Ultime Notizie

VISTI E PERMESSI

Visti online per il Kenya: occhio alle truffe

Ecco i raggiri e come evitarli

22-10-2019 di redazione

Chi si appresta ad un viaggio in Kenya già sa o viene informato che per entrare nel Paese dovrà essere provvisto di un permesso di soggiorno della durata massima di 3 mesi (rinnovabile eventualmente di altri 3 e non oltre, presso gli uffici dell’immigrazione).  
Ad oggi è ancora possibile presentarsi allo sportello delle autorità dell’immigrazione degli aeroporti d’arrivo con il relativo modello cartaceo complilato e pagare 40 euro o 50 dollari per farsi applicare lo sticker (o farsi timbrare il passaporto, in mancanza degli adesivi, a volte può succedere, in tal caso dovete sempre controllare la durata del visto se volete sfruttarlo per intero, perché a volte viene segnato un solo mese). Sempre più viaggiatori però utilizzano la pratica del visto online, in vigore ormai da quattro anni. L’UNICO SITO AUTORIZZATO ad emettere il Kenya E-visa è quello del governo, ovvero evisa.go.ke. Ci si può entrare direttamente o accedere anche dal sito e-citizen dell’ufficio immigrazione keniano.
In questi quattro anni gli immancabili malandrini della rete hanno sviluppato finti siti che promettono di emettere visti online per il Kenya. Sono siti che solitamente ogni tot di tempo cambiano i loro indirizzi per non essere tracciati e scoperti e che si rifanno a numeri di telefono americani, inglesi, sudafricani o delle famigerate isole caraibiche denominate “paradisi fiscali”, tipo le Cayman.
Ultimamente abbiamo segnalato ai nostri lettori questi tre indirizzi: evisa-kenya.com, kenyavisagov.com e kenyaevisagov.com. Preghiamo chi ci legge di aiutarci nella ricerca e inviarci altri potenziali indirizzi di siti-truffa scrivendoci a info@malindikenya.net o attraverso la nostra pagina Facebook www.malindikenya.net
Vi sono due tipi di truffa: quello classico per cui inserite dati, fotografia e compilate il visto come nel sito ufficiale, pagate i vostri 40 euro e poi non riceverete mai il Kenya Visa, e quello che invece non è una vera e propria truffa, ma una sorta di agenzia che si fa pagare da voi una “commissione” per “aiutarvi” a fare il permesso di soggiorno telematico per il Kenya.
Praticamente, chiedendovi 99 euro, prende tutti i dati (compreso il vostro passaporto) e poi li ritrasmette al sito ufficiale evisa.go.ke, paga i regolari 40 euro e si fa arrivare l’evisa che poi vi girerà. Il successo di questi siti, oltre che dalla leggerezza e dall’ignoranza dell’inglese da parte di molti italiani, è dato dal fatto che a volte il sito ufficiale del Governo keniano è offline (all’inizio di ottobre 2019 lo è stato per ben 4 giorni, con impossibilità di effettuare qualsiasi operazione non solo da parte di chi voleva, magari all’ultimo minuto, fare l’evisa online, ma anche per rinnovi di patenti, permessi di lavoro e altri servizi che, a differenza dell’evisa, non hanno più la doppia possibilità di usare l’antico metodo cartaceo).
In conclusione, diffidate di questi siti che hanno già mietuto diverse vittime e se volete fare il visto online che spesso vi permette un’uscita rapida dall’aeroporto e, specie a Mombasa, vi protegge automaticamente da qualsivoglia tentativo di estorsione (sempre più rari, per il vero) affidativi unicamente al sito ufficiale dell’immigrazione.

TAGS: visti kenyasoggiorno kenyavisto kenya

Smart Working in Kenya, perché no?
Sarebbe un’ottima soluzione per attirare un nuovo tipo di turismo residenziale (perché sempre di turisti si tratta, all’atto pratico) che in futuro potrebbe rivelarsi una risorsa importante.

LEGGI TUTTO

L'annuncio è di quelli che mettono la voglia di acquistare un biglietto e prenotare una vacanza a Watamu.
Anche se si tratta della stagione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come una bellissima signora separata da poco, è bastato un tocco magico, un po' di sano restyiling ed eccola tornare più affascinante e bella di prima, e di certo più disponibile. 
Questo è accaduto anche al Lily Palm Resort, l'hotel...

LEGGI TUTTO

Si riaccendono le luci del divertimento serale al Mapango, a suon di aperidinner e buona musica.
Gli appuntamenti del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare assaporando il dolce far niente?
Considerato il ritorno prepotente della voglia di "cambiare vita" e la...

LEGGI TUTTO

La scuola di Gede è davvero speciale.
Non soltanto perchè si chiama "special school" e perché i suoi studenti sono bambini straordinari, ma perché riceve e trasmette amore.
Quello che si può fare per la scuola per disabili motori e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Anche l'Oceano Indiano ha i suoi "Big 5". Non è solo la savana del Kenya a...

LEGGI TUTTO

Il rinnovo del DPCM da parte del Presidente del Consiglio Draghi, lo scorso marzo, non ha cambiato di fatto nulla in materia di viaggi oltre l'Europa, ovvero la cosiddetta "area Schengen". Restano vietati quindi ufficialmente gli spostamenti per turismo.

LEGGI TUTTO

Watamu e il suo indotto turistico escono rafforzati dalla recente fiera del settore a Nairobi.
Il "Magical Kenya Travel Expo" ha visto centinaia di operatori turistici e "buyer" di tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una splendida struttura che sembra una torre disegnata da Gaudì in mezzo alla foresta ancora vergine di Watamu, ad un centinaio di metri dall'oceano e dalla lunghissima bianca spiaggia tra Turtle Bay e Garoda. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il parco del Lago Jipe, al confine tra Kenya e Tanzania, ma raggiungibile anche dalla strada oggi asfaltata che porta da Voi a Taveta, è un luogo fantastico in cui...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiamava "Jumba La Mtwana", dove "jumba" in kiswahili significa "casa".
Era una cittadella araba sorta nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Noi lo raccomandiamo ormai da mesi, nonostante diversi connazionali continuino a portare le loro testimonianze, specialmente a mezzo social, sul fatto che siano riusciti a partire ugualmente: conviene fare il tampone PCR anche in uscita dal Kenya, e farlo in...

LEGGI TUTTO

Fino a qualche anno fa Watamu era una destinazione sconosciuta a molti keniani del nord e dell’entroterra.
Negli ultimi mesi, anche in seguito alla pandemia di Covid-19, chi voleva trascorrere delle vacanze fuori dalla grandi cittá e in localita di...

LEGGI TUTTO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I connazionali in vacanza che lo hanno visto aggirarsi dalle parti della spiaggia della Garoda non credevano ai suoi occhi, altri hanno pensato ad un turista che gli somiglia parecchio.
Invece il comico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO