Ultime Notizie

NEWS

Si diffonde in Kenya il business dell' "oro verde"

Molti stranieri sono attirati da facili prospettive di guadagni

06-04-2021 di redazione

Anche sulla costa del Kenya arriva il business del cosiddetto "oro verde".
Parliamo del bambù e della sua coltivazione per scopi commerciali.
In Europa due anni fa c'è stato il boom delle coltivazioni di bambù gigante, che fino ad allora era utilizzato più per il suo aspetto estetico ed ornamentale. 
I vivai, anche in Italia, seguivano quel tipo di mercato nonostante sapessero che in oriente da sempre è utilizzato per la produzione di legname e germogli alimentari, che qui sono quasi sconosciuti.
Se in Europa è diventato un business di compravendita, per molti solo una "bolla speculativa", e ad oggi in Italia sono più di 3000 gli ettari coltivati, il Kenya si affaccia solo adesso a questo potenziale business, per il quale c'è molta richiesta, anche grazie ai fiorenti commerci con Cina ed altri Paesi orientali.
Le aziende del settore parlano di numerosi mercati nei quali le coltivazioni di bambù possono garantire un’ottima resa: alimentare, legname e arredamento sono solo le principali. 
In Africa esistono 40 specie di bambù, delle quali molte sono state importate nel secolo scorso dall'India, dall'Europa e dall'Oriente, ma hanno attecchito specialmente nelle zone montane. Ci sono anche specie autoctone (famosa quella abissina), ma il più diffuso è il "bambusa vulgaris", il classico di colore tendente al giallo. Può raggiungere grandi dimensioni, anche se non è il più pregiato. 
Quest'ultimo nell'Africa Sub Sahariana è stato sempre usato anche come combustibile naturale, una sorta di alternativa al carbone da legna.
In Kenya il bambù, che solitamente impiega 4 anni per riempire un ettaro di terreno ed essere commerciabile, cresce ancora più in fretta e anche nelle zone di Watamu e nell'entroterra di Malindi vicino all'ecosistema dell'Arabuko Sokoke Forest può tranquillamente essere piantato e svilupparsi.
Tra Malindi e Watamu, dopo Msabaha, c'è già una piantagione da cui molti residenti si riforniscono, ma la richiesta è maggiore.
Il terreno dev’essere fertile, irrigato e arato con costanza, già dal terzo anno si comincia a raccogliere qualche germoglio nelle piantagioni che sono tenute meglio. I margini di guadagno possono essere molto alti e ci sono già stranieri, anche italiani, che stanno pensando di acquistare appezzamenti di terreno nell'immediato entroterra per affidarsi a questo business facile e remunerativo.

TAGS: business bambubambu kenyainvestimenti kenya

La Contea di Kilifi crede molto in Watamu e punta forte sul suo sviluppo per farne l'hub turistico principale della regione.
Lo spiega il segretario generale Owen Baya, che annuncia investimenti importanti per il marketing, particolarmente in Inghilterra, Francia e...

LEGGI TUTTO

Watamu è una delle località "Boom" degli ultimi dieci anni.
Lo segnala il canale dedicato al...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da voci che arrivano dagli ambienti commerciali di Nairobi, la compagnia di supermercati di grande distribuzione nazionale "Tuskys" vorrebbe aprire un terzo supermercato nella Kilifi County, dopo quelli di Kilifi e di Mtwapa.
La decisione sembra caduta su Watamu e...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le mangrovie di Watamu sono un paradiso naturale che attira ogni anno migliaia di turisti, ambientalisti e viaggiatori amanti della natura e delle meraviglie acquatiche. Costituiscono un paesaggio naturale unico e fantastico, con un suo microclima ed un ecosistema che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un mestierante giramondo per rilanciare il Mapango di Watamu.
Daniele Giovanni Vivian, per tutti da sempre Jimmy, dopo anni di "movida" tra Milano e il Lago di Garda, vita notturna e discoteche, ha scelto il paradiso di Watamu e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu meta di vacanze e di...repeaters. Ecco altri cinque motivi per cui gli italiani tornano nel paradiso marino del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Specialmente in Kenya, ogni effetto positivo ha il suo rovescio della medaglia.
Quest'anno il turismo a Watamu ha ripreso a marciare nella direzione giusta, quello di un buon numero di presenze che si è protratto fino ai giorni attuali, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La macadamia del Kenya è sempre più ambita ed oltre ad avere moltissimi usi, sta diventando un business per chi...

LEGGI TUTTO

Era il 1898, nel porto di Mombasa iniziavano ad arrivare navi britanniche dall’India, cariche di merci e di attrezzi per costruire la famosa ferrovia che avrebbe collegato quella che allora era la prima città del Kenya, oltre che il porto...

LEGGI TUTTO

Il Kenya moderno vive ancora di leggende e personaggi venerati del passato, tra cui stregoni, guaritori tradizionali e veggenti.
Uno dei più importanti e conosciuti si chiamava Gor Mahia e, pur essendo vissuto nell’Ottocento, il suo nome è...

LEGGI TUTTO