Ultime Notizie

PRODOTTI

Halwa: un dolce dal profumo di spezie d'oriente e acqua di rose

Un'antica ricetta tramandata nel tempo

26-11-2020 di redazione

Se siete dei golosi e ghiotti di dolci non potete perdervi l’estasi di assaggiare l’Halwa.
Il suo nome deriva del termine arabo “helw” che letteralmente significa dolce, è un dessert davvero squisito molto diffuso in tutto il medio oriente, in Asia e in alcuni Paesi dell’Africa.
I costumi della costa del Kenya derivano da una storia intrigante  e millenaria di interscambi con tutta la regione dell’Oceano Indiano a partire dalla Penisola Arabica e dal Goldo Persico. I marinai arabi proveniente dall’Oman portavano l’halwa, per le lunghe traversate dell’Oceano Indiano verso la Tanzania e il Kenya, conservata in contenitori di foglie di palma preservandola e mantenendola commestibile per diversi mesi.
Con l’approdo di commercianti arabi si radicarono abitudini e usi della loro cultura, tra cui anche la gastronomia.
Questa tradizione si é tramandata di generazione in generazione e ancora oggi lungo tutta la costa del Kenya é possibile assaporare questo dessert speciale dalle origini cosí lontane.
L’halwa é un dolce dall'aspetto gelatinoso, ricco di calorie e pericolosamente coinvolgente.
Gli aromi dello zucchero di canna, le note floreali dell’acqua di rose e il profumo di cardamomo permeano l’aria di vicoli nascosti da Lamu a Malindi, da Mombasa a Stone Town. Altri ingredienti fondamentali sono l’amido di tapioca, che gli dona la consistenza vellutata, il miele o lo zucchero in grande quantitá, il burro chiarificato, lo zafferano per il colore rossiccio e talvolta lamelle di mandorle o semi di sesamo come guarnizione. Ottimo da accompagnare con una tazza di caffe nero amaro o  di te speziato, come é ancora usanza in alcuni ristorantini tipici di Mombasa.
L’ Halwa é molto richiesto e apprezzato per tutte le occasioni e le celebrazioni importanti come matrimoni e compleanni ma soprattutto durante i periodi di digiuno nel corso del Ramadhan in quanto un piccolo quantitativo ripristina i livelli di zucchero e ridona energia.
Puó essere servito in grandi vassoi di alluminio da condividere con tutti i commensali o in piccole porzioni per una facile distribuzione, anche se originariamente, come usavano i marinai provenienti dall’Oman, veniva messo in un piccolo cestino intrecciato chiamato Kitalifa.
Anche a Malindi ci sono due negozi dove viene prodotto e venduto da asporto, solitamente avvolto in fogli di carta oleata. HALWA ASLI si trova nel quartiere di Shella, BAWALY’S HALWA é a pochi metri dalla famosa Piazzetta del Cambio.
Ci sono miti e superstizioni legati a questo dolce, alcuni sostengono che sia il pasto preferito degli spiriti maligni che fanno sì che chi lo consuma venga posseduto, altri raccontano che la ragione principale per cui l’Halwa viene servito durante i matrimoni è per distogliere l'attenzione dagli sposi attraverso la sua immensa dolcezza e non essere cosi afflitti dal malocchio e dalle invidie.
Noi, al massimo, possiamo dire che consumato caldo con una pallina di gelato alla vaniglia puó creare dipendenza!

TAGS: halwa kenyahalwa malindidolci kenya

Dopo un agosto all'insegna dell'aumento della produzione, senza minimamente scalfire l'ottima qualità dei prodotti, Nonsologelato di Watamu chiude i battenti per qualche settimana per rinnovare i locali e concedere una meritata vacanza alla iperattiva artista dei dolci Anna.
Dall'inizio dell'anno...

LEGGI TUTTO

Il cambiamento climatico, la difficoltà di avere due raccolti di mais all’anno e problemi legati ai prodotti disinfestanti, stanno...

LEGGI TUTTO

La cucina swahili ha un’infinitá di piatti dolci deliziosi che, soprattutto nel periodo del Ramadan é possibile scoprire e assaggiare per poi riproporre nelle nostre tavole.
I vipopoo o matabosho...

LEGGI TUTTO

Loro sono i più puri, i più dolci e i quelli irrimediabilmente senza speranza, se non quella di un sorriso e di gioie date dalla solidarietà che non pretende domani, che non chiede riconoscenza e che non può costruire il...

LEGGI TUTTO

Nei mercati e ai bordi di tante strade del Kenya potete vedere le venditrici di questo tubero (già, in genere sono donne, il vero motore produttivo e commerciale di questo Continente).

LEGGI L'ARTICOLO

Le "matoke" o "matoki" sono banane verdi, anche conosciute come platano, non eccessivamente dolci che anche in Kenya, come in gran parte dell'Africa, hanno svariati utilizzi. Oltre alla farina e al pane, vengono usate a mo' di patate negli stufati.LEGGI TUTTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Un sorriso in più per tanti bambini del villaggio nella zona del Blu Bay di Watamu e per gli alunni della Brilliant School, grazie all'associazione "Mai più Violenza Infinita", a Expoitaly e al Marina Restaurant che ha ospitato ieri una...

LEGGI TUTTO

La cannella o cinnamomo è un albero sempreverde della famiglia delle Lauracee, originario dello Sri Lanka ma largamente diffuso in tutto l’Oriente.
Oggi viene...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato.
L'inevitabile ...

LEGGI L'ARTICOLO

Viene inaugurata oggi a Watamu la nuova filiale della banca keniana Diamond Trust Bank (DTB).
L'inaugurazione, a cui sono invitati i correntisti di Malindi e anche tutte le altre persone interessate che gravitano attorno alla cittadina, è fissata per questa...

LEGGI TUTTO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che...

LEGGI TUTTO

"Fully booked" è la parola di questa fine d'anno, per quanto riguarda Watamu.
Significa "tutto esaurito" ed è quel che stanno registrando gli hotel e i resort della cittadina diventata il punto di riferimento costiero del Kenya.
Le strutture alberghiere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della presentazione del "Kenya Beach Destination Strategy", il rapporto sul rilancio del turismo commissionato dal Governo del Kenya all'agenzia spagnola THR, ieri a Malindi si è parlato anche della destinazione Watamu.
"Una meta turistica che dovrà essere completamente sganciata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO