Storie

RICORDI

Malindi nel 1985, all'alba del turismo italiano

Memorie scaturite dalle foto di Alessandro Loria

17-11-2019 di Freddie del Curatolo

Baracche di legno e makuti e niente “mabati” o lamiere, strade semideserte e pulitissime, solcate da tantissima gente a piedi e qualche rara bicicletta, fiori e piante dappertutto, così come gli insetti e i serpenti. Spazi ampissimi nei giardini delle ville e degli hotel.
Pochi edifici nelle arterie principali della cittadina, nessun edificio con più di tre piani. Questa era Malindi trentacinque anni fa, quella che vedete nelle fotografie inviateci dal nostro lettore Alessandro Loria. Gli hotel italiani già aperti erano il Coconut Village dell’imprenditore bergamasco  Gianfranco Vitali, lo Skorpio Villas di un , il White Elephant dell’artista livornese Armando Tanzini, il Palm Tree Club del bresciano Renato Marini. Il toscanaccio Camillo Duranti stava per aprire il Suli Suli, che poi sarebbe diventato Bouganvillage, e il Conte Rubboli il Lady Cheetah.
Un’insegna nella scorrevole e semivuota Kenyatta Road, dopo la stazione di polizia, ricordava il vecchio distributore dell’Agip, ma un’altra Italia si stava affacciando alla cittadina.
L’inizio della “colonizzazione” turistica italiana sulla costa keniota era cominciato pochi anni prima.
Il flusso vacanziero a quei tempi era soprattutto tedesco, in albergoni come Eden Roc e Blu Marlin sulla centrale Lamu Road, mentre quello dei villeggianti di lungo corso era tutto britannico, con luoghi di aggregazione come Lawfords, Malindi Fishing Club e Sinbad, che però era già in fase di chiusura e le cui rovine sono ancora oggi visibili di fianco al Casinò.
Ma sulla spiaggia di Silversand erano già in preparazione quelli che sarebbero stati i punti di riferimento del turismo italiano: Jambo Village (dove sorge oggi il Billionaire), Stephanie Sea House (l’attuale Tamu Beach Resort), Kilili Baharini, Tropical Village, African Dream.
Due soli erano i ristoranti italiani: I Love Pizza dove si mangiava tutto benino tranne la pizza e La Malindina dell’estroso napoletano Mario “Mimì” Frascione, covo di vip e di nababbi dove si mangiavano i più buoni spaghetti “sciuè sciuè” del Continente Nero. C’era anche una gelateria italiana, quella di Beppe il Capitano: molto meno di un gestore di locali, molto più di un filosofo. L'alternativa era un ristorante nel "bush" di Casuarina gestito da inglesi, l'Umande, perché nei chioschi locali la dissenteria era molto più di una probabilità.
Non esistevano i televisori e si comunicava con l’Italia prevalentemente con il telex, mancava spesso la luce, anche per due o tre giorni di seguito, non esistevano i beach boys e i tuk tuk, non c’era il casinò e c’era un solo pseudo-supermercato, il Malindi Supermarket dell'indiano Umesh. C’era molta più malaria e la mortalità infantile dei bambini di Malindi era dieci volte più alta di oggi.
Non si trovavano facilmente prodotti italiani, il vino che arrivava era solitamente imbevibile e uno su due sapeva di tappo.
La birra Tusker però costava 200 lire italiane alla bottiglia, un chilo di aragoste 1500 lire e un tonno da cinque chili si poteva barattare facilmente con una t-shirt usata, con grande gioia del pescatore.
Nulla come le fotografie, che le migliaia di frequentatori della Malindi di quegli anni avranno ancora nei cassetti, riportano alla mente un tempo che sembra trascorso da poco e che invece per il Kenya e la sua costa è già preistoria.
Dopo aver letto queste righe scaturite dagli scatti di Alessandro, sicuramente qualcuno mi scriverà per correggermi o aggiungere locali, situazioni e altro che ho vissuto solo nei racconti di mio padre e di altri vecchi residenti italiani, perché io arrivai cinque anni più tardi. Karibu!
Chi avesse immagini da inviarci e storie da raccontare della Malindi del secolo scorso, può farlo scrivendo a info@malindikenya.net o inviando su whatsapp al +254720178982.

 

TAGS: turismo malindimalindi italianaricordi malindigelateria malindi

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato.
L'inevitabile ...

LEGGI L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

"Mi ha fatto davvero piacere tornare a Watamu dopo un anno e vederla rifiorita di turisti":
Così l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni, a margine del concerto del violinista Francesco D'Orazio, ieri a Malindi.
Parlando con watamukenya.net, Massoni ha ribadito l'interesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu è una delle località "Boom" degli ultimi dieci anni.
Lo segnala il canale dedicato al...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno speciale sul Kenya, con gran risalto a Watamu e al nuovo corso turistico che sta rilanciando la destinazione più fascinosa della costa keniana.
E' andato in onda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotta fu una campagna elettorale di qualche mese fa a Watamu, con pranzo al 7 Islands Resort.
Raila Odinga, leader dell'Orange Democratic Movement e dell'opposizione di governo, sfidante per la seconda volta dell'attuale presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, è ormai...

LEGGI TUTTO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo della Contea di Kilifi Nahida Mohamed ha annunciato di voler costruire un mercatino turistico, ovvero un "curio market" a Watamu.
Nella recente finanziaria...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Molti di coloro che conoscono la storia del Kenya sono convinti che il cristianesimo fu portato qui dai missionari tedeschi che aprirono la prima missione cattolica a...

LEGGI TUTTO

The low season in Kenya sometimes holds some nice surprises, especially when new administrations (such as the one in national government and the one sitting in Kilifi's county offices) decide to...

READ ALL

Un'altra opera di solidarietà nel campo dell'istruzione e della sanità a Watamu da parte della Onlus italiana "Mai più violenza infinita".
L'associazione presieduta da Virginia Ciaravolo ha concluso il suo terzo progetto umanitario a Watamu, con la collaborazione di Expoitaly. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu la bella.
Malindi la magica.
Watamu la giovane e frizzante.
Malindi antica ma ancora interessante.

LEGGI TUTTO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA