Ultime Notizie

STORIE

Il mito keniano di Finch Hatton, tra caccia, natura e donne

La vita del "dandy" della Blixen

31-08-2021 di redazione

Novant’anni fa moriva in Kenya, schiantandosi con il suo aereo insieme al fido servitore Kamau, il più famoso “dandy” della storia dell’Africa britannica. Il suo nome era Denys Finch Hatton e, reso celebre dal celeberrimo romanzo di Karen Blixen “La mia Africa”, nell’immaginario collettivo ha le sembianze dell’attore Robert Redford.
In realtà Finch Hatton non era così affascinante, ma l’aura di sciupafemmine e quella di eterno sognatore, un po’ rozzo come tutti i cacciatori ma insolitamente elegante e raffinato, nel mangiare e nel bere come nell’apprezzare ad esempio la musica lirica, ne facevano di certo un personaggio unico che non a caso fece innamorare due donne geniali, per quanto problematiche. Oltre alla scrittrice Isak Dinesen, ovvero la baronessa Von Blixen, anche l’intellettuale e prima pilota d’aereo donna a trasvolare l’Atlantico, Beryl Marckham.
Finch Hatton nacque nel 1887 in Gran Bretagna da famiglia nobile, suo padre Henry era Conte di Winchilsea. Frequento due delle più importanti scuole del Regno, il liceo di Eton ed il college di Oxford.
Fu un viaggio in Sudafrica a farlo innamorare del Continente Nero e della caccia.
Prima di tornare in patria, decise di fermarsi in Kenya ed acquistò una tenuta nella Rift Valley e si trasferì da quelle parti dedicandosi al suo sport preferito.
Grazie alla sua scaltrezza, alla capacità di intrattenere non solo le belle signore e alla conoscenza della savana, Finch Hatton divenne amico di quasi tutti i personaggi più importanti della Colonia Britannica e accompagnò in safari personalmente il Principe di Galles, e successivamente Re per soli 326 giorni prima di abdicare, Edoardo VIII.
Forse convinto dal futuro Re, Finch Hatton abbandonò la caccia ed iniziò a sposare la causa della creazione di riserve, come quella del Serengeti, contribuendo a formare una nuova scuola di cacciatori e guide di safari di caccia grossa, che contribuissero alla salvaguardia delle specie protette e combattessero il bracconaggio.
Fu in quel periodo che conobbe Karen Blixen e dopo il divorzio della scrittrice dal barone infedele che le aveva attaccato la sifilide, si trasferì nella sua casa di Ngong, dedicandosi a safari di alto livello e riprendendo a pilotare aerei dopo che un incidente anni prima lo aveva tenuto lontano dal cielo.
Fu un amore platonico che solo nel suo romanzo, scritto dopo la prematura morte del suo amato, assunse toni romantici e passionali.
Morte che avvenne il 14 maggio 1931 quando Finch Hatton, pochi minuti dopo essere decollato dalla airstrip di Voi, precipitò improvvisamente al suolo ed esplose.
Karen Blixen scrisse che entrambi avevano già scelto il luogo della loro sepoltura, ed era “un luogho sulle prime colline della riserva di caccia”, che lei stessa, al tempo in cui pensava di vivere e morire in Africa, aveva indicato a Denys come suo futuro luogo di sepoltura.
“La sera, mentre guardavamo le colline da casa mia – raccontò la Blixen - disse che anche lui avrebbe voluto essere sepolto lì. Da allora, a volte, quando andavamo in macchina sulle colline, Denys diceva: Guidiamo fino alle nostre tombe".
Tuttora nel luogo della sepoltura c’è un piccolo obelisco con una targa commemorativa. Non avrebbe mai potuto pensare che la storia della sua vita, per quanto avventurosa ma molto meno che eroica, sarebbe diventata così famosa e avrebbe ispirato un film hollywoodiano da Oscar.

TAGS: Finch AttonLa mia Africapersonaggi Kenya

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTO

Una Watamu sempre più Vip, in cui la bella stagione non finisce mai. 
Ormai la località turistica del Kenya ha preso il posto di Malindi e di tante altre mete un tempo definite "esclusive".
I tempi sono cambiati e oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una voce incantevole, perfetta. Di quelle che è un sublime piacere ascoltare appoggiarsi sulle note jazz dei grandi standard internazionali.
La cantante napoletana Simona De Rosa, che da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Abbiamo selezionato dieci frasi che esprimono un sentimento dedicato all'Africa, intesa più come entità spirituale e morale, storica e sociale più che come realtà geografica. Le parole selezionate...

LEGGI TUTTO

Questo delizioso dolce di riso è conosciuto sulla costa kenyana come mkate wa sinia o mkate wa kumimina che letteralmente vuol dire pane al piatto.
E’ un dolce assolutamente da provare ed è...

LEGGI TUTTO

Da oggi Watamikenya.net diventa molto più di un semplice portale di informazione turistica.
Con l'arricchimento della pagina Facebook interattiva, e con la presenza di Mirko, barman di professione e videomaker per passione, ma soprattutto coinvolto in prima persona nella crescita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non occorre attendere le vacanze di Natale per vedere animarsi Watamu.
Presto arriveranno gli habitué italiani che, crisi timori o referendum a parte, non hanno intenzione di perdersi il clima, la tranquillità e la natura della costa keniota nemmeno quest'anno.LEGGI TUTTO

Uno speciale sul Kenya, con gran risalto a Watamu e al nuovo corso turistico che sta rilanciando la destinazione più fascinosa della costa keniana.
E' andato in onda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non credo che i kenioti conoscano la filastrocca che mia nonna mi cantava da bambino: "piove, piove, la gatta non si muove, si accende la candela, si dice buona sera..." anche perché qui le candele costano e si consumano in...

LEGGI TUTTO

Come una bellissima signora separata da poco, è bastato un tocco magico, un po' di sano restyiling ed eccola tornare più affascinante e bella di prima, e di certo più disponibile. 
Questo è accaduto anche al Lily Palm Resort, l'hotel...

LEGGI TUTTO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava le potessi toccare e modellare con un dito. Questo cielo "touch-screen" mi aveva contagiato fin dal primo giorno della...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Il pollo cucinato "alla swahili" risente, come molti piatti della costa del Kenya, di antiche mescolanze e suggestioni tra India, Medio Oriente ed altri Paesi che hanno frequentato l'Oceano Indiano d'Africa.
Ecco la ricetta originale di questo gustoso piatto di...

LEGGI TUTTO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Anche a marzo inoltrato, sul finire dell'estate africana, Watamu continua ad attrarre turisti e ad incantare personaggi famosi.
Nella domenica del Paparemo Beach, un vero classico delle splendide giornate di sole su una delle spiagge di culto della villeggiatura nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Mapango, uno dei punti di ritrovo dei turisti a Watamu, su una delle baie più suggestive della località turistica, si è completamente rifatto il trucco.
Chi conosce il bar ristorante all'interno del Lily Palm Resort ma da sempre con...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO