Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Macadamia, la perla che il Kenya esporta ovunque

Noce e olio hanno molti benefici e sono un business

26-10-2020 di redazione

La macadamia del Kenya è sempre più ambita ed oltre ad avere moltissimi usi, sta diventando un business per chi, nella Rift Valley, coltiva la sua pianta.
Nei negozi é possibile trovare le noci semplicemente tostate e salate, caramellate al miele o per i piú golosi ricoperte di cioccolato, una vera prelibatezza.
La noce di macadamia, il seme oleoso dell’omonima pianta originaria dell’Australia, era fondamentale nell’ alimentazione degli aborigeni giá 500 anni fa. 
Solo a metá dell’Ottocento gli europei colonizzatori ne scoprirono la bontá e le ottime proprietá sull’organismo umano facendo degli studi sulla pianta e i suoi frutti.
Fu chiamata “macadamia” in onore del chimico e politico scozzese-australiano John Macadam, che analizzó la pianta insieme al suo amico botanico Ferdinand Von Mueller, allora direttore dei Royal Botanical Gardens di Melbourne.
La sua coltivazione, arrivata poi nelle isole Hawaii, in alcuni stati del Sud America e infine in Africa (Malawi, Sudafrica e Kenya) é ormai sfruttata a livello commerciale principalmente per ricavarne le preziose noci ma anche per l’estrazione dell’olio, processo praticato sia per l’industria alimentare che cosmetica.
In Kenya gli alberi di macadamia sono stati introdotti per la prima volta dopo la seconda guerra mondiale da due fratelli, Bob e Peter Harries, che hanno avviato i primi vivai nella loro fattoria di Thika.
Infatti la pianta cresce bene in condizioni di terreno simili a quelle del caffè e del tè e in latitudini dove non si risente troppo delle basse temperature.
Nel 1974 Il governo del Kenya ha fondato la Kenya Macadamia Nut Company per promuovere la coltivazione della macadamia e oggi il Kenya è il terzo produttore al mondo, dopo Sudafrica e Australia e il secondo esportatore mondiale. Il Giappone e gli Stati Uniti sono le maggiori destinazioni di esportazione.
Le noci di macadamia commestibili derivano da due specie diverse, la Macadamia integrifolia, e la Macadamia tetraphylla, altre specie producono frutti tossici. Sono molto apprezzate per il loro sapore delicato e le ottime proprietá sull’organismo umano: é da ricordare che sono invece tossiche per cani e gatti.
Contengono una grande ricchezza in termini nutrizionali e sono preziose per i loro effetti antiossidanti. Gli acidi grassi monoinsaturi in esse contenuti, sono benefici per i valori di glicemia presenti nel sangue. Svolgono un effetto lubrificante sulle arterie e le vene e favoriscono la salute delle pareti sanguigne. Inoltre, grazie alla presenza di fibre vegetali in grado di regolare le funzioni dell’intestino sono un ottimo aiuto contro la stitichezza.
Come tutta la frutta secca, hanno un apporto calorico piuttosto alto ( 747 su 100g ) e possono essere consigliate come energizzanti agli sportivi per avere un’immediata disponibiltá di energia dopo l’attivitá fisica. Come giá accennato la noce è particolarmente ricca di sostanze oleose. Così, attraverso un processo di pressatura, si ottiene un olio particolarmente ricco di acidi grassi monoinsaturi con un ottima resa che viene utilizzato nel mondo come olio cosmetico di base, in virtù della sua resistenza all’ossidazione, specialmente nella preparazione di creme dermatologiche (è un ottimo emolliente). Consumato crudo, causa l'elevata presenza di acido palmitoleico, l'olio di Macadamia è invece meno indicato rispetto al tradizionale olio di oliva ma comunque molto gradevole per condire insalate esotiche e dai profumi originali.

 

 

 

 

 

.

 

TAGS: macadamia kenyamacadamia nutsolio macadamiaprodotti kenya

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTO

Il chapati è un pane tradizionale portato in Kenya dalla tradizione indiana, ma poi evolutosi in tutto il Paese ed oggi preparato in strada, nei locali poveri come in quelli di alto livello come accompagnamento per le pietanze.
La sua...

LEGGI TUTTO

Il Githeri (o Mutheri) è un piatto tipico a base di legumi, cereali e favacee, proprio della tradizione kikuyu, ma anche delle tribù Embu e Meru. 
Ormai la ricetta è popolare in tutta la regione centrale del Kenya e ha...

LEGGI TUTTO

Gli mshakiki sono spiedini di carne, simili come presentazione agli arrosticini della tradizione del centro Italia.
Possono essere di bovino, pollo o capretto e ideale, prima della preparazione, è la frollatura della carne in frigo e la marinatura con olio, sale, pepe...

LEGGI TUTTO

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

La noce di cocco è il frutto della palma da cocco,nome scientifico Cocos nucifera, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell’Indonesia ma grazie alla capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua marina e di germogliare dopo addirittura 110 giorni di immersione ....

LEGGI TUTTO

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Cocco. L'essenza dell'Africa.

Acqua, olio, latte e polpa

di redazione

La noce di cocco è il frutto della palma di cocco,nome scientifico Cocos nucifera, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell’Indonesia ma grazie alla capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua marina e di mantenere la capacità di germogliare dopo addirittur

LEGGI TUTTO

I cutlets, snack simili alle nostre crocchette di patate, sono degli spuntini molto graditi sulla costa kenyana da consumare per strada oppure nei numerosi ristorantini locali.

LEGGI TUTTO

La zuppa di granchio con il ginger è un piatto tradizionale dell'arcipelago di Lamu.
La popolazione locale, specialmente nell'isola di Pate, è solita consumare questa pietanza accompagnandola con riso al cocco o chapati.
Ecco la ricetta originale rielaborata da watamukenya.net

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Non Solo Gelato è sempre più "non solo" e sempre più il punto di ritrovo quotidiano di Watamu.
La mitica gelateria pasticceria dove si gustano le specialità di Anna e fino alla scorsa stagione era possibile sorseggiare anche un buon caffè...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Lo scrittore Muhammad Bin Hassan Bhagdadi nel libro di ricette del XIII secolo “Kitab al tabeek”,il cui manoscritto originale  é tutt’oggi custodito nella ...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

In Kenya le patate sono particolarmente gustose.
La popolazione locale le adora fritte, tanto che sono il contorno ideale del piatto nazionale, la "nyama choma" (carne alla griglia quasi abbrustolita).
Ma vi sono molti altri modi di cucinarle.
Una delle...

LEGGI TUTTA LA RICETTA