Ultime Notizie

KENYA IN TAVOLA

Dal cibo di sostentamento all'esotismo culinario

Com'è cambiata la gastronomia a Watamu e dintorni

03-07-2020 di redazione

Ben conosciamo la storia e i travagli del continente africano: pochi ceppi e migliaia di tribù sparse su una superficie di circa 30 milioni di chilometri quadrati, che hanno pagato un amaro dazio all’evoluzione del mondo occidentale, subendo eguale trattamento in ogni angolo della loro terra selvaggia e assolata.
Così come i popoli e la natura, anche la cucina ha risentito della colonizzazione europea, che affonda le sue radici ancor prima del diciottesimo secolo. 
Arabi e portoghesi, cinesi e indiani, perlopiù mercanti e avventurieri, avevano già invaso le coste e circumnavigato Capo di Buona Speranza, quando il Vecchio Continente decise di piantare le tende nelle foreste, ai margini dei deserti, alle pendici delle montagne o degli altipiani, dopo aver risalito il corso dei fiumi e aver scoperto laghi e cascate. Anni dopo i sentieri tracciati dagli esploratori sarebbero diventati piste battute dai primi fuoristrada, la savana sarebbe stata divisa dalla ferrovia e sarebbero apparsi i primi aeroporti.
Eppure in gran parte dell’Africa il pranzo e la cena sono rimasti gli stessi di quando l’uomo bianco non esisteva. Una ciotola di riso, un brandello di carne quasi carbonizzato da un rudimentale barbecue, una manciata di polenta da lavorare con le mani e intingere in un misero sugo, una tazza di tè che pare acqua sporca, infestata dagli insetti. Questa è l’immagine che spesso ci riconduce al cibo africano. Impossibile non pensare alla fame nel mondo, alle carestie, alla povertà e alle condizioni climatiche e geologiche che condizionano la vita di milioni di persone.
L’iconografia tradizionale del bambino che chiede l’elemosina al turista, purtroppo, è ancora attuale ma sta lasciando spazio, fortunatamente, all’insorgere della consapevolezza di un continente in via di sviluppo (anche se lentamente e con relativi nuovi problemi), che cerca di scrollarsi di dosso le imposizioni della storia e quella sorta di fatalismo che ne ha causato la secolare sottomissione.
Attraverso la cucina, possiamo apprezzare come umiltà, sfruttamento delle risorse primarie e soddisfazione del palato possano sposarsi con armonia e raffinatezza.
L’Africa orientale e subequatoriale, ad esempio, è ricca di prodotti della natura e non mancano gli elementi fondamentali del nutrimento. Possiamo senza dubbio affermare che in Kenya, ad esempio, manchi soltanto l’olio d’oliva tra gli ingredienti principali della gastronomia mondiale (ma anche la cucina cinese, tra le più varie e importanti del mondo, ne fa a meno). 
In Sudafrica si produce dell’ottimo vino, valutato tra i migliori in assoluto del nostro pianeta, le fertili acque dell’Oceano Indiano pullulano di ogni varietà di pesce e crostacei; gli alberi da frutto, perlopiù tropicali, hanno permesso innesti e creato piantagioni di prodotti tipicamente mediterranei, oltre a quelli dolcissimi locali.
In questa pagina troverete quindi una visione a trecentosessanta gradi della cucina dell’Africa Orientale, dai piatti tipici tribali alle modifiche apportate nel tempo dagli arabi e dagli indiani, fino alla contaminazione che in questi ultimi cinquanta anni ha mescolato la concezione anglosassone del condimento con le spezie mediorientali, la cucina di pesce mediterranea con i forti sapori indiani, la raffinatezza francese e italiana con le esigenze di un popolo abituato a considerare il cibo come un insapore, necessario, semplice fabbisogno biologico quotidiano.
Come già appuntava lo scrittore Ernest Hemingway, che amò soggiornare in Kenya e in Tanzania, si vedrà che godere degli splendidi frutti che questa terra offre e – aggiungiamo noi – miscelarli con gusto, parrà qualcosa di più che una cena particolare: vorrà dire assaggiare le nostre origini, le nostre radici, quanto di più vicino c’è a Madre Natura, all’essere umano. Senza per questo rinunciare al piacere della buona tavola e scoprire l’esotismo in cucina.

TAGS: tradizione culinaria kenyapiatti africanicucina kenyafood kenya coast

Un paradiso esclusivo completamente rinnovato.
Un ristorante gourmet con chef italiano specializzato in cucina creativa e fusion, in una cornice unica a picco sul mare, all'imbocco del Mida Creek di Watamu.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo, graziosissimo "chiringuito" si affaccia nell'accattivante scenario dei punti di ritrovo sulla spiaggia di Watamu.
Nella baia di Fortamu, di fronte all'isola dell'amore e a pochi metri da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Inizia nel migliore dei modi la stagione estiva del Lily Palm Resort di Watamu.
Nei giorni scorsi il rinnovato hotel che si affaccia su una delle più scenografiche baie della località turistica keniana, ha celebrato un matrimonio di una coppia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

Il chapati è un pane tradizionale portato in Kenya dalla tradizione indiana, ma poi evolutosi in tutto il Paese ed oggi preparato in strada, nei locali poveri come in quelli di alto livello come accompagnamento per le pietanze.
La sua...

LEGGI TUTTO

Il Come Back Club è un locale dalle mille risorse: nato come pub e discoteca nelle ultime stagioni ha affinato la sua cucina e rinnovato i suoi locali arrivando a conquistare il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un lunedì speciale tutte le settimane a Watamu, in una delle incantevoli baie della destinazione...

LEGGI L'ARTICOLO

La bontà del pollo ruspante in Kenya non è un mistero. Nella maggior parte dei casi viene cucinato semplicemente alla brace, ma ci sono piatti della cucina swahili che contemplano altri piacevoli incontri di sapori. Uno di questi è il...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il Pole Pole si rinnova e diventa “fusion”.
Lo storico locale di Watamu, da anni punto di riferimento di tanti turisti e locali, si è rifatto il look e ha intrapreso una nuova strada.
Il Ristorante Pizzeria, Lounge Bar e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Se il Come Back Club è l'indiscusso punto di ritrovo di ogni sera a Watamu, con il suo bar sempre affollato e pieno di allegria, con l'ospitalità del suo "deus ex machina" Mario Ciampi e quel misto di Africa ed...

LEGGI TUTTO

Gli mshakiki sono spiedini di carne, simili come presentazione agli arrosticini della tradizione del centro Italia.
Possono essere di bovino, pollo o capretto e ideale, prima della preparazione, è la frollatura della carne in frigo e la marinatura con olio, sale, pepe...

LEGGI TUTTO

Le patate impastellate con aroma di limone e anima di peperoncino sono una delle delizie dello street food della costa keniana.
Si chiamano "Viazi Karai" e vengono vendute ad ogni angolo di strada, fritte al volo negli wok sistemati in...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

I "Vibibibi" sono pancake locali a base di riso e latte di cocco.
"Vibibibi" in kiswahili significa "signorine".
Nella tradizione della costa keniana sono utilizzati in particolare a colazione o come antipasto dolce prima del pranzo.
C'è chi li apprezza anche...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Proseguiamo la nostra visita alle realtà solidali italiane nella zona di Watamu, con un piccolo ma significativo progetto andato a segno a Timboni.
Si tratta della nursery costruita dall'associazione "My name is help" di Bergamo.
La S.P.& K. nursery school...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le mutazioni climatiche globali, che riguardano in parte anche il Kenya, hanno effetti, sia positivi che negativi, sulla fertile terra dell’equatore africano.
Uno di questi, dato dal sempre più stretto collegamento temporale e climatico tra le grandi piogge, tra maggio...

LEGGI L'ARTICOLO

"Samaki wa kupaka ya nazi", ovvero letteralmente "Cubetti di pesce al cocco" è un piatto della tradizione swahili del Kenya, che utilizza varie spezie di antica provenienza indiana per dargli sapore. Una versione molto gustosa prevede il "madras", quella più...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Jua Kali", proprio come i mercatini degli artigiani del Kenya che lavorano qualsiasi tipo di oggetto sotto il sole cocente (questo significa ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO