Storie

STORIE

Quando il mostro del Circeo faceva le pizze a Malindi

Chiuso per sempre il processo e il mistero di Andrea Ghira in Kenya

12-09-2017 di Freddie del Curatolo

Nei giorni scorsi la Giustizia italiana ha archiviato per sempre uno dei capitoli delittuosi più famosi della cosiddetta “Roma bene”, il massacro del Circeo.
Era il 1975 e due ragazze furono violentate e seviziate (una a morte, l’altra si salvò fingendosi tale) da tre rampolli di “buona famiglia”. 
Uno di loro, Andrea Ghira, figlio di un noto campione olimpico di pallanuoto, riuscì a scappare e, secondo l’inchiesta e le ripetute analisi dei suoi resti nel corso degli anni, sarebbe morto per overdose nel 1994 in Spagna, dopo essersi arruolato nella Legione spagnola di stanza in Marocco.
L'appendice del processo cercava di stabilire chi dall'Italia avesse alimentato la fuga e sponsorizzato la latitanza di Ghira per vent'anni.
In quel tempo il giovane assassino sarebbe stato visto in Argentina, in Nord Africa e anche in Kenya. Dopo la sua morte, furono molte le testimonianze in tal senso e la notizia uscì anche su quotidiani e periodici.
Metà anni Ottanta, inizio Novanta erano gli anni in cui tra gli italiani (tutti gli italiani, ma la colonia romana era ben rappresentata) andava di moda la vacanza, se non la fuga, a Malindi.
Quel paradiso esotico senza accordi di estradizione con l’Italia, iniziava a fare gola più del Sudamerica a pentiti, teste di legno e a chi aveva guai d’ogni tipo con la Giustizia. Facevano parte di tutti i connazionali che, per un motivo o per l’altro, volevano rifarsi una vita.
C'erano falliti, divorziati, appassionati di caccia grossa, anche tante brave persone. Ma anche figli di puttana che la metà bastava.
Era uno specchio del Belpaese rosso e nero degli anni di Piombo.
Malindi non era certo il luogo dove continuare a perpetrare malefatte, piuttosto l’Africa poteva essere il “buen retiro” dove riprendere il contatto con la vita vera o coltivare per sempre una nuova identità.
Ma a qualcuno, alla fine, anche la prigione tiepida e dorata all’ombra delle palme, poteva stare stretta.
In quella Malindi, per due o tre anni, fu alimentata la leggenda che Andrea Ghira fosse “Lorenzo”, il gestore di I Love Pizza. Ovviamente non era cosí, ma
Lorenzo era proprio un rampollo romano e c’era chi giurava che avesse una somiglianza impressionante con il “Mostro del Circeo”. D’altronde si sapeva che fosse ricercato in tutto il mondo e che la vittima rimasta viva, Donatella Colasanti, stesse impiegando la propria esistenza con avvocati ed investigatori per trovarlo e farlo marcire in galera.
Ma il Lorenzo “Ghira” di Malindi sembrava troppo tranquillo e disinvolto, re delle notti e della caipirinha (leggenda vuole che fu lui ad insegnarla ai primi barman keniani) per essere ricondotto all’inquieto estremista di destra dei Parioli che aveva partecipato ad uno dei più efferati omicidi degli anni Settanta.
Le pizze di Lorenzo in realtà rivelavano come non fosse del mestiere, perché non erano un granché, ma la sua clientela era quanto di più vario potesse offrire una “Banana Republic”, come cantavano Lucio Dalla e Francesco De Gregori. Ad “I Love Pizza” (ormai chiuso per sempre, come il processo del Circeo) potevano stazionare nella stessa sera l’ex brigatista rosso Roberto Sandalo, il figlio ribelle di Gianni Agnelli Edoardo, il tennista Nicola Pietrangeli e il delfino di Craxi Claudio Martelli, con Albano e Romina a canticchiare “Nostalgia Canaglia”.
Era una Malindi assurda, misteriosa, anarchica e per niente candida. Ma così romanzesca e piena di personaggi incredibili che anche un “mostro” ci poteva stare bene, con le dovute distanze.
Oggi, con l’estradizione e gli accordi tra polizie internazionali, il Kenya non è più quel tipo di paradiso, ma è anche l’Italia ad essere cambiata. La Ndrangheta è nei ministeri, la mafia si occupa di marketing ed informatica e i crimini per cui si scappa all’estero sono soprattutto quelli tributari.
Fa ridere chi parla oggi di una Malindi ricettacolo di mafiosi e criminali, più passano gli anni e più la si potrà paragonare alla Brooklyn degli anni Trenta o alla Panama del secondo Dopoguerra.
Ma di Mostri (o presunti tali) a preparare caipirinhe e a sfornare pizze, non ne vedremo più. 

TAGS: Andrea Ghira KenyaCirceo Malindilatitanti Malindicriminali Kenyaprocesso Kenya

Migliorano le infrastrutture a Watamu.
E' un processo lento ma che da i suoi frutti, com'è stato precedentemente per l'illuminazione di tutta l'arteria principale e come sarà per il collegamento della strada costiera con Malindi, via Mayungu.
Ora è in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Watamu sarà protagonista di almeno cinque servizi di moda per la rivista “Diva e Donna”, edita dal gruppo Cairo Editore.
Servizi che verranno pubblicati entro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I connazionali in vacanza che lo hanno visto aggirarsi dalle parti della spiaggia della Garoda non credevano ai suoi occhi, altri hanno pensato ad un turista che gli somiglia parecchio.
Invece il comico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ottimismo del settore turistico keniano, dopo le elezioni presidenziali e la loro coda di attese, ansie e incidenti a nord del Paese, non è un mistero.
I media internazionali che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurata ieri la Thoya-Oya Children's home all'interno della Marafiki Primary School, sull'isola di Kadaina, tra le mangrovie del Mida Creek.
L'isola è già nota per essere stata presa sotto l'ala protettrice di un gruppo d'italiani, guidati dall'iniziatore Mario...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Galeotta fu una campagna elettorale di qualche mese fa a Watamu, con pranzo al 7 Islands Resort.
Raila Odinga, leader dell'Orange Democratic Movement e dell'opposizione di governo, sfidante per la seconda volta dell'attuale presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, è ormai...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo affascinante direttore, Betty Radier, e una nuova strategia di marketing.
Questo il Kenya Tourist Board edizione 2017 ha presentato agli hotelier di Watamu, riuniti ieri mattina al Kobe Suite Resort su iniziativa dell'imprenditore e manager Guido Bertoni.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le mille possibilità di godere la Natura che il Kenya, e particolarmente la sua costa, possono vantare, c'è sicuramente il paesaggio marino dominato dalle mangrovie.
Queste piante che affondano le loro radici in terreni che si nutrono di acqua...

LEGGI TUTTO