Ultime Notizie

TURISMO

Smart Working in Kenya, perché no?

Nuovo turismo a cui altre destinazioni già aspirano

03-08-2021 di redazione

Smart Working in Kenya, perché no?
Sarebbe un’ottima soluzione per attirare un nuovo tipo di turismo residenziale (perché sempre di turisti si tratta, all’atto pratico) che in futuro potrebbe rivelarsi una risorsa importante.
Negli ultimi mesi in cui in Europa, grazie soprattutto alla campagna vaccinale, in molti hanno iniziato a vedere i primi barlumi della famosa luce in fondo al tunnel della reclusione, si affacciano ora tanti nuovi dubbi alla luce del sole estivo.
Come si evolveranno certi lavori?
Come reagirà il mercato ad una ripresa lenta e zoppicante?
Quante aziende che non lo hanno già fatto, chiuderanno sedi e uffici per ridurre i costi e non dover licenziare e proporranno ai loro dipendenti il lavoro da casa? Attualmente, approfittando nei mesi caldi in Europa, ci sono già "nomadi digitali" tra Grecia e Spagna ed alcune realtà come l'isola di Madeira hanno già creato vere e proprie community. Nel frattempo sono allo studio anche regimi fiscali appropriati.
Dal nostro pulpito a forma di ufficio informazioni sotto una palma in riva all’Oceano Indiano, riceviamo continuamente messaggi di connazionali che vorrebbero trasferirsi in Kenya dal prossimo autunno e continuare a lavorare “da remoto” riducendo le spese e soprattutto migliorando la qualità della propria vita.
E’ un fenomeno, quello dello Smart Working in luoghi lontani che prima della pandemia appartenevano soprattutto ai sogni di vacanze al caldo e tuffi nel relax o nell’avventura, che oggi viene preso seriamente in considerazione.
Se per il Kenya, spesso indietro nel prendere decisioni che guardino avanti e in maniera globale, si attende l’apertura totale dell’Europa al turismo e una “botta” decisa alle vaccinazioni, altre mete desiderabili si sono già mosse per convincere i neo-lavoratori online a soggiornare nel loro paese, offrendo soluzioni appetibili.
Lo hanno fatto per prime alcune isole dei Caraibi, come Barbados e Bermuda, proponendo visti di soggiorno turistico speciali e prolungati fino ad un anno per chi poteva comprovare un rapporto di collaborazione continuativo con aziende nella sua patria.
Il primo ministro delle Barbados Mottley, ad esempio, ha lanciato il “Welcome Stamp”, un visto turistico gratuito di 12 mesi.  
Nel continente africano le prime a pensarci sono state due realtà piccole e circoscritte, ma anche d’elite come Seychelles e Mauritius che sono anche quelle che avevano i maggiori introiti dal turismo e che per questo stanno ancora leccandosi le ferite dei lockdown pandemici.
Non solo chi vorrà trattenersi fino a due anni nelle isole potrà compilare una richiesta ad hoc, ma verrà anche indirizzato per trovare qualche occupazione di conseguenza, se non ne avesse già una. In poche parole l’idea dei due Governi è: uno smart worker che lavora dalla nostra fantastica destinazione, ne fa inevitabilmente pubblicità e promuove anche il turismo in vista della ripresa dei viaggi in grande stile, che è ancora piuttosto incerta e lontana.
E il Kenya cosa fa?
In questi casi si direbbe “sta a guardare” e sarebbe già una buona notizia, perché osservare significa incamerare dati e conoscenze per prepararsi ad agire.
Non siamo sicuri che sia così, ma abbiamo già intenzione di trasmettere le nostre idee alle autorità competenti.
Molti italiani interessati a trasferirsi sulla costa del Kenya ma anche a Nairobi, ci chiedono in effetti se esistano visti speciali o permessi di soggiorno prolungati per chi dovesse dichiarare di lavorare da remoto per un’azienda italiana.
Per adesso non esistono facilitazioni del genere ed è un peccato, perché indubbiamente gli “stmart worker” possono avere un loro peso nel far girare l’economia locale, orfana di migliaia di turisti.
Innanzitutto, vedendo dai “desiderata” dei richiedenti informazioni, c’è la richiesta di un’abitazione in affitto che nella maggior parte dei casi si tradurrà in servizi inevitabili: personale di casa, utenze di luce ed acqua, spese nei mercati e nei negozi alimentari, ristoranti, trasporti ed altro.
Ma c’è anche la possibilità che una permanenza facilitata e la presa di confidenza con un luogo che si impara a conoscere ed apprezzare, si possa trasformare in residenza e possibili investimenti.
In poche parole, da cosa nasce cosa ed oggi è importante per una destinazione avere più mezzi possibili per attirare cittadini stranieri che portino buona parte del loro reddito in quel paese.
Per quanto riguarda il Kenya, la prospettiva allettante è quella di lavorare al caldo, in ambienti in cui la Natura contribuisce ad una vita salutare, con meno stress e la possibilità di rendere meglio, in termini di produttività e qualità del servizio. Questo riguarda i liberi professionisti ma anche chi ha contratti di lavoro.
Abbiamo ricevuto domande ad esempio da “coach”, ovvero insegnanti di varie discipline e settori: dalla finanza allo yoga, dall’informatica alle lingue. Ma anche chi ha intenzione di allestire uno studio di registrazione musicale virtuale, o di post-produzione video.
Queste le richieste principali:
Possibilità di visti prolungati
Poter essere riconosciuti come lavoratori “ponte” e non come chi ruba stipendi o professionalità alla popolazione locale o si mette in concorrenza con mercati esistenti senza pagare le tasse.
Bontà della connessione internet.
Affitti.
Sicurezza.
Nel caso dei visti, per adesso non c’è nessuna alternativa al visto turistico di 3 mesi (costo 40 euro) prolungabile per altri 3.
Ovviamente non è possibile affiancare nessun genere di attività remunerativa in loco, se non attivando le pratiche per un permesso di lavoro, con tutti i paletti del caso.
Per quanto concerne internet,  in Kenya, come molti sanno, c’è il 4G ma la connettività non è sempre costante e soprattutto gli abbonamenti illimitati sono molto cari, a secondo della compagnia si va dai 50 ai 90 euro al mese. Per chi non ha bisogno di scaricare file pesanti o di fare troppo streaming, i pacchetti mensili o trimestrali da 15 a 30 giga sono già più economici (dai 10 ai 20 euro al mese).
Per l’aspetto che chiama in causa i prezzi delle case in affitto, non si pensi che il Kenya sia ancora quel paradiso in cui con 200 euro al mese si può vivere in un cottage in riva al mare.
Se esistono ancora posti dove questo avviene, è capace che non vi sia non solo internet, ma anche luce elettrica. Se ci si accontenta di vivere anche in zone distanti dal mare o in appartamenti non proprio immersi nella natura, le spese possono essere ridotte.
Per quanto riguarda Nairobi, invece, a fronte della minor spesa il problema principale diventa proprio la sicurezza. In quartieri dove gli affitti sono più economici, spesso c’è meno tranquillità e bisogna fare più attenzione, specie se per il lavoro che si fa, si hanno apparecchi tecnologici come computer, fotocamere ed altre strumentazioni di valore.
Non occorre, per un paese come il Kenya, essere pronti ad affrontare questo nuovo fenomeno creato dai tempi moderni e accelerato dalla pandemia: basta volerlo e organizzarsi di conseguenza, visto che gli effetti (se ben direzionati e controllati) non possono che essere d’aiuto all’economia e anche al turismo.
 

TAGS: smart working kenyalavoro kenyaonline kenya

Chi si appresta ad un viaggio in Kenya già sa o viene informato che per entrare nel Paese dovrà...

LEGGI L'ARTICOLO

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

L'anno d'oro di Watamu presenta le sue cifre: più 40% di turismo straniero rispetto all'anno scorso e più 25% di visitatori locali.
I dati del boom della costa nord del Kenya e specialmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rinnovo del DPCM da parte del Presidente del Consiglio Draghi, lo scorso marzo, non ha cambiato di fatto nulla in materia di viaggi oltre l'Europa, ovvero la cosiddetta "area Schengen". Restano vietati quindi ufficialmente gli spostamenti per turismo.

LEGGI TUTTO

Ormai il titolo che da tempo le è stato conferito, quella di "Perla dell'Oceano Indiano" non glielo toglie più nessuno.
Questo agosto è quanto mai la stagione di consacrazione di Watamu.
Nonostante un tempo non perfetto (ma per gli italiani,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

a notizia della "possibile, probabile anzi difficile" costruzione di un grattacielo di sessantuno piani a Watamu, da parte di una società con sede in Svizzera patrocinata da un italiano, è rimbalzata nuovamente sui media nazionali keniani, dopo che il nostro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo le fiamme di ieri al Mapango di Watamu, il locale sul mare del Lily Palm resort, di cui abbiamo riferito in diretta sul portale malindikenya.net,
il Lily Palm è sempre aperto e già al lavoro per ricostruire tutto nel...

LEGGI TUTTO

Al di là delle origini incerte di questa bevanda, un fatto è certo: da sempre il kombucha viene considerato un elisir di lunga vita.

LEGGI TUTTO

Il Ministro del Turismo della Contea di Kilifi Nahida Mohamed ha annunciato di voler costruire un mercatino turistico, ovvero un "curio market" a Watamu.
Nella recente finanziaria...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya viene spesso definito giocando sugli opposti: “gioia e dolore”, “miseria e nobiltà”, “croce e delizia”, “inferno e paradiso”.
Il segreto della nostra splendida Watamu è che, pur non sottraendosi a questa ineluttabile regola dell’Africa, prende il meglio da...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Una grande soddisfazione per il lavoro che da anni la Watamu Marine Association porta avanti per la tutela dell'ambiente marino nella nostra splendida località turistica.
In ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'iniziativa ormai periodica che coinvolge i residenti di Watamu, organizzata dal Kenya Wildlife Service in collaborazione con le principali associazioni che si occupano di...
  

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il "mondo bianco" della costa keniota si trova una trentina di chilometri a nord di Malindi.
Dopo la spiaggia dorata di Che Shale, oltre la base italiana del progetto aerospaziale San Marco, la vista dell'oceano sparisce e appaiono chilometri e...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni anno è una festa per i bambini di Watamu, ma dietro c'è il gran lavoro della Onlus italiana "Mai Più Violenza Infinita" e dell'organizzatrice Virginia Ceravolo che rende la vita migliore a tanti piccoli scolari della cittadina, con l'aiuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO