Visti e permessi

VIVERE IN KENYA

Vivere a Malindi e Watamu

Informazioni pratiche per chi vuole trasferirsi in Kenya

15-10-2014 di redazione

Malindi, Watamu e la costa Nord del Kenya sono paradisi ben diversi dal nostro Paese d'origine. 
Alcuni aspetti fanno preferire questi luoghi a quelli che vorremmo lasciare: il clima, l'ospitalità della gente, la natura ancora preponderante sul cemento e sulla civilizzazione, le possibilità di investimento, la pressione fiscale, il costo della manodopera.
Potremmo continuare così, elencando tutti gli aspetti positivi che ben conosciamo, essendo noi di Malindikenya.net in Kenya dal 1989 e lavorando qui nel campo dell'informazione dal 2008.
Invece il nostro compito non è convincere le persone per chi sa quale interesse, ma aprire gli occhi su una scelta di vita o di lavoro che, come ogni evento di quest'importanza, deve essere ponderato e valutato per bene prima di prendere una decisione definitiva. 

Innanzitutto oggi per aprire qualsivoglia attività bisogna disporre di un capitale da trasferire in una banca locale. 
Il capitale deve ammontare a un minimo di € 80.000 e può essere anche utilizzato per l'acquisto di un immobile o un'attività (ad esempio rilevare un bar o un ristorante, ma anche un Bed and Breakfast che fungerà anche da casa privata). 
In questo caso, però, la transazione dovrà avvenire sul conto di una compagnia fondata in Kenya.
I tempi per l'apertura di una compagnia in Kenya non sono brevissimi, specialmente per ottenere il PIN (la partita iva) della società e quello personale, indispensabili per fare ogni operazione, da aprire una bolletta della luce o dell'acqua, ai rogiti e all'acquisto di un'automobile. La compagnia può anche non avere un socio keniota e deve avere due direttori con quote societarie. Non occorre che entrambi i direttori risiedano in Kenya.
Con la compagnia e il capitale, si può ottenere il permesso di lavoro, che è anche permesso di soggiorno e vale due anni. 
Il cosiddetto permesso G da investitore, costa circa 2 mila euro.
Il permesso di lavoro da dipendente, invece, costa 4 mila euro, sempre per due anni. Per ottenerlo, ci vogliono alcuni requisiti, soprattutto la garanzia di insegnare ai locali un mestiere e di non lavorare in prima persona, ma di fungere da "manager" o consulente, coordinatore o insegnante.
Vi sono anche "Special Pass" stagionali. Il loro costo è di 230 euro al mese circa, più una quota fissa supplementare per le pratiche. Solitamente lo special pass non può durare più di 3 mesi.

Dal punto di vista dell'inserimento nella comunità della costa keniota, si sa che Malindi è ormai definita una "colonia" italiana, ma al fine di comprendere meglio la vita, le leggi e i costumi di questa zona, sarebbe importante avere almeno un'infarinatura di lingua inglese.
Molti italiani sono giunti a Malindi e Watamu convinti di poter conferire direttamente in italiano con la gente del posto, se non addirittura in dialetto. Con conseguenti fraintendimenti che a volte possono far sorridere, a volte portare a malintesi che creano problemi.

Altro aspetto da non sottovalutare, il rispetto di chi ci ospita. Nonostante i kenioti siano un popolo generoso, disponibile e ospitale e la base popolare (il cosiddetto "terziario") versi in condizioni economiche al limite della soglia di sopravvivenza, non significa potersene approfittare. Lo stipendio minimo deciso dal Governo per un dipendente a servizio, ad esempio, è di circa 90 euro e sarebbe d'uopo metterlo in regola, per poterlo fare accedere al (sia pur modesto) servizio sanitario locale.
La costa ha un'importante componente islamica, a Malindi e Watamu molto moderata ed abituata a lavorare con il turismo. Tuttavia il rispetto di alcuni costumi locali (come ad esempio per le donne non mostrare il seno in spiaggia e non girare per la città in bikini e per le coppie non lasciarsi andare a vistose effusioni in pubblico) è sicuramente una buona abitudine da osservare.

Le forze dell'ordine da queste parti potrebbero cercare di approfittare di occasioni particolari per chiedere mance o per risolvere contenziosi in maniera "amichevole". 
Si raccomanda, sempre essendo calmi e gentili, di non accettare nessun tentativo di accomodamento. Innanzitutto la legge keniota punisce il corrotto tanto quanto il corruttore, e spesso i vertici delle istituzioni locali sono disponibili a capire la situazione, ove non ci siano palesi contravvenzioni da parte del turista o del residente straniero.

TAGS: Vivere a MalindiVivere a WatamuVivere in KenyaInfo Kenya

Un weekend tutto da vivere quello di sabato 22 e domenica 23 ottobre a Watamu.
E' di scena l'edizione 2016 del Watamu Sports Festival a Turtle Bay Beach.
Una due giorni a base di sport, musica con concerti e dj...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Camping Safari". 
E' la nuova frontiera delle escursioni esclusive, per chi ama davvero la Natura selvaggia africana e vuole vivere a diretto contatto con l'habitat di fauna e flora, senza rinunciare a sicurezza e comfort.
Sempre più turisti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Paparemo Beach archivia alla grande il ritrovo del giovedì sera, con l'happy hour sulla spiaggia della baia dell'amore a Watamu. 
La serata ormai diventata un punto fisso del divertimento e dello stare insieme nella località turistica, sempre a suon di...

LEGGI TUTTO

I residenti e le comunità della foresta di Arabuko Sokoke protestano contro gli scavi ai suoi margini.
La grande foresta pluviale della costa keniana, che da Gede si estende fino a Matsangoni a sud e a Mijomboni e Jilore a...

LEGGI TUTTO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'emozione della pesca d'altura a Watamu è un misto di passione, adrenalina, contatto con il mare e la natura, e sfida con il mondo acquatico. 
Ma soprattutto è un'emozione che nella porzione di Oceano Indiano del Kenya si può vivere...

LEGGI TUTTO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

A Watamu c’è chi la conosce come “Mama Zawadi” e chi come la Signora dei Legni del Mare.
Qua li chiamano “driftwood”, tronchi  portati, levigati o scolpiti dalla corrente dell’Oceano Indiano.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu il turismo è ormai un fenomeno a sé da ogni possibile vicissitudine del Kenya.
Questo è un dato di fatto ormai assodato e la buona notizia è che

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tre giorni di votazioni serrate, quasi cinquecento segnalazioni per scegliere la spiaggia Top di Watamu, tra le cinque che watamukenya.net ha incluso nelle sue nominations.
Le votazioni attraverso la nostra pagina facebook malindikenya.net, i gruppi dei social forum dove è stato...

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CLASSIFICA PROVVISORIA

Il safari è un'emozione unica, imperdibile per chi frequenta il Kenya.
Non solo per chi si approccia per la prima volta a questa terra meravigliosa e cova il sogno di assistere alla bellezza della natura selvaggia e alla vita di...

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava le potessi toccare e modellare con un dito. Questo cielo "touch-screen" mi aveva contagiato fin dal primo giorno della...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

L'Africa nel destino fin da bimbo.
Il Kenya vissuto come un incanto, un giardino d'esperienze, una promessa.
Per Matteo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi frequenta Watamu, ci vive o trascorre qui le vacanze, ormai non fa più caso che uno dei sorrisi più piacevoli da incontrare nella comunità italiana e che come se non bastasse propone prodotti enogastronomici della nostra Penisola, sia inglese.LEGGI TUTTA LA STORIA