Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

In Kenya è tempo di cassava

Almeno 5 motivi per preferirla a patate e farina

06-05-2020 di redazione

Nei mercati e ai bordi di tante strade del Kenya potete vedere le venditrici (già, in genere sono donne, il vero motore produttivo e commerciale di questo Continente). E' la cassava, detta anche yucca o manioca, che è ormai largamente diffusa nel Paese africano, pur essendo stata introdotta meno di cinquecento anni fa dai portoghesi, che a loro volta l'avevano trovata durante le prime esplorazioni in Brasile. 
Questo è il suo periodo migliore, ma in ogni caso questo tubero ha un potenziale produttivo molto elevato, perchè le sue radici producono più calorie per unità di terreno rispetto ad ogni altra coltura con la sola eccezione della canna da zucchero.
Più resistente di mais e miglio, la cassava sviluppa una maggiore tolleranza alle condizioni ambientali estreme e le radici, una volta mature, possono sopravvivere nel terreno senza ricevere acqua per lunghi periodi, conservando inalterate le proprietà nutrizionali.
Questo è il vantaggio della cassava, rispetto ai cereali, che la rende un'eccellente risorsa di base per la sicurezza alimentare, in particolare nei periodi critici di siccità e carestia. Questo grosso tubero allungato con scorza simile alla corteccia di un'albero, potrebbe quindi essere tranquillamente definita una delle principali colture per la sicurezza alimentare mondiale, una grande risorsa per le popolazioni povere, quindi. Peccato però che sia anche una delle principali colture "orfane" ( Il termine orfane è utilizzato per indicare le cosiddette colture minori che ricevono considerazione scarsa o nulla da parte del mondo scientifico e dai finanziamenti per i progetti di ricerca e sviluppo in agricoltura).
La popolazione swahili della costa è solita cucinarla stufata, cotta nel direttamente nel sugo di pomodoro o anche bollita come le patate. Ma anche fritta, in pezzi come "street food" con paprika e lime oppure in fette sottili come patatine, che spesso sono imbustate e commercializzate.
Il suo sapore è a metà tra la patata e le castagne, con un retrogusto vagamente legnoso e mandorlato. 
Da notare che cruda la cassava è leggermente tossica, perché contiene una sostanza simile al cianuro che con le alte temperature svanisce completamente.
A nord del Paese, così come in Uganda e particolarmente nell'Africa Occidentale, la sua farina (chiamata tapioca) è utilizzata come alternativa a quella di frumento, non solo perché ha un contenuto proteico simile ma perché è facilmente macinabile in casa. 

Cinque motivi per mangiare cassava

1. Ottimo antinfiammatorio. La radice fresca tritata, dall'alto contenuto di vitamina C ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche, mentre le foglie sono utilizzate per lenire il dolore come lieve analgesico.

2. Alta digeribilità. Si tratta di un alimento ad alto contenuto energico ricco di amido e di carboidrati ma ben digeribile. La sua farina, che prende il nome di tapioca è consigliata in caso di gastriti, coliti e difficoltà digestive.

3. Adatta ai celiaci. Non contenendo glutine si rivela un alimento particolarmente adatto per i celiaci.

4. Azione antiossidante. La buona concentrazione di vitamina C gli conferisce proprietà antiossidanti rendendola un alimento idoneo per rafforzare il sistema immunitario e per contrastare l’attività dei radicali liberi.

5. Eccellente per fare i dolci. La sua farina può essere usata nella preparazione di pani e dolci o per fare le pappe dei neonati. Rispetto alla farina di grano contiene meno sostanze cellulose, sostanze azotate e e ceneri e questo la rende più digeribile e leggera. I dolci preparati con la tapioca sono più soffici, tanto che che molti pasticceri consigliano di aggiungere la tapioca alla farina normale nella preparazione delle torte.

La fecola di cassava oltre che per le preparazioni alimentari viene usata per la fabbricazione di cosmetici, colle, detergenti e anche carta.

TAGS: prodotti kenyacibo kenyacassavaalimenti kenyaterritorio kenya

"Muhogo wa Nyama" (carne con cassava) è un piatto tipico della cucina keniana. La cassava è un tubero anche conosciuto come manioca, viene usato per fare la farina o come le patate, sia fritta che stufata. Il suo gusto ricorda...

LEGGI TUTTO

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTO

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ben conosciamo la storia e i travagli del continente africano: pochi ceppi e migliaia di tribù sparse su una superficie di circa 30 milioni di chilometri quadrati, che hanno pagato un amaro dazio all’evoluzione del mondo occidentale, subendo eguale trattamento...

LEGGI TUTTO

Il Kenya è stato inserito nei cinque Paesi da visitare nel 2017 per una vacanza "eco-consapevole" da due dei più importanti operatori americani del settore.
G-Adventure e Intrepid Travel hanno citato il Kenya come uno dei Paesi più interessanti e in crescita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non Solo Gelato è sempre più "non solo" e sempre più il punto di ritrovo quotidiano di Watamu.
La mitica gelateria pasticceria dove si gustano le specialità di Anna e fino alla scorsa stagione era possibile sorseggiare anche un buon caffè...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

L'elefante, oltre che una specie da proteggere per le preziose zanne, può rivelarsi sempre più un amico dell'uomo e della Natura.
Sicuramente il più grosso, ma anche il più utile nelle cose che non ti aspetteresti. Uno studio dell'americana Lifesaving ha rilevato...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Da qualche mese le dogane aeroportuali keniane di Nairobi e Mombasa sono dotate di nuovi ed ...

LEGGI L'ARTICOLO

La seconda edizione del Mountain Bike Challenge, la corsa non professionistica con mountain bike nella foresta di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il "mondo bianco" della costa keniota si trova una trentina di chilometri a nord di Malindi.
Dopo la spiaggia dorata di Che Shale, oltre la base italiana del progetto aerospaziale San Marco, la vista dell'oceano sparisce e appaiono chilometri e...

LEGGI L'ARTICOLO

La noce di cocco è il frutto della palma da cocco,nome scientifico Cocos nucifera, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell’Indonesia ma grazie alla capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua marina e di germogliare dopo addirittura 110 giorni di immersione ....

LEGGI TUTTO

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Cocco. L'essenza dell'Africa.

Acqua, olio, latte e polpa

di redazione

La noce di cocco è il frutto della palma di cocco,nome scientifico Cocos nucifera, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell’Indonesia ma grazie alla capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua marina e di mantenere la capacità di germogliare dopo addirittur

LEGGI TUTTO

Il fenomeno delle piccole piogge in Kenya da sempre si riferisce a questo periodo (fine ottobre, primi di novembre).
Avviene solitamente in coincidenza con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO