Speciali

AMBIENTE

Watamu, dove le tartarughe si sentono al sicuro

LOC, un'organizzazione no-profit impegnata nella protezione dell'ambiente marino del Kenya.

29-09-2020 di redazione

Tutto ebbe inizio nel 1997 quando un gruppo di abitanti di Watamu decise che era giunto il momento di intervenire per proteggere le tartarughe marine della zona e nacque cosi la Watamu Turtle Watch. Oggi, la Local Ocean Conservation è cresciuta ed è diventata un’organizzazione di protezione e tutela marina per far fronte alle sfide che il nostro oceano locale deve affrontare. La salvaguardia delle tartarughe rimane il loro programma di punta , perché sono note per essere una delle principali specie indicatrice dello stato del mare, e un ambiente marino sano è essenziale per la sopravvivenza di tutte le specie oceaniche e molto altro ancora.
Per molti anni, le tartarughe sono state viste - anche se illegalmente - come cibo, oltre che come fonte di reddito, attraverso la vendita della carne, dell'olio e del carapace (guscio). Le tartarughe marine sono comunque una specie altamente protetta in Kenya e sono una specie in pericolo in tutto il mondo.
Le femmine sono molto vulnerabili quando escono sulla terraferma per nidificare, sono bersaglio dei bracconierie che mettono a rischio anche le uova deposte dissotterrandole. Considerando che solo un cucciolo su mille arriva all'età adulta, ogni uovo depositato da questi animali in via di estinzione conta moltissimo.
Dopo i primi anni, la notizia della Watamu Turtle Watch e dei suoi sforzi per proteggere le tartarughe marine si è presto diffusa tra la comunità locale. E’ diventata evidente la necessità di fare qualcosa di più che proteggere solo le femmine nidificanti e le loro uova. Ad esempio, una tartaruga verde venne portata dal luogo di sbarco di un pescatore e consegnata al team della Watamu Turtle Watch.  Questo fu il primo salvataggio di tartarughe del programma By Catch Release di Watamu Turtle Watch. Ad oggi LOC ha condotto più di 17 000 rilasci di tartarughe. 
fake watches uk Il By Catch Release Programme, in particolare, è cresciuto enormemente nel corso degli anni e ora lavora regolarmente con oltre 400 pescatori. Il programma incoraggia i pescatori a salvare la vita delle tartarughe marine catturate accidentalmente nelle loro reti invece di macellarle per la carne e l'olio. Molti hanno ammesso che se non fosse stato per Watamu Turtle Watch, la maggior parte delle tartarughe che finiscono nelle reti sarebbero state uccise subito. Il programma cerca anche di fornire informazioni di base sulle tartarughe marine e sull'ambiente marino.  La chiave del successo di questo programma è il risultato di una maggiore comprensione da parte della comunità. Ciò è stato possibile grazie alla sensibilizzazione della comunità e all'educazione marina impartita dalla Local Ocean Conservation sulla situazione delle tartarughe marine e sui benefici della loro sopravvivenza a Watamu.
Poiché nel corso degli anni sempre più tartarughe sono state segnalate a LOC come catture accidentali, era inevitabile che LOC si imbattesse prima o poi in una tartaruga malata o ferita. Per poter affrontare adeguatamente questi incontri, fu costruito il Centro di riabilitazione delle tartarughe. Inizialmente era piccolo, ma ora è cresciuto fino a comprendere 9 vasche, una clinica, un'area di quarantena e strutture per eseguire le procedure mediche di base. Questo è l'unico Centro di riabilitazione delle tartarughe in Africa orientale e sono stati trattati più di 490 pazienti dal suo inizio.
L'industria della pesca commerciale svolge un ruolo importante nel mettere in pericolo le tartarughe marine del mondo. Le reti, i pescherecci da traino e le reti ad anelli, ad esempio, catturano ogni cosa a loro modo, comprese le tartarughe marine e altre specie di vita marina minacciate.  Una volta impigliate, rischiano di annegare perché non riescono a prendere aria o subiscono gravi ferite, lasciandole incapaci di difendersi e causando la morte imminente, in quanto facili prede di predatori e parassiti.
La plastica e altri inquinanti che trovano nell'oceano sono un’altra grande minaccia per le tartarughe marine.  Le plastiche, se ingerite, bloccano l'apparato digerente della tartaruga, che alla fine muore. La ricerca sta dimostrando che la plastica è presente in molte specie marine, compresi i pesci consumati dall'uomo.  Si ritiene che altri inquinanti siano la causa di una malattia chiamata fibropapillomatosi, che è altamente contagiosa tra le tartarughe marine e quasi sempre mortale.
LOC Beach Monitors pattuglia le spiagge ogni notte per tenere al sicuro le tartarughe e i loro nidi. Ad oggi sono stati monitorati più di 900 nidi e oltre 73.000 piccoli sono arrivati sani e salvi nell'oceano.
Il Marine Scout è un programma per i bambini locali che hanno mostrato particolare interesse per la natura. Diventano ambasciatori dell'ambiente nelle loro comunità e l'obiettivo è che intraprendano una carriera in un campo legato all'ambiente.
All'interno del centro ci sono edifici per uffici, alloggi per il personale e i nostri EcoVisitors, il Centro di riabilitazione delle tartarughe e display informativi per i visitatori.

Per maggiori informazioni visitare il sito  www.localocean.co

 

 

TAGS: loc kenyatartarughe marinetutela tartarugheprotezione oceano

La spiaggia di Jacaranda Bay, eletta recentemente dai nostri lettori la più bella della costa keniota, sembra piacere molto anche alle tartarughe marine.
Nei giorni scorsi il gruppo di volontari di Watamu Turtles della Local Ocean Trust, hanno scoperto sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I giovani l'hanno scelta come meta prediletta per il Kite Surf. Il vento è cambiato da una settimana, il kaskazi estivo nel primo mese soffia forte e permette nella lunga striscia di oceano protetta dalla barriera corallina, dalla Hemingway Bay...

LEGGI TUTTO

Una grande soddisfazione per il lavoro che da anni la Watamu Marine Association porta avanti per la tutela dell'ambiente marino nella nostra splendida località turistica.
In ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche l'Oceano Indiano ha i suoi "Big 5". Non è solo la savana del Kenya a...

LEGGI TUTTO

Watamu non è solo un paradiso per turisti e per chi si innamora dell'Africa e poi ritorna, ma anche un "terreno di esplorazione" per tanti giovani provenienti da tutto il mondo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa...

LEGGI L'ARTICOLO

La seconda edizione del Mountain Bike Challenge, la corsa non professionistica con mountain bike nella foresta di ...

LEGGI L'ARTICOLO

La bellezza della natura intorno a Watamu è il primo  biglietto da visita di questa meravigliosa località turistica del Kenya.
Venti chilometri prima di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Novanta tonnellate di infradito invadono le coste dell’Africa ogni anno, e molte di queste arrivano sulle spiagge del Kenya.
Watamu è la più impegnata delle località turistiche nella raccolta e nel riciclo dei “flip-flop”, come viene comunemente chiamato il materiale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono una ventina nel mondo, uno per nazione.
Nel Continente Nero solo in Kenya, Uganda, Ghana e Sudafrica. E quello keniano è a Watamu.
 

LEGGI TUTTO

La vera montagna del popolo Maasai è il Monte Suswa, un ex vulcano con crateri e grotte incredibili.
Situato nel cuore della loro terra, il Suswa è sicuramente il meno conosciuto ma probabilmente il più interessante dei tre famosi vulcani della Great...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'iniziativa ormai periodica che coinvolge i residenti di Watamu, organizzata dal Kenya Wildlife Service in collaborazione con le principali associazioni che si occupano di...
  

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi vive e soprattutto lavora a Watamu non può ignorare un evento importantissimo per l'ambiente e per conservare lo splendore della cittadina turistica e del suo lungomare.
Sabato 17 settembre cade l'International Coastal Beach Clean Up, la giornata mondiale della...

LEGGI TUTTO

Watamu può sembrare a prima vista uno dei tanti villaggi della costa africana, costituito semplicemente da un...

LEGGI L'ARTICOLO

Quest'anno lo spettacolo del passaggio delle balene a Watamu si è iniziato a godere già a fine giugno. Con una decina di giorni di anticipo rispetto all'anno...

LEGGI L'ARTICOLO

Viviamo in un periodo storico in cui l’arte, oltre al valore intrinseco e storico di portatrice di bellezza e di stimolatore della mente, assume un ruolo sociale molto importante: può aiutare l’essere umano nelle sue battaglie per la tutela dell’ambiente...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO