Libri sul Kenya

LIBRI

L'amore (impossibile) ai tempi della Malindi italiana

Donne libere di sbagliare e beach boys nel romanzo di Sara Cardelli

24-06-2017 di Freddie del Curatolo

La Malindi al femminile di Sara Cardelli colpisce nel segno e dipinge una realtà molto attuale e sganciata dai soliti luoghi comuni del turismo sessuale ai tropici o dell’avventura esotica.
“Mali d’Africa” (Ilmiolibro, 320pagg.) racconta la costa nord del Kenya popolata da donne italiane sole e padrone di  sé stesse, e da aitanti e interessati beach boys di etnia Mijikenda che, inevitabilmente e senza bisogno di chissà quale “Stupid Cupid” vengono a contatto.
Come scenografia, l’avvolgente natura africana che attenua lo stridore e il paradosso di vedere e vivere allo stesso tempo i villaggi di capanne di fango e gli eleganti resort in riva all’Oceano Indiano, i riti funerari di gente povera e dignitosa e gli scatenati disco-party sulla spiaggia.
Malindi e Watamu, da almeno trent’anni, sono così: contraddizioni sociali ed economiche che convivono in un’instabile equilibrio che il clima, la meraviglia dei luoghi e la pace dei sensi riescono spesso a trasformare in armonia.
I “Mali d’Africa” di cui al titolo del romanzo, sono in realtà pene e lusinghe che la società occidentale ha da tempo esportato all’equatore e l’effetto che hanno provocato su quella parte della popolazione locale che vive di turismo.
Nel mezzo, e nel profondo di esistenze ed anime completamente diverse, l’amore e le sue tante sfaccettature.
Sara Cardelli, che come la protagonista del racconto ha vissuto a Malindi ed è tornata in Italia con un bel bambino, frutto di una relazione con un ragazzo giriama, tratteggia molto bene motivi e caratteri di Giulia,  Jenny ed Eva, tre donne italiane che vivono la loro Africa e i loro rapporti (specialmente quelli con l’altro sesso, identificato con giovani e disponibili “operatori turistici” dai prodigiosi attributi e dagli improbabili soprannomi) in totale libertà.
Libertà di provare emozioni incontrollate, di imparare attraverso la sofferenza, di coltivare pensieri inediti e ingenui e di trarre conclusioni spesso troppo distanti dalla loro mentalità ma troppo vicine alla nuova realtà da non scottarsi.  
Giulia cerca l’amore vero, Jenny la famiglia e la vita africana, Eva ha scelto quel misto di serenità interiore e cinismo fondamentali per vivere e lavorare da stranieri sulla costa keniana.
E’ lei a cui Sara fa dire che in Africa si arriva a voler ricordare anche le cose da dimenticare e che è meglio vivere di rimorsi che di rimpianti laddove è ancora più evidente che “ogni paradiso ha il suo inferno”.  
L’ardore femminile che divora le protagoniste e fa divorare piacevolmente il romanzo (pur con gli inciampi di una scrittura priva di differenti piani narrativi) sta proprio nel desiderio delle protagoniste di “Sbagliare piuttosto che vivere con la consapevolezza di non averci provato”.
Perché alla fine, come si vedrà, non è vero che l’amore in Africa non esiste, è semplicemente uno dei tanti sentimenti sul mercato. Sono le componenti con cui le nostre coscienze occidentali lo hanno ingabbiato a riportarlo a terra: sesso, solitudine, gelosia.
E’ proprio la presenza degli ambitissimi palestrati da spiaggia e la loro condotta univoca e coerente la chiave della storia, ed è quasi un peccato che l’autrice non abbia voluto o saputo entrare maggiormente nella mentalità del maschio keniota, con dialoghi e momenti tra di loro, e non solo in relazione alle loro liaisons con le “mzungu”.
Perché altrimenti, se riduciamo tutto unicamente a denaro, tradimenti, truffe e menzogne, il romanzo avrebbe potuto intitolarsi  tranquillamente “Mali d’Italia in Africa”.

TAGS: Mali d'AfricaSara CardelliRomanzo KenyaLibri Kenya

Questa sera alle 20.30 al Marina Restaurant di Watamu, il viaggiatore, documentarista e scrittore Marco Novati presenta il suo diario di viaggio nell'Est Africa dal titolo "Africa Maisha Marefu" (lunga vita all'Africa), affiancato dall'artista Bice Ferraresi, che ne ha curato la...

Uno spettacolo unico, sicuramente l'ultimo del 2017 a Watamu, e forse senza replica.
L'occasione per ridere di noi italiani con intelligenza e passare una serata inedita e divertente in compagnia di due consumati istrioni, tra monologhi, battute, musica e canzoni.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'era anche un po' di Kenya alla fiera del turismo internazionale di Rimini, il TTG dove quest'anno né il Kenya Tourist Board, né altre associazioni turistiche del Kenya hanno partecipato.
La presenza di Lily Palm Resort e della agenzia di...

LEGGI TUTTO

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Aveva quasi 35 anni, il grande scrittore americano Ernest Hemingway, quando vide per la prima volta il Kenya.
Lui, grande viveur e appassionato di emozioni forti, cacciatore di donne e di animali, si era da poco tempo appassionato di pesca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi crede molto in Watamu e punta forte sul suo sviluppo per farne l'hub turistico principale della regione.
Lo spiega il segretario generale Owen Baya, che annuncia investimenti importanti per il marketing, particolarmente in Inghilterra, Francia e...

LEGGI TUTTO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non più tardi di cinque anni fa a Nairobi girava la storia (che da più parti assicurano fosse vera) che un Ministro del Governo ed addirittura alcuni dirigenti del Ministero del Turismo non fossero al corrente dell'esistenza di Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO

Dalla NGO italiana Karibuni Onlus, una nuova motoambulanza per l'ospedale di Gede.
Il mezzo è importantissimo nelle comunità rurali della costa keniota per raggiungere le persone bisognose anche nei villaggi che non sono direttamente serviti da strade praticabili per un'autoambulanza...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Camping Safari". 
E' la nuova frontiera delle escursioni esclusive, per chi ama davvero la Natura selvaggia africana e vuole vivere a diretto contatto con l'habitat di fauna e flora, senza rinunciare a sicurezza e comfort.
Sempre più turisti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quattro giorni di promozione, accordi e distribuzione serrata a Nairobi per la terza edizione del magazine "What's Best in Kilifi County", prodotto da malindikenya.net e watamukenya.net per pubblicizzare le destinazioni turistiche della Contea di Kilifi e in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Cenare sotto l'affascinante e romantica luce della luna piena, con i piedi sulla sabbia bianca e sotto gli occhi il luccichio dell'Oceano Indiano.
Cose che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO