Storie

MALINDI

Si perde a 500 km da Malindi, accudito e riportato a casa pensionato italiano

Il comasco Aldo si era avventurato nell'entroterra fino a che non ha finito la benzina

24-10-2008 di Freddie del Curatolo

A volte, in Africa, anche le disavventure hanno un lieto fine.
Alcuni stenteranno a crederci, ma ci si può perdere, senza benzina, senza soldi né telefonino cellulare nel mezzo della savana e riuscire a fare ritorno a casa senza un graffio, grazie all'umanità della popolazione locale.
E' accaduto ad Aldo V. italiano originario di Como, che da anni ha una villa a Malindi dov'è solito “svernare”.
L'altra mattina è uscito di casa con il suo fuoristrada, diretto a fare colazione. Chissà cosa gli è passato per la mente, osservando la verdeggiante realtà africana, ma ha deciso di fare un giretto un po' più lungo del solito.
Da Malindi ha imboccato la strada che porta a nord, verso Lamu. Il tempo ideale, il manto stradale in ottime condizioni, la natura rigogliosa intorno, baobab e palme riverenti al suo passaggio, gesti ancestrali delle mama dei villaggi e studenti in divisa a piedi per chilometri, tra il villaggio e la scuola. 
Ad Aldo la giornata deve essere sembrata magnifica, lontana dalla routine rilassante ma anche un po' noiosa del pensionato di Malindi: sempre il solito bar, il cappuccino con la brioche, le solite allegre facce da salutare.
Un sogno di pace e tranquillità, per un coetaneo italiano, perso magari nel traffico e nel freddo della metropoli. Ma in lui che vi è abituato, l'umana voglia di evadere è in agguato. Così Aldo Segue la strada asfaltata in quel paradiso, supera due posti di blocco, passa il bivio di Garsen e punta verso Garissa, cittadina tra il mondo conosciuto e il deserto somalo, confine tra i selvaggi parchi nazionali, dove s'incontrano leoni ed elefanti, e il niente in mano alle tribù nomadi Pokomo e Rendille.
Siamo a più di quattrocento chilometri da Malindi, ma Aldo viaggia ora su una strada sterrata sconnessa, dove s'incontrano solo animali allo stato brado e, ogni cento chilometri, un camion in avaria o un autista che cambia una ruota. Il pensionato comasco viaggia e con lui i suoi pensieri, che spaziano liberi e felici. Fino a quando, inevitabilmente, viene a mancare la benzina del fuoristrada. La macchina si ferma, in mezzo al niente. Intorno soltanto rumori di fauna africana, esemplari spesso sconosciuti a noi “Wazungu”, uomini bianchi. E' una zona lontana dai safari organizzati, appena tratteggiata dalle mappe locali.
Tra poco scenderà la sera, che in questa parte di mondo, proprio sotto l'equatore (che se fosse un'asse nel cielo come lo disegnano, almeno farebbe ombra) copre tutto come un nero manto intorno alle sei di sera. C'è un uomo bianco, non più giovane, che non parla una parola di inglese e di swahili. Senza soldi e senza telefonino. Sembra un film, e probabilmente lo è: è il suo lungometraggio personale, quello in cui interpreta la parte di un tranquillo italiano che si perde nel mezzo dell'Africa nera e con la serenità e l'incoscienza di chi vi è capitato quasi da predestinato, sa che andrà tutto bene.
Non è così invece per la moglie di Aldo che da alcune ore lo sta cercando dappertutto a Malindi. Ha avvertito per prima cosa il console italiano Roberto Macrì, che si è immediatamente attivato organizzando le ricerche della polizia locale e avvertendo tutte le sedi distaccate del distretto di Malindi.
Nel pomeriggio, la mancanza di riscontri gli fa pensare che sia meglio estendere l'avviso a tutto il Kenya.
Tra Garissa e Nairobi, sporadicamente si segnala la presenza di shifta, pericolosi banditi di origine somala che attaccano mezzi di trasporto o automobilisti solitari. Per questo sono stati istituiti posti di blocco e il fenomeno è stato isolato, ma a volte per attraversare quella desolata parte di Kenya è consigliabile far salire a bordo un poliziotto armato.
Chiaramente il nostro eroe vi ha rinunciato, ed ora è solo.
Chiunque potrebbe approfittare di lui. Il suo fuoristrada farebbe gola a molti, un toccasana illegale per l'estrema povertà degli abitanti di quelle regioni, e per i camionisti, e i contrabbandieri di passaggio. In lontananza, macchia polverosa che potrebbe essere indifferentemente mandria di bufali o piccolo tornado, spunta un autocarro che vede l'uomo ai margini dello sterrato con un'espressione innocente che sembra dire: “vi stavo aspettando”.
Non servono le parole, basta un'occhiata e i due occupanti dell'enorme elefante di lamiera estraggono lunghe e possenti corde dal vano e le attaccano al fuoristrada. Piano piano, mentre il cielo colora il paesaggio di tinte tenui e il caldo torrido si placa, lo strano convoglio raggiunge il villaggio di Mwingi. Siamo a cinquecento chilometri da Malindi. Aldo viene portato al posto di polizia locale dove, dopo lo stupore generale, si fa largo il dovere. Le telefonate del quartier generale di Nairobi, allertato dal console italiano a Malindi, raggiungono anche loro a tarda sera.
“Il vostro mzungu è qui, sta bene!”. Passerà la notte in guardiola, sul materasso più comodo messo a disposizione dalla comunità di Mwingi. Nel frattempo, con un servizio di invio di denaro via sms, la stazione di polizia ottiene il necessario per un pieno di benzina e il ritorno a Malindi dell'indomani. E' l'alba, l'alba indimenticabile dell'equatore che stregò Hemingway e Karen Blixen e che innamora centinaia di migliaia di turisti ogni anno. L'ufficiale della polizia di Mwingui chiama Malindi. “Cosa possiamo offrire a questo signore da bere e da mangiare...tè, caffè, un chapati...?” chiede.
“Non so, sentite lui...”
Il linguaggio dei gesti è essenziale.
Mani nere che, accompagnate da un sorriso, mimano una tazza e qualcosa da mettere in bocca.
“Un cappuccino e una brioche, grazie” è la risposta dell'italiano, con perfetto accento lombardo.
Il “kenya coffee” e la tortilla che qui chiamano chapati sarà sembrata buonissima ad Aldo che si rimette in viaggio, per arrivare a Malindi in serata.
E' scortato questa volta da due guardie.
Si sa, quando uno inizia a respirare l'avventura, non è detto che ci riprovi.
E l'Africa è grande...
"Your Mzungu's here, he's fine." Spend the night in the gatehouse, the most comfortable mattress made available by the community of Mwingi. Meanwhile, with a service of sending money via SMS, the police station gets the need for a full tank and return to Malindi dell'indomani. And 'the dawn, the unforgettable dawn equator that charmed Hemingway and Karen Blixen and falls hundreds of thousands of tourists every year. The police officer called Mwingui Malindi. "What can we offer this gentleman to drink and to eat ... tea, coffee, a chapati ...?" He asks.
"I do not know, you feel him ..."
The sign language is essential.
Black hands, accompanied by a smile, mimicking a cup and something to put in your mouth.
"A cappuccino and a brioche, thank you" is the Italian response, with perfect Lombardy accent.
The "kenya coffee" and the tortilla here called chapati will seemed very good to Aldo you back on the road, to get to Malindi in the evening.
And 'this time escorted by two guards.
You know, when one begins to breathe the adventure, it is said that you try again.
And Africa is great ...

TAGS: Pensionato MalindiRitrovato italianoItalian retired Malindi

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Un mestierante giramondo per rilanciare il Mapango di Watamu.
Daniele Giovanni Vivian, per tutti da sempre Jimmy, dopo anni di "movida" tra Milano e il Lago di Garda, vita notturna e discoteche, ha scelto il paradiso di Watamu e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Decine di residenti, locali inglesi e anche qualche italiano, hanno popolato sabato scorso la spiaggia di Watamu, ma questa volta non per prendere il sole, fare il bagno o per qualche competizione sportiva.
L'occasione era la Giornata Internazionale della Pulizia...

LEGGI TUTTO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

"Mi ha fatto davvero piacere tornare a Watamu dopo un anno e vederla rifiorita di turisti":
Così l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni, a margine del concerto del violinista Francesco D'Orazio, ieri a Malindi.
Parlando con watamukenya.net, Massoni ha ribadito l'interesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il sito internet e il progetto parlano chiaro: sorgerà a Watamu il più alto grattacielo del Kenya, a forma di tronco di palma.
Si chiamerà "Palmexotjca", sorgerà sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Una grande festa per salutare Madam Martha Karo, la storica direttrice della Gede Special School che va in pensione, dopo dodici anni di lavoro e cieca dedizione per la nota scuola per disabili di varia natura tra Malindi e Watamu.
Un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo alcuni anni, Turisanda torna a scommettere sul Kenya e sceglie Watamu per portare i suoi clienti tramite le agenzie di viaggio, il suo sito internet e l'ingente portafoglio clienti guadagnato in tanti anni di Tour Operator.
Il Turisanda Club...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu torna ad essere una delle destinazioni appetite, intriganti e futuribili per grandi e piccoli gruppi alberghieri di tutto il mondo.
E' il caso di grandi catene americane che già nel recente passato hanno svolto accurati sondaggi per acquisire strutture...

LEGGI TUTTO

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La satira, la poesia e gli aneddoti sugli italiani in Kenya tornano a Watamu per un'altra divertente serata.
Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi saranno domenica 4 febbraio al Mapango...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO