Ultime Notizie

LUOGHI

Le rovine di Mnarani molto più di una storia antica

107 gradini per visitare rovine del XIV secolo e godersi una vista mozzafiato

20-05-2020 di redazione

C'è una storia antica, a duecento metri dall'alto ponte sul creek di Kilifi, lungo l'autostrada Mombasa-Malindi, sulla riva meridionale, proprio dove si trova il vecchio imbarcadero dei traghetti. 
In cima alla collina si può godere di una vista sulle acque del Mnarani Creek, punteggiate da dhow di pescatori, barche turistiche e la sua bellissima foresta di mangrovie verdi, distesa sulle spiagge sabbiose.
Torniamo indietro di quasi settecento anni.
La storia inizia da una vecchia parola swahili: "Mnara" (torre), che in questo caso si riferisce a un minareto o a un pilastro religioso. 
Le rovine sono state gazzettate nel marzo del 1929 come "Rovine di Mnarani" e in seguito riconosciute come monumento nazionale. Ora l'intera area è sotto i Musei Nazionali del Kenya. 
Mnarani era un insediamento arabo nel 14° secolo. A quel tempo, i commercianti dell'Oman navigavano con i venti monsonici dal golfo persiano dell'Oceano Indiano e approdavano sulla costa del Kenya. 
In meno di cento anni la loro attività fu fiorente e l'insediamento di Mnarani divenne la residenza di molti di loro, compresi pescatori e agricoltori.
Le prove archeologiche dimostrano che il sito fu infine distrutto dai Galla all'inizio del XVII secolo. 
Si dice che uno dei primi attacchi dei Galla (noti anche come Oromo) avvenne intorno al XVI secolo, quando la feroce e combattiva tribù dei paesi del nord-est fece irruzione nell'antico insediamento swahili dopo aver saputo che gli arabi avevano catturato i loro uomini e le loro donne e pianificavano di venderli come schiavi oltreoceano.
I frequenti attacchi non furono l'unica ragione del declino della società di Mnarani. La presenza portoghese (testimoniata da alcuni piatti trovati in loco) era una grave minaccia, ma soprattutto la scarsità d'acqua causó la fuga degli arabi, che si insediarono in altre città costiere, sicure e con un buon approvvigionamento idrico. Alcuni dei contadini e dei pescatori rimasero lì, ma i Galla bruciarono il villaggio e uccisero tutto il bestiame. Regnarono a Kilifi per un breve periodo, finché le truppe armate portoghesi non li cacciarono via. Nel 1950, James Kirkman, un archeologo inglese, trovò diversi resti, tra cui 14 lampade.
Ora le rovine sono in cima a 107 gradini che bisogna salire per godere di una vista spettacolare. Il cinguettio degli uccelli e il rumore delle foglie mosse dal soffio della brezza del mare creano l'atmosfera.  Uno sguardo alle Rovine di Mnarani rivela come era la vita quotidiana in quei tempi antichi.
Tra le rovine ci sono i resti di una grande moschea del venerdì (o della congregazione), una moschea più piccola, parti della città, una porta e diverse tombe risalenti al XV secolo, quando fu fatta una ricostruzione della moschea dopo il crollo dell'edificio precedente. 
La rovina meglio conservata è la Grande Moschea, con la sua iscrizione finemente intagliata intorno al mihrab (nicchia di preghiera che mostra la direzione della Mecca) con archi multipli e stipiti inscritti. È interessante notare che le iscrizioni sulle tombe e sulle moschee sono scritte in lingua persiana, suggerendo che i primi coloni di Mnarani furono persiani dell'Oman. Solo una tomba porta il nome di Shaykh Isa Ibn Shayah Nahafah, scritto in arabo antico. Sotto il minareto si trova lo scheletro del presunto fondatore della città. Le fondamenta della grande e piccola moschea, che si trovano nella parte orientale e sono ancora intatte.   La moschea è composta da sei sezioni: un pozzo dove si raccoglieva l'acqua e la si conservava in una cisterna da utilizzare prima delle preghiere, una baraza dove si mettevano i sandali prima di entrare nella moschea, un'area di culto per donne e uomini, uno spogliatoio per gli imam e un pulpito, che i musulmani chiamano "kibla".  Presso le rovine si trova anche un pozzo prosciugato profondo 75 metri e resti di barriere coralline e tronchi disposti a forma conica. Gli antichi swahili bruciavano i tronchi per produrre polvere di calcare per la costruzione.
Mnarani Ruins è un luogo perfetto per i picnic e per gli amanti della natura che vogliono entrare in contatto con il passato. Non solo le moschee e i resti dell'antico insediameto ma anche la fitta vegetazione tra cui baobab secolari rendono le Rovine di  Mnarani una delle attrazioni preferite a Kilifi. Infatti, centinaia di persone da tutto il mondo si recano in questo sito; la fresca brezza che soffia dall'Oceano Indiano e lo scenografico, tranquillo e bellissimo giardino delle rovine di Mnarani lo rendono il luogo perfetto per rilassarsi, meditare o pregare. Si può sentire l'aura mistica all'ombra dei vecchi e mostruosi baobab ai margini della scogliera e appena oltre le mura del complesso principale. Il più grande è una bellezza antica di 900 anni. Per i Mijikenda, il baobab era un albero sacro dove si offrivano sacrifici agli antenati e si pregava per la pioggia e le benedizioni. Il sito di Mnarani ha anche un museo e un rettilario dove si possono vedere le specie di serpenti piú comuni. Una guida locale è disponibile per mostrarvi le rovine.


 

TAGS: mnarani ruinskilifisiti archeologici kenyamusei nazionali kenya

Si chiamava "Jumba La Mtwana", dove "jumba" in kiswahili significa "casa".
Era una cittadella araba sorta nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

La notizia del film che Spielberg avrebbe girato a Malindi era un pesce d'Aprile di Malindikenya.net, WAC, Watamukenya.net e Kenyaoggi.
Tutti i siti e pagine social si sono uniti nello scherzo per affermare che Watamu è bellissima e sicura...anche senza...

LEGGI TUTTO

La Contea di Kilifi crede molto in Watamu e punta forte sul suo sviluppo per farne l'hub turistico principale della regione.
Lo spiega il segretario generale Owen Baya, che annuncia investimenti importanti per il marketing, particolarmente in Inghilterra, Francia e...

LEGGI TUTTO

Watamu ha stregato anche il grande regista Steve Spielberg, tanto che ha scelto Watamu per girare il suo prossimo film, un kolossal hollywoodiano che racconterà il sogno africano di un’ambientalista, tra mille avventure e disavventure.
La notizia è rimbalzata ieri sui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

a notizia della "possibile, probabile anzi difficile" costruzione di un grattacielo di sessantuno piani a Watamu, da parte di una società con sede in Svizzera patrocinata da un italiano, è rimbalzata nuovamente sui media nazionali keniani, dopo che il nostro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi si appresta ad un viaggio in Kenya già sa o viene informato che per entrare nel Paese dovrà...

LEGGI L'ARTICOLO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Un weekend tutto da vivere quello di sabato 22 e domenica 23 ottobre a Watamu.
E' di scena l'edizione 2016 del Watamu Sports Festival a Turtle Bay Beach.
Una due giorni a base di sport, musica con concerti e dj...

LEGGI TUTTO

Il Kenya è stato inserito nei cinque Paesi da visitare nel 2017 per una vacanza "eco-consapevole" da due dei più importanti operatori americani del settore.
G-Adventure e Intrepid Travel hanno citato il Kenya come uno dei Paesi più interessanti e in crescita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di gala con concerto dal vivo, per la consueta festa della luna piena di Papa Remo Beach a Watamu.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quattro giorni di promozione, accordi e distribuzione serrata a Nairobi per la terza edizione del magazine "What's Best in Kilifi County", prodotto da malindikenya.net e watamukenya.net per pubblicizzare le destinazioni turistiche della Contea di Kilifi e in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nairobi, savana e infine Malindi e Watamu.
La soubrette e modella Nina Moric è rimasta stregata dal Kenya e in particolare da Watamu.
Proprio ieri ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' boom di richieste per Watamu, la località turistica è regina della costa keniana per clic e prenotazioni.
Ci sono già molti attestati di interesse per dicembre 2017 e gennaio 2018, oltre che prenotazioni vere e proprie per il mese...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I keniani hanno scelto dove trascorrere i giorni a cavallo delle elezioni nazionali, previste per il prossimo martedì 8 agosto.
Il Ministero degli Interni e della Sicurezza Nazionale non ha sconsigliato alla popolazione di restare a Nairobi e nelle altre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO