Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

La dolce, fortificante energia del mango

Un aiuto per le diete, la pressione e l'asma

07-05-2020 di redazione

Il mango ( nome scientifico Mangifera indica ) è una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.
Originaria dell’India venne diffusa anche in Africa e in America latina grazie ai portoghesi.
Gli alberi di mango sono longevi e di grosse dimensioni, possono vivere fino a 300 anni superando abbondantemente i 30 m di altezza. Il mango è un sempreverde.
Il frutto è ovoidale, ha la polpa giallo/arancio, compatta, molto profumata e gustosa.
La sua buccia può assumere diverse tonalità a seconda della specie: verde, giallo, rosso oppure un mix di questi colori.
Il mango è composto per circa l’ 82 % da acqua, 1% di proteine, carboidrati, 1,6 % di fibre alimentari, zuccheri per il 12,6 % e lo 0,2 % di grassi.
Gli zuccheri si dividono in fruttosio, glucosio e saccarosio mentre il colore del mango è dovuto soprattutto all’abbondanza di beta-carotene che rappresenta la maggior parte dei carotenoidi.
Questi i minerali calcio, sodio, fosforo , ferro,magnesio,potassio, rame, manganese e zinco.
Discreta la presenza di vitamine, in particolare la vitamina A il cui fabbisogno giornaliero del nostro organismo sarebbe soddisfatto dal consumo di un mango intero.
Oltre alla vitamina A troviamo le vitamine B1, B2, B5, B6, B9, la vitamina K, C ed E. Anche gli aminoacidi sono ben rappresentati, quelli presenti in modo più abbondante sono l’arginina, la lisina, l'acido aspartico, la leucina e la serina.
Grazie al suo alto contenuto di sostanze oligominerali il mango è un frutto con proprietà leggermente lassative e diuretiche; rappresenta quindi un alimento molto adatto per chi ha problemi di stitichezza e di ritenzione idrica.
Con il mango è anche possibile curare tossi e raffreddori facendone bollire la sua buccia nell’acqua per berla una volta tiepida tre volte al giorno per una settimana. La buccia infatti è ricca di fitonutrienti, antiossidanti, carotenoidi e polifenoli.
Sempre grazie alle proprietà delle sostanze in esso contenute il mango rappresenta anche un ottimo ricostituente in caso di convalescenza o periodi di grande stress fisico.
La presenza di vitamina A e di flavonoidi come il beta-carotene apporta benefici alla vista ed alla pelle mentre il potassio, che presente in buona quantità, è un componente importante delle cellule e dei fluidi corporei e contribuisce al controllo del battito cardiaco e della pressione sanguigna.
Vi sono diversi studi che suggeriscono che l’aumento di consumo di cibi come il mango è in grado di ridurre l’obesità e i rischi di sviluppare l’asma.
Il suo valore calorico è basso, infatti ogni cento grammi di polpa abbiamo una resa calorica pari a 53 kilocalorie.
Il mango acerbo viene spesso utilizzato cotto per la composizione di Chutney (salsa vegetale piccante e densa), sottaceti e contorni vari; maturo e a crudo è invece ottimo con peperonicino o salsa di soia. 
Il mango acerbo conservato, oltre che in barattolo (sott'olio, sott'aceto, sotto spirito), si può trovare essiccato e polverizzato. Il mango è diffusamente impiegato nella produzione di succhi di frutta, nettare, aromi, gelati e sorbetti.
Ci sono moltissimi tipi di mango nel mondo. Solo in India se ne contano più di 400. Anche in Kenya ce ne sono diverse, i più facili da trovare sulle bancarelle dei mercati sono cinque.
Ngowe – raccolta Novembre – Marzo
E’ il mango per eccellenza, quello che si trova comunemente al mercato o in ogni negozio di frutta. Dolce e succoso.
Questa qualità è la più antica coltivata sulla costa, importata da Zanzibar.
Apple mango ( mango mela ) – stagione di raccolta da Dicembre a inizio Marzo
Nasce proprio dalla costa del Kenya, più precisamente intorno all’area di Malindi. I frutti sono di medie e grandi dimensioni, quasi di forma rotonda e la buccia di colore rosso. Particolarmente dolce e succoso 
Boribo – stagione di raccolta Gennaio e Febbraio
Albero coltivato esclusivamente nella zona di Malindi. Il frutto è un po’ più piccolo rispetto alle altre varietà, di colore verde oliva pallido. La polpa è succosa e di un forte e intenso sapore di mango.
Batawi e Dodo sono le altre due qualità del Kenya ed in particolare della zona di Malindi-Kilifi. 

TAGS: fruttakenyamango kenya

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce....

 

LEGGI TUTTA LA RICETTA

In Kenya le patate sono particolarmente gustose.
La popolazione locale le adora fritte, tanto che sono il contorno ideale del piatto nazionale, la "nyama choma" (carne alla griglia quasi abbrustolita).
Ma vi sono molti altri modi di cucinarle.
Una delle...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il riso saltato al mango e anacardi è una specialità che gli indiani emigrati in Kenya nel secolo scorso hanno portato nella cucina della costa.
Abitudine favorita dall’abbondanza di questi due ingredienti, abbinata alla grande reperibilità di...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

L'Oceano Indiano, tra le sue meraviglie e bontà ittiche, abbonda di calamari.
La popolazione locale, specie i swahili della costa, non li amano particolarmente e sono soliti cucinarli alla griglia, oppure insieme al polpo in un guazzetto con sugo di...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

A Watamu la festa degli innamorati si festeggia sulla spiaggia e sotto le stelle.
Potere degli incantevoli scenari davanti all'Oceano Indiano tra le sinuose baie e la spiaggia bianca e ampia della Jacaranda Bay, tra gli isolotti dell'isola dell'amore e della...

LEGGI TUTTE LE PROPOSTE