Ultime Notizie

PIANTE DEL KENYA

Msufi, il maestoso albero dalle molteplici virtù

Dai suoi frutti si ricava la fibra più leggera al mondo

26-07-2021 di redazione

Il Rhodognaphalon Schumannianum o Bombax dell'Africa orientale o ancora Kapok selvatico, è una specie autoctona di pianta da fiore della famiglia delle Malvaceae che si trova nella fascia costiera dell’Africa dell’Est, dal Kenya sud-orientale attraverso le foreste della Tanzania fino al Mozambico settentrionale e al Malawi.
Il Msufi, suo nome in swahili, è una pianta decidua o cadufoglie, ovvero le sue foglie cadono durante la stagione sfavorevole, con una chioma media e un’altezza invece notevole, può crescere infatti fino a 50 metri. Il suo tronco dritto e cilindrico può essere privo di rami fino oltre la metá della sua altezza, è caratterizzato da una corteccia grigio-verde e liscia, a differenza dei Bombax Ceiba, con un diametro di oltre un metro. Altra particolaritá di questa pianta, soprattutto degli esemplari piú vecchi, sono le sue contrafforti basali, ovvero queste strane sporgenze nella parte bassa del fusto che costituiscono il raccordo tra il tronco appunto e le grosse radici, che lo rendono quasi deforme.
L'albero fiorisce prima dell'inizio delle piogge; a seconda della specie, i fiori possono essere rosso, rosa, bianco o giallo, solitari o in “mazzetti”.Il loro profumo non é eccezionale ed é destinato ad attrarre i pipistrelli che li impollinano. I frutti di questa pianta sono davvero particolari: sono delle capsule legnose, lunghe circa 15cm, di colore verde quando ancora acerbi e marroni quando sono maturi, che contengono semi, grandi come granelli di pepe, circondati e protetti da una massa lanosa di fibra, costituita da lignina e cellulosa, denominata “lana vegetale” che fuoriesce dal lungo baccello quando si schiude.
La fibra del Kapok è considerata molto preziosa perché totalmente biologica in quanto cresce spontaneamente in natura. I filamenti che coprono i semi sono utilizzati per imbottire materassi, cuscini e divani e, visto che galleggia ed è resistente all’acqua, è usata anche per dispositivi di galleggiamento. Si tratta di una sostanza setosa simile al cotone ma essendo molto debole non puo’ essere filata. E' considerata la fibra naturale più leggera al mondo.
Il legname è usato principalmente nella produzione di compensato, ma anche per fare scatole e casse o per la falegnameria leggera, tradizionalmente, interi tronchi venivano scavati come canoe.  Non è un buon legno da combustibile perché brucia soltanto, ma può essere usato per fumigare le capanne o i vestiti. La cenere del legno è usata come sale da cucina e per fare il sapone. La corteccia è usata per costruire pareti e porte di capanne e produce una gomma e una tintura marrone rossastra mentre la corteccia interna produce una fibra che viene utilizzata per la fabbricazione di corde.
Diversi sono gli usi medicinali della pianta: le radici vengono usate per trattare l’asma e la tosse, la corteccia é una medicina tradizionale utilizzata per il trattamento della diarrea e della malaria, la fibra viene usata per pulire le ferite e l'olio che si ottiene dai semi viene sfregato per il trattamento dei reumatismi e applicato per guarire le ferite.
Si tratta di un albero incredibilmente utile anche se spesso sottoutilizzato, tranne dai vecchi dei villaggi che, considerandolo sacro, lo scelgono ancora oggi come albero sotto il quale riunirsi per prendere le decisioni piú importanti.

 

TAGS: MsufiKapok KenyaBombax Africa

Dico Africa ma penso al Kenya.
Dico Kenya ma penso a Watamu. 
Africa è un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

La lingua kiswahili, originaria dell'omonima costa che va dal nord del Mozambico fino al Corno d'Africa e successivamente adottata anche dal resto dell'Est Africa, particolarmente dai popoli...

LEGGI TUTTO

Abbiamo selezionato dieci frasi che esprimono un sentimento dedicato all'Africa, intesa più come entità spirituale e morale, storica e sociale più che come realtà geografica. Le parole selezionate...

LEGGI TUTTO

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTO

C'era anche un po' di Kenya alla fiera del turismo internazionale di Rimini, il TTG dove quest'anno né il Kenya Tourist Board, né altre associazioni turistiche del Kenya hanno partecipato.
La presenza di Lily Palm Resort e della agenzia di...

LEGGI TUTTO

Il mio mal d'Africa è dedicato a chi in Africa non ci è mai stato.

LEGGI TUTTO

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Scoprire l’Africa da giovane per amore, viverne il sogno e le contraddizioni con l’entusiasmo di chi esplora la sua stessa sfera emozionale.
Diventare moglie e madre tra le vedute sconfinate della...

LEGGI TUTTO

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.

LEGGI TUTTO

Klorida e Simone hanno realizzato il loro più bel sogno in Africa, a Watamu.
Klorida è una ragazza semplice, molto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La storia del primo cinese che approdò sulle rive dell'Oceano Indiano ha seicento anni.
Era infatti il 1417, secondo gli studiosi di Pechino che hanno recentemente pubblicato un volume sui viaggi dei grandi navigatori orientali, quando Zeng He con...

LEGGI TUTTO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Mapango Restaurant di Watamu non solo rimane aperto per tutta la bassa stagione, ma nel fine settimana...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi crede molto in Watamu e punta forte sul suo sviluppo per farne l'hub turistico principale della regione.
Lo spiega il segretario generale Owen Baya, che annuncia investimenti importanti per il marketing, particolarmente in Inghilterra, Francia e...

LEGGI TUTTO