Storie

STORIE

Cavatore malindino milionario con le scommesse

Il sogno keniota è azzeccare una schedina: "farò studiare i parenti"

06-08-2017 di Freddie del Curatolo

La maggior parte dei cittadini kenioti vive con stipendi o introiti che non superano i 100 euro al mese.
Da quando ha ottenuto l'indipendenza, il Kenya non ha mai fatto molto per elevare lo status del suo popolo, specialmente creandone i presupposti: ovvero migliorando l'educazione scolastica, abbassando i costi della sanità e migliorandone i servizi.
Spinto dall'ormai malato sistema occidentale, il Paese africano si è buttato sulla tecnologia prima ancora di gettare le basi per una vita decente del suo "quarto stato". Così ha creato un esercito di miserabili con lo smartphone e una schiera di baracche con il satellite per la tv digitale.
In compenso ha lasciato spazio al sogno.
Oggi il "sogno keniota" rischia di portare via alla povera gente, ai lavoratori e a chi sbarca il lunario, anche quei due spiccioli che si ritrovano in tasca.
Com'è stato nel dopoguerra italiano con la "Sisal", poi divenuta "Totocalcio" e negli anni Ottanta con l'avvento di "Gratta e vinci" e "Superenalotto" (tuttora in voga), il "sogno keniota" è diventare ricco azzeccando una serie di risultati sportivi su una delle piattaforme digitali in internet.
Con cinquanta scellini (che per un keniano che ne guadagna 10.000 è come dire 5 euro per chi ha uno stipendio di 1000) puoi vincerne 10 milioni (al cambio di questi giorni sono circa 85 mila euro).
E' quello che è capitato a un ragazzo di Malindi che fa uno dei mestieri più pesanti e meno remunerati sulla costa del Kenya: il cavatore.
Charo Hamisi Karisa spacca le pietre di corallo per chi fa crescere il Paese fabbricando case, proprio come chi si spaccava la schiena nelle cave italiane negli anni Cinquanta per arricchire i grandi costruttori edili. 
Charo ha 24 anni, ha frequentato la scuola del suo villaggio nell'entroterra di Kilifi, aule di fango misto cemento e tetto di lamiera, e probabilmente una maestra per 90 alunni.
A Malindi ha trovato lavoro per mandare ai genitori quel poco che la sua paga permette e non si è tirato indietro, sperando di potersene permettere una sua, di famiglia.
Per chi non si lascia vincere dalla rassegnazione e dalla frustrazione mista a fatica che ti fa terminare la giornata con un bicchiere di vino di palma o di birra, c'è da spendere "un cinquantino" con le scommesse del calcio.
Così Charo a luglio di quest'anno decide di giocarsi un pezzettino della sua paga giornaliera coltivando il sogno.
Ed il sogno, qualche giorno fa, ha bussato alla sua porta o, meglio, ha suonato al suo telefonino.
Azzeccando 12 risultati sul sito Elitebet, Charo ha vinto il "jackpot" della settimana che significa appunto 10 milioni di scellini. 
Il ragazzo è stato invitato a Nairobi, nella sede della piattaforma online di scommesse sportive, e si è trovato sotto i riflettori dei media che lo hanno intervistato.
La domanda di rito, ovviamente, è "cosa ne farai di tutti questi soldi".
La risposta è di quelle che fanno ancora sperare in un futuro migliore per la  gente povera e semplice dell'Africa.
"Per prima cosa voglio mandare le mie sorelle minori in una scuola decente - ha dichiarato Charo all'emittente radiofonica Capital FM - non voglio che debbano frequentare la stessa scuola dove ho studiato io".
Il cavatore ammette che non smetterà di scommettere online, ma sicuramente non si lascerà attrarre dal nuovo conto in banca e avvisa anche i suoi connazionali di approcciarsi con senso della misura e saggezza a questo gioco.
"Sono contento che la società di scommesse mi abbia messo a disposizione un consulente finanziario per consigliarmi come gestire il capitale - ha detto Charo - sicuramente seguirò questi consigli e non mi farò abbagliare dalla vincita".
Elitebet ha confermato che la consulenza e i "piani finanziari" nell'elargire le vincite fanno parte degli accordi pregressi con chi gioca.
Perché dieci milioni di scellini per tanti keniani rappresentano una cifra da capogiro, che può far impazzire, creare invidie e divisioni all'interno del villaggio o del nucleo familiare. Non a caso, proseguendo nel parallelismo con l'Italia, molti milionari da schedina finirono in miseria, se non suicidi o dovettero abbandonare il paese natio o la famiglia.
Non sembra questo il rischio del giovane malindino, e gli auguriamo di cuore una crescita consapevole e, come si usa dire oggi, "sostenibile".
Come dovrebbe fare anche il suo Paese, che proprio in queste ultime settimane ha "bruciato" miliardi per una campagna elettorale che avrebbe potuto rispettare di più i sogni e la dignità delle persone come Charo.

TAGS: Malindi CharoMalindi milionarioScommesse Kenya

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotta fu una campagna elettorale di qualche mese fa a Watamu, con pranzo al 7 Islands Resort.
Raila Odinga, leader dell'Orange Democratic Movement e dell'opposizione di governo, sfidante per la seconda volta dell'attuale presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, è ormai...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo affascinante direttore, Betty Radier, e una nuova strategia di marketing.
Questo il Kenya Tourist Board edizione 2017 ha presentato agli hotelier di Watamu, riuniti ieri mattina al Kobe Suite Resort su iniziativa dell'imprenditore e manager Guido Bertoni.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le mille possibilità di godere la Natura che il Kenya, e particolarmente la sua costa, possono vantare, c'è sicuramente il paesaggio marino dominato dalle mangrovie.
Queste piante che affondano le loro radici in terreni che si nutrono di acqua...

LEGGI TUTTO

Migliorano le infrastrutture a Watamu.
E' un processo lento ma che da i suoi frutti, com'è stato precedentemente per l'illuminazione di tutta l'arteria principale e come sarà per il collegamento della strada costiera con Malindi, via Mayungu.
Ora è in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia del film che Spielberg avrebbe girato a Malindi era un pesce d'Aprile di Malindikenya.net, WAC, Watamukenya.net e Kenyaoggi.
Tutti i siti e pagine social si sono uniti nello scherzo per affermare che Watamu è bellissima e sicura...anche senza...

LEGGI TUTTO

Decine di residenti, locali inglesi e anche qualche italiano, hanno popolato sabato scorso la spiaggia di Watamu, ma questa volta non per prendere il sole, fare il bagno o per qualche competizione sportiva.
L'occasione era la Giornata Internazionale della Pulizia...

LEGGI TUTTO

Prosegue alla grande la stagione del Paparemo Beach di Watamu.
Lo splendido ed esclusivo locale sull'Oceano Indiano nella baia delle sette isole (detta anche baia dell'amore) abbina alle giornate di mare con i lettini sulla spiaggia, l'elegante ristorante e il...

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

E' boom di richieste per Watamu, la località turistica è regina della costa keniana per clic e prenotazioni.
Ci sono già molti attestati di interesse per dicembre 2017 e gennaio 2018, oltre che prenotazioni vere e proprie per il mese...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO