Storie

STORIE

Padre Ogalo, il prete rapper di strada che non piace alla Chiesa keniana

Sospeso il parroco che fa le prediche ai ragazzi a tempo di hip-hop

19-07-2018 di Freddie del Curatolo

Padre Paul Ogalo è il parroco di Rapogi, un piccolo sobborgo di Migori, nella regione keniana del Lago Vittoria.
Una delle tante baraccopoli povere ai margini della cittadina che è uno dei simboli della disuguaglianza sociale che attanaglia il Kenya e che rende ancora poco sostenibile il suo sviluppo economico.
A Migori da qualche anno viene estratto l'oro, tanti ragazzi di quei sobborghi lavorano nelle miniere, che poi non sono vere e proprie miniere, ma tunnel stretti e bui nei quali per l'appunto ci si infilano meglio gli adolescenti.
Ogni tanto alcuni di loro rimangono intrappolati e così sia.
Altri invece si fanno furbi e cercano di trattenersi qualche ricordino, ma vengono spesso beccati e licenziati.
Nello slum di Rapogi niente luccica e il piatto di legumi quotidiano è un miraggio che spesso costringe alla sola polenta.
Padre Paul ogni domenica indossa i paramenti liturgici e dice messa per questa gente.
Da tempo si è accorto che alle funzioni religiose mancano proprio le nuove generazioni, quelle che più risentono della povertà e che sfogano la rabbia di non avere un futuro in atti teppistici, bruciando le scuole (la zona di Homa Bay, il capoluogo di riferimento conta ormai un incendio alla settimana) ed abbracciando la microcriminalità e la droga.
Così Padre Paul, quarantacinquenne appassionato di musica moderna, ha deciso di abbinare alla messa tradizionale, nella sua chiesa di Santa Monica, una serie di "prediche rap". Smette i panni del parroco tradizionale, ripone la stola e al suo posto indossa una vistosa bandana colorata e una camicia casual.
Alza il volume degli speaker, fa partire la base e inizia a rappare, muovendo le mani come i celebrati artisti del panorama nazionale: Octopizzo, Kaligraph Jones, Diamond Platnumz.  Le sue filastrocche ritmate convocano Dio e Gesù cristo in quelle strade povere e cercano di smuovere le giovani coscienze chiedendo loro di andare incontro alla speranza, alla vita, senza attenderla mollemente e subirla passivamente, per poi sfogarsi in maniera sterile e autolesionista.
Così in poco tempo Padre Paul Ogalo, con il soprannome di "Father Masaa" o anche "Sweet Paul", ha richiamato molti più adolescenti e in generale più persone alle funzioni domenicali. Arrivano anche dagli altri slum e dai villaggi in campagna.
Tutto questo bailamme e l'accompagnarsi con la nuova "musica del diavolo" (che una volta era il blues, sic!) non è piaciuto alla Diocesi di Homa Bay, che ha subito informato il Vescovo di Kisumu della condotta poco ortodossa (o meglio dire, poco cattolica) di Padre Paul, chiedendone la sospensione fino a che il parroco non si fosse ravveduto e fosse tornato a pronunciare prediche in maniera tradizionale, al limite gospel. 
Qualche giorno fa Padre Charles Kochiel, Vicario del Tribunale interdiocesano di Kisumu, terza città del Kenya, ha confermato la sospensione a tempo indeterminato per il prete rapper.
"Io non mi fermo - ha dichiarato Sweet Paul - questo è il modo più diretto per arrivare ai miei ragazzi e toglierli dalle lusinghe della strada. E' una dottrina in cui credo e in cui metto passione".
Vallo a spiegare a chi ancora collega il significato di "passione" alla sofferenza di Cristo sulla croce.
Oggi la sofferenza si rivela in maniere più nascoste, subdole e nocive per la società e per le future generazioni, e bisogna combatterla con un linguaggio nuovo, non solo con la preghiera e il buon esempio. 
E se deve essere rap, che magari non è un granché come musica ma è sicuramente il linguaggio internazionale più vicino ai giovani d'oggi, ben venga.
Yo, Yo Father Paul!

TAGS: padre rap kenyapaul ogalo rapprete rapperparroco rapprete kenya

Io ed Enrico abbiamo coronato un sogno in Kenya, e precisamente a Watamu.
Siamo una coppia nella vita già da sei anni, ma avevamo voglia di coronare il nostro amore con una cerimonia indimenticabile e una grande festa da condividere con...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Mombasa è un idolo, primo rapper a firmare per l'importante etichetta del divo Diamond Platinumz, la Wasafi Records.
Stiamo parlando di Suleiman Chikuku Abdallah, conosciuto dai fans e dai circuiti video-radiofonici con il nome d'arte di Chikuzee.
Il suo stile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di gala con concerto dal vivo, per la consueta festa della luna piena di Papa Remo Beach a Watamu.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono da due anni per evitare uno scempio che potrebbe riguardare l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO

Un'altra opera di solidarietà nel campo dell'istruzione e della sanità a Watamu da parte della Onlus italiana "Mai più violenza infinita".
L'associazione presieduta da Virginia Ciaravolo ha concluso il suo terzo progetto umanitario a Watamu, con la collaborazione di Expoitaly. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Altro che bassa stagione! Un ponte tutto sommato positivo, uno squarcio di sole per l'attività turistica a Watamu. 
Parliamo del weekend lungo propiziato dalla Festa Nazionale degli Eroi (Mashujaa Day) che da qualche anno ha sostituito il Kenyatta Day, che...

LEGGI TUTTO

L'ottimismo del settore turistico keniano, dopo le elezioni presidenziali e la loro coda di attese, ansie e incidenti a nord del Paese, non è un mistero.
I media internazionali che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Viviamo in un periodo storico in cui l’arte, oltre al valore intrinseco e storico di portatrice di bellezza e di stimolatore della mente, assume un ruolo sociale molto importante: può aiutare l’essere umano nelle sue battaglie per la tutela dell’ambiente...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'Africa nel destino fin da bimbo.
Il Kenya vissuto come un incanto, un giardino d'esperienze, una promessa.
Per Matteo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Intrecciare il rapporto personale con quello professionale non è facile, ma in un luogo d’incanto come Watamu tutto diventa più agevole”.
Questo è il pensiero comune di Federico e Viola, compagni nella vita e anima del  “Kobe Suite Resort”.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA