tradizione indiana, ma poi evolutosi in tutto il Paese ed oggi preparato in strada, nei locali poveri come in quelli di alto livello come accompagnamento per le pietanze.
La sua...

LEGGI TUTTO

Proseguiamo la nostra visita alle realtà solidali italiane nella zona di Watamu, con un piccolo ma significativo progetto andato a segno a Timboni.
Si tratta della nursery costruita dall'associazione "My name is help" di Bergamo.
La S.P.& K. nursery school...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il cardamomo è una spezia conosciuta fin dai tempi dei greci e dei romani, che lo utilizzavano per produrre profumi, ed è attualmente nota come la terza spezia più cara al mondo dopo zafferano e vaniglia.
Quello reperibile sulla costa keniana...

LEGGI L'ARTICOLO

Il "mondo bianco" della costa keniota si trova una trentina di chilometri a nord di Malindi.
Dopo la spiaggia dorata di Che Shale, oltre la base italiana del progetto aerospaziale San Marco, la vista dell'oceano sparisce e appaiono chilometri e...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti una splendida struttura che sembra una torre disegnata da Gaudì in mezzo alla foresta ancora vergine di Watamu, ad un centinaio di metri dall'oceano e dalla lunghissima bianca spiaggia tra Turtle Bay e Garoda. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Forse quel retrogusto di cetriolo per un attimo può lasciare interdetti, ma nel suo bouquet agrodolce ci potete sentire anche lime, passion e banana. Stiamo parlando del Kiwano, detto anche "melone cornuto".
Appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, il Cucumis metuliferus è...

LEGGI TUTTO