Storie

STORIE

Tra gli sfollati della vallata del Galana

Storie di persone che ci conoscono e conosciamo e che hanno perso tutto

30-04-2018 di Freddie del Curatolo

"Dal 1961 non si vedeva un allagamento simile".
Gli anziani Mijikenda di Kakoneni c'erano, e si ricordano quando le loro famiglie persero tutto.
Il Kenya era ancora inglese, anche se soffiava l'aria di indipendenza che per la verità qui al sud è sempre stata più un alito da sbadiglio.
La situazione era paradossalmente migliore di quella di ora, perché chi aveva quasi niente, non aveva molto di cui disperarsi.
Tutti sulla stessa barca, anzi su una canoa che li riportava sulla terra morbida, umida, ma almeno terra.
Oggi i figli e i nipoti di quegli anziani cercano di non piangere e devono rimboccarsi i pantaloni e le maniche, prendere in braccio i figli e le poche cose che sono riusciti a salvare dalla furia del fiume.
Il resto è andato tutto verso il mare e chissà che cosa verrà recuperato, alla foce del Galana, che a Malindi si chiama Sabaki, quasi a non voler vantare parentele con il limaccioso corso d'acqua della savana, che può portare solo cattive notizie: la secca della stagione arida e la piena di quella delle piogge.
Sono persone che ci conoscono e che conosciamo.
Salutano in italiano, c'è chi ha fatto il cameriere a Watamu e chi lavora stagionalmente per connazionali a Malindi.
Uno dei coordinatori degli aiuti ha studiato grazie alla NGO Karibuni che lo ha fatto studiare e prendere il diploma.
Sono facce che ci guardano, e sorridono di speranza.
Speranza di poter riprendere possesso in fretta della propria terra.
Non sono solo i campi coltivati, la perdita del raccolto e delle piante da frutta.
Sono le capanne, i pali che le sorreggevano, i tetti, i metri quadri di "mabati".
Sono i miseri arredamenti, costati mesi, anni di sacrifici.
O anche di espedienti, di arte di arrangiarsi...cosa importa?
C'è chi non è riuscito a salvare nemmeno la motocicletta, e ancora deve pagarne le rate.
Chi aveva una piccola televisione e un videoregistratore antidiluviano, per guardarsi i film con la batteria di un'automobile.
Le sedie di plastica e il tavolo davanti alla capanna-negozio dove si potevano acquistare olio di semi, zucchero e sale e bere una coca cola calda.
Tutto finito.
Chissà se e quando potrà tornare come prima.
Intanto bisogna pensare a salvarsi la vita, a recuperare del cibo dagli aiuti umanitari che stanno arrivando e già si dice che non basteranno per tutti.
Il grosso della gente della vallata, da Kakuyuni (il primo insediamento giriama, più antico di Malindi) a Chakama, uno dei villaggi più poveri e, ovviamente, più colpiti (perché, come diceva Renzo Arbore nel film "FFSS": "hai mai sentito: "Terremoto a Saint Tropez?") è stata radunata provvisoriamente in strutture amministrative del Governo o nelle scuole.
Ma le scuole mercoledì dovranno riaprire e migliaia di studenti tornare in classe, dopo l'emergenza.
Così si attende la Croce Rossa per le tende da campo, ci sono sacchi a pelo, c'è gente che si stipa al coperto di qualsiasi pianta o tettoia di lamiera, per sfuggire alla pioggia che arriva e arriverà.
Oggi qualcuno ha sfidato il metro d'acqua di certi campi per tornare a casa e provare a salvare quel che poteva.
La pioggia battente ha bagnato anche parecchi aiuti portati da associazioni locali: non solo farina, anche assorbenti per le donne ed altri beni di prima necessità.
"C'è bisogno di tutto e non è mai abbastanza" spiega George Kombe, il volontario che dirige la Kilifi County Diary Organization, con cui collaboriamo e che ci aiuterà a destinare al meglio i frutti della raccolta della comunità italiana.
Sono arrivati anche i politici, e hanno portato cibo con gli elicotteri.
La gente sorride e applaude, ma alla fine della giornata rimane la sensazione che quando tutto sarà tornato alla normalità, moltissimi problemi resteranno e sarà dura ricostruire.
Noi però ci saremo, e non solo per documentarlo.

TAGS: sfollati galanaemergenza malindistorie malindi

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il safari è un'emozione unica, imperdibile per chi frequenta il Kenya.
Non solo per chi si approccia per la prima volta a questa terra meravigliosa e cova il sogno di assistere alla bellezza della natura selvaggia e alla vita di...

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Dopo le fiamme di ieri al Mapango di Watamu, il locale sul mare del Lily Palm resort, di cui abbiamo riferito in diretta sul portale malindikenya.net,
il Lily Palm è sempre aperto e già al lavoro per ricostruire tutto nel...

LEGGI TUTTO

Da qualche giorno, il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo Est, ha un nuovo proprietario.
L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo...

LEGGI TUTTO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

E' un rituale che si ripete ormai da troppo tempo, ma non sono servite nemmeno le schermaglie elettorali a colpi di colpe per fermarlo.
Come quasi ogni mese (unico stop, per fortuna, durante il periodo delle feste) manca l'acqua nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotta fu una campagna elettorale di qualche mese fa a Watamu, con pranzo al 7 Islands Resort.
Raila Odinga, leader dell'Orange Democratic Movement e dell'opposizione di governo, sfidante per la seconda volta dell'attuale presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, è ormai...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo affascinante direttore, Betty Radier, e una nuova strategia di marketing.
Questo il Kenya Tourist Board edizione 2017 ha presentato agli hotelier di Watamu, riuniti ieri mattina al Kobe Suite Resort su iniziativa dell'imprenditore e manager Guido Bertoni.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le mille possibilità di godere la Natura che il Kenya, e particolarmente la sua costa, possono vantare, c'è sicuramente il paesaggio marino dominato dalle mangrovie.
Queste piante che affondano le loro radici in terreni che si nutrono di acqua...

LEGGI TUTTO

Una grande festa per salutare Madam Martha Karo, la storica direttrice della Gede Special School che va in pensione, dopo dodici anni di lavoro e cieca dedizione per la nota scuola per disabili di varia natura tra Malindi e Watamu.
Un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO