Ultime Notizie

RICETTE

La nostra ricetta dei Calamari alla Vasco Da Gama

Guazzetto dell'Africa portoghese con i freschi molluschi dell'Oceano Indiano

14-05-2020 di redazione

L'Oceano Indiano, tra le sue meraviglie e bontà ittiche, abbonda di calamari.
La popolazione locale, specie i swahili della costa, non li amano particolarmente e sono soliti cucinarli alla griglia, oppure insieme al polpo in un guazzetto con sugo di pomodoro e latte di cocco.
Ma c'è anche una ricetta di origine portoghese che abbiamo denominato "Calamari alla Vasco Da Gama".
Ecco la ricetta di watamukenya.net:

Ingredienti per 4 persone

800 g di calamari 
3 cipolle  
2 lime
una carota 
una costa di sedano 
una foglia di alloro
una presa di curcuma 
due bicchieri di vino bianco 
2 peperoni (uno giallo e uno verde) 
1 mango
olio 
burro 
250 g di riso 
sale 
pepe

PREPARAZIONE

Utilizzate calamari puliti, separate i tentacoli dalle teste.
Sminuzzate i tentacoli e tagliate le teste ad anelli.
Preparate un soffritto in una casseruola grande con una cipolla tagliata a pezzetti, la carota raschiata, la costola di sedano, lavata e spezzettata, la foglia di alloro, un lime spremuto, una presa di sale e qualche granello di pepe.
Aggiungete i tentacoli sminuzzati e mezzo bicchiere di vino.
Dopo due minuti aggiungete i calamari e coprite la casseruola aggiungendo dell’acqua e lasciate per dieci minuti cuocere a fuoco basso.
A questo punto togliete i calamari con una schiumarola, lasciando nel recipiente brodo e verdure.
In un'altra casseruola fate scaldare mezzo bicchiere scarso di olio con 20 g di burro, adagiatevi i calamari e fateli insaporire a fuoco basso. Nel frattempo sbucciate le cipolle rimaste e tagliatele ad anelli, unendole ai calamari quando saranno rosolati. Mondate e lavate i peperoni tagliateli a falde e uniteli ai calamari mescolando. Aggiungete il mango a cubetti, spruzzate l’altro lime e coprite tutto con il vino. Salate, pepate e cuocete, coperto e a fuoco medio, per circa venti minuti, avendo cura di mescolare ogni tanto. Dopodiché togliete calamari e verdure dal recipiente, metteteli su un piatto e teneteli in caldo. A fuoco vivo fate addensare iI fondo fino a quando ne resterà circa un bicchiere che verserete sui calamari. Servite subito su un letto di riso bollito.

TAGS: ricette kenyaricette swahilicalamari kenyaricetta calamari vasgo da gama

Una cena di San Valentino davvero speciale al Mapango Restaurant sulla spiaggia del Lily Palm Resort.
Per la serata dedicata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo scrittore Muhammad Bin Hassan Bhagdadi nel libro di ricette del XIII secolo “Kitab al tabeek”,il cui manoscritto originale  é tutt’oggi custodito nella ...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

In Kenya le patate sono particolarmente gustose.
La popolazione locale le adora fritte, tanto che sono il contorno ideale del piatto nazionale, la "nyama choma" (carne alla griglia quasi abbrustolita).
Ma vi sono molti altri modi di cucinarle.
Una delle...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che...

LEGGI TUTTO

Kebab è una parola di origine araba ormai nota in tutto il mondo.
Ma ogni Paese ha la sua ricetta per queste polpette di carne.
Ecco la ricetta della costa swahili, per questo piatto popolarissimo che non manca mai nelle...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il riso "pilau" è uno dei piatti unici più frequenti da trovare nei ristoranti del Kenya, specialmente quelli della costa. La ricetta è di origine mediorientale, ma la sua variante swahili è diffusa soprattutto in Kenya e Tanzania e la...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Un nuovo, graziosissimo "chiringuito" si affaccia nell'accattivante scenario dei punti di ritrovo sulla spiaggia di Watamu.
Nella baia di Fortamu, di fronte all'isola dell'amore e a pochi metri da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamava "Jumba La Mtwana", dove "jumba" in kiswahili significa "casa".
Era una cittadella araba sorta nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le patate impastellate con aroma di limone e anima di peperoncino sono una delle delizie dello street food della costa keniana.
Si chiamano "Viazi Karai" e vengono vendute ad ogni angolo di strada, fritte al volo negli wok sistemati in...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

La bontà del pollo ruspante in Kenya non è un mistero. Nella maggior parte dei casi viene cucinato semplicemente alla brace, ma ci sono piatti della cucina swahili che contemplano altri piacevoli incontri di sapori. Uno di questi è il...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

I kaimati sono dolcetti caratteristici del Kenya, e particolarmente della costa swahili, simili ai nostri tortelli di carnevale, non ripieni.
Vengono guarniti spesso con una glassa caramellata e  spolverati con zucchero bianco.
ECCO LA RICETTA

LEGGI TUTTA LA RICETTA

La zuppa di granchio con il ginger è un piatto tradizionale dell'arcipelago di Lamu.
La popolazione locale, specialmente nell'isola di Pate, è solita consumare questa pietanza accompagnandola con riso al cocco o chapati.
Ecco la ricetta originale rielaborata da watamukenya.net

LEGGI TUTTA LA RICETTA

I fagioli al cocco (maharagwe za nazi) sono un piatto povero ma gustoso ed energetico della tradizione dell'etnia mijikenda che popola la costa keniana.
A secondo di chi lo prepara, dei gusti e dell'abbondanza di fagioli, può essere cucinato come...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Paparemo prosegue con le serate a tutto ritmo suo Beach Party anche nel 2019.
I giovedì sera del locale di Watamu sono sempre un successo e ora la stagione prosegue con tanti arrivi! 
La spiaggia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa località turistica del Kenya.
Venti chilometri prima

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO