Visti e permessi

VISTO KENYA

Dal 1 luglio si può fare il visto online

Tra due mesi sarà l'unico modo di entrare in Kenya?

04-07-2015 di redazione

La notizia era nell'aria da giorni, ma da lunedì scorso è ufficialmente possibile ottenere il visto d'ingresso per entrare in Kenya tramite internet. La decisione del Dipartimento dell'Immigrazione di Nairobi rientra nell'ambito della tecnicizzazione di molti altri servizi governativi che riguardano i trasporti (patenti, importazioni) e il business (apertura compagnie, pagamento tasse etc.).
La novità è stata accolta positivamente dalle associazioni turistiche. Il direttore degli Hotelkeepers Sam Ikwaye ha dispensato ottimismo: "L'introduzione del visto online sveltirà le pratiche d'ingresso dei turisti, evitando code e inconvenienti". 
Ovviamente si intende che è anche un modo per eludere eventuali "mancette" e tentativi di raggiri, che spesso in passato sono stati segnalati, specialmente a Mombasa.
Resta da capire quanto il servizio sarà effettivamente efficiente e quanto un turista italiano sarà invogliato a produrre i dati e gli allegati richiesti dal sito www.ecitizen.go.ke al quale bisogna accedere per chiedere il visto. 
Malindikenya.net ha provato oggi a richiedere un visto per spiegarvi meglio come fare.
Innanzitutto dovete accedere al sito, entrare nella sezione "servizi" e richiedere l'applicazione del visto (VISA), cliccando su "APPLY NOW". Si tratta della "visitor registration" grazie alla quale poi si potrà accedere a tutti i servizi del sito. Il portale è in inglese quindi o sapete la lingua o vi dovete tradurre le domande online (o chiedendo a chi lo sa). Cliccando su "Apply now" vi viene chiesto per prima cosa di registrarvi al sito. Cosa significa? Significa dare il vostro nominativo e la vostra mail, con il quale in futuro si potrà accedere direttamente. Ma non basta, bisogna anche scattare (se si possiede un telefonino adatto) o allegare una propria fotografia stile "formato tessera" su sfondo chiaro. Fatto questo, all'istante si riceverà l'ok dal sito e si potrà procedere. Per il visto ci sarà da compilare un modulo, del tutto simile a quello che siamo soliti riempire in aereo o all'aeroporto, e che da sempre potete trovare anche cliccando qui. 
Bisognerà compilare tutti i campi obbligatori, che sono contrassegnati dall'asterisco. 
Ci sarà da allegare un'altra foto, per sé e per eventuali figli che viaggeranno con voi. In più se siete turisti ospiti di una struttura alberghiera, ci vorrà la prenotazione della struttura, in caso contrario una lettera di chi vi ospita o della compagnia legata a una casa, una villa o altro dove risiederete, firmata, scannerizzata e allegata. Dopo aver compilato e allegato tutto bisognerà pagare l'importo richiesto (attualmente 51 dollari o l'equivalente in euro). Si potrà pagare ovviamente online con i metodi conosciuti, carte di credito o servizi postali. 
Chi non possiede tutti i requisiti, probabilmente si dovrà recare nell'agenzia di viaggio in cui ha acquistato il biglietto e, pagando altrettanto probabilmente il servizio, far fare tutto a loro. 
Insomma, niente di veloce e di comodo, tant'è che per due mesi l'intenzione del Governo, come comunicato alle Ambasciate dei Paesi stranieri, è quella di tenere la procedura online "in prova", affiancandola fino al 1 settembre 2015 ai visti fatti in aeroporto. Personalmente, siamo abbastanza scettici sull'apporto positivo che questa scelta possa portare al turismo, fatto salvo che la lotta alla corruzione e lo smaltimento della burocrazia sono due capisaldi di un Paese moderno e civile. 
A nostro avviso, sarebbe il caso di affiancare il servizio online a quello aeroportuale per più di due mesi, magari per un anno e poi valutare risultati, problematiche e reali guadagni.

TAGS: Visto KenyaVisto online KenyaKenya Visa Online

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come una bellissima signora separata da poco, è bastato un tocco magico, un po' di sano restyiling ed eccola tornare più affascinante e bella di prima, e di certo più disponibile. 
Questo è accaduto anche al Lily Palm Resort, l'hotel...

LEGGI TUTTO

Ormai il titolo che da tempo le è stato conferito, quella di "Perla dell'Oceano Indiano" non glielo toglie più nessuno.
Questo agosto è quanto mai la stagione di consacrazione di Watamu.
Nonostante un tempo non perfetto (ma per gli italiani,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu e il suo indotto turistico escono rafforzati dalla recente fiera del settore a Nairobi.
Il "Magical Kenya Travel Expo" ha visto centinaia di operatori turistici e "buyer" di tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tutti con il naso all'insù, per guardare le stelle cadenti, sabato e domenica a Watamu.
Anche in vacanza nella "perla dell'Oceano Indiano" i giorni successivi alla famosa notte di San Lorenzo possono regalare emozioni, tanto più che in molte zone...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Il mio Mal d'Africa ha un nome, Watamu.
Conosco poco del Continente Nero, ho visitato il parco nazionale dello Tsavo e la riserva dell'Amboseli, ho visto le cascate Vittoria in Zambia e ho fatto volontariato per due settimane in Uganda.LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Durante le prossime feste natalizie e di fine anno, a Watamu e sulla costa del Kenya arriveranno circa 5 mila italiani, secondo le stime di tour operators, siti di prenotazioni online e compagnie di volo.
Ecco dieci regole che conviene seguire...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

La passione per il Kenya, l'incanto di Watamu e l'incontro con la gente del posto possono fare piccoli miracoli.
Come ad esempio aiutare a far nascere dal nulla una scuola, dove le possibilità di avere un'educazione decente sono minime.
 

LEGGI LA STORIA E GUARDA LA FOTOGALLERY