Storie

CURIOSITA'

Ecco perché la birra keniana Tusker da 95 anni si chiama così

Pochi conoscono la vicenda da cui il nome e l'elefante, uno dei loghi simbolo del Kenya

29-11-2017 di redazione

Molte famose etichette di alcolici e distillati nel mondo nascondono, dietro ai loro nomi talvolta curiosi talvolta altisonanti, curiose leggende o interessanti risvolti legati ai loro fondatori o ai luoghi di produzione.
E’ il caso della birra nazionale del Kenya, ormai un vero e proprio marchio di fabbrica del Paese, non solo per le migliaia di consumatori interni, ma per turisti e viaggiatori.
La celeberrima “Tusker”, con l’elefante nel logo, è ormai uno dei simboli di questa nazione ed è la birra più venduta dell’Est Africa.
Pochi però conoscono i tragici risvolti che portarono l’azienda produttrice della birra a chiamarsi così.
La Tusker Lager venne prodotta e commercializzata ufficialmente nel 1929, ma in realtà già da una decina d’anni in Kenya si beveva la birra prodotta nell’allora Colonia dell’Impero Britannico.
Tra i primi coloni che venivano a cercar fortuna in Africa, dopo la costruzione della ferrovia Mombasa-Nairobi-Kampala, c’erano parecchi “farmisti”.
Molti di loro si dedicavano alla coltivazione del tè e del caffè, altri avevano immense piantagioni di mais, frutta e verdura.
I fratelli Hurst, Charles e George, erano agricoltori ma anche esperti produttori di birra in patria.
Dopo aver racimolato un bel gruzzolo come cercatori d’oro, decisero di investire i loro guadagni in una fabbrica di birra. Registrarono ufficialmente la loro azienda l’otto dicembre del  1922 con il nome di “Kenya Breweries”.
Il successo fu immediato, solo lo Stanley Hotel, il più prestigioso albergo di Nairobi, ne ordinava casse e casse. Dopo un anno Charles e George erano pronti a lanciare un vero e proprio “brand” sul mercato, per raggiungere tutto il Paese.
George era conosciuto come appassionato di savana e gran cacciatore di selvaggina.
Proprio nell’anno dell’apertura della “Kenya Breweries” si era trovato faccia a faccia con un leone e si era salvato per miracolo, riportando solo qualche ferita.
Durante una battuta di caccia nel 1923 però, intento a scattare delle foto ad un elefante maschio e alle sue meravigliose zanne, si avvicinò troppo all’esemplare, che gli fu addosso con tutta la sua forza e lo  uccise calpestandolo.  
I grandi elefanti maschi dell’Africa Orientale sono conosciuti come “Tuskers”.
In sua memoria, Charles Hurst decise di chiamare la loro prima lager “industriale” Tusker.
Il branding e la pubblicità partirono nel 1924, la Tusker Lager con la famosa bottiglia da 500 ml fu ufficialmente prodotta nel 1929. 
La birra dell’elefante fu un successone e nel 1935, dopo aver acquistato anche una birreria dell’allora Tanganica, l’azienda divenne “East African Breweries”. 
Nel 1938 la Tusker vinse il primo di tanti premi in concorsi internazionali per questo tipo di bevande.
Dalla tragica fine di George Hurst oggi il grande elefante campeggia in tutti i bar, ristoranti e supermercati del Kenya ed è uno degli emblemi di questo Paese, ritratto su magliette, porta bicchieri, tovaglie e muri di ogni città e sperduto villaggio keniano.
 

TAGS: birra kenyabirra tuskerbirra keniota

Da oggi Watamikenya.net diventa molto più di un semplice portale di informazione turistica.
Con l'arricchimento della pagina Facebook interattiva, e con la presenza di Mirko, barman di professione e videomaker per passione, ma soprattutto coinvolto in prima persona nella crescita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non occorre attendere le vacanze di Natale per vedere animarsi Watamu.
Presto arriveranno gli habitué italiani che, crisi timori o referendum a parte, non hanno intenzione di perdersi il clima, la tranquillità e la natura della costa keniota nemmeno quest'anno.LEGGI TUTTO

Dalla NGO italiana Karibuni Onlus, una nuova motoambulanza per l'ospedale di Gede.
Il mezzo è importantissimo nelle comunità rurali della costa keniota per raggiungere le persone bisognose anche nei villaggi che non sono direttamente serviti da strade praticabili per un'autoambulanza...

LEGGI TUTTO

Una ricerca condotta dalla BMI Pubblication, agenzia che si occupa di svariate testate, magazine e siti online di viaggi e turismo, ha condotto una ricerca sul nuovo marketing per la costa keniota e ne ha condiviso recentemente a Diani i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non ci stancheremo mai di segnalare le opere buone degli italiani sulla costa keniota.
Questa è la volta di una scuola elementare ed asilo (nursery and primary school) di Gede, voluta dalla Onlus "Jambo Watoto".
La Saint Dominique, dedicata alla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'occasione è offerta dalla Giornata Mondiale della pulizia delle spiagge, a cui il Kenya partecipa nelle più belle località della costa.
Ma in realtà quella di pulire la spiaggia da detriti, plastica ed altri rifiuti, dovrebbe essere un'abitudine a cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualcuno raccontava che negli anni Sessanta, al Simbad Hotel di Malindi, il sabato sera arrivava l'orchestra da Mombasa e nella grande terrazza con vista mare si ballava lo swing americano, perché i proprietari dell'albergo costruito alla moresca erano statunitensi.
Mercoledì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La vendita di Watamu per la prossima stagione e in generale come luogo di villeggiatura, seconda casa e anche possibile paradiso dove cominciare una nuova vita, si trasferisce in Italia. Nel Vecchio Continente riprendono le trattative per l'acquisto di case,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurato ufficialmente nei giorni scorsi, con una bella festa serale che ne ha esaltato la bellezza sotto le stelle e un'illuminazione impeccabile, il Kobe Suite Resort, in località Garoda a Watamu.
Davanti all'omonima spiaggia, considerata da riviste ed...

LEGGI TUTTO

E' stato inaugurata ieri la Thoya-Oya Children's home all'interno della Marafiki Primary School, sull'isola di Kadaina, tra le mangrovie del Mida Creek.
L'isola è già nota per essere stata presa sotto l'ala protettrice di un gruppo d'italiani, guidati dall'iniziatore Mario...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

La spiaggia di Jacaranda Bay, eletta recentemente dai nostri lettori la più bella della costa keniota, sembra piacere molto anche alle tartarughe marine.
Nei giorni scorsi il gruppo di volontari di Watamu Turtles della Local Ocean Trust, hanno scoperto sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'umore in Kenya è davvero una componente essenziale della vita e non soltanto per l'uomo, che qui spesso trova la "pace dei sensi" o il senso del suo percorso terreno. La scienza ora ci dice che alcuni animali possono cambiare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potrebbe sembrare un caso, ma quando i primi pescatori di origine araba alcuni secoli fa chiamarono il piccolo villaggio vicino a Malindi “Watu Tamu”, ovvero “Luogo della gente dolce” (poi contratto in “Watamu”), non potevano immaginare che la dolcezza a...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi frequenta Watamu, ci vive o trascorre qui le vacanze, ormai non fa più caso che uno dei sorrisi più piacevoli da incontrare nella comunità italiana e che come se non bastasse propone prodotti enogastronomici della nostra Penisola, sia inglese.LEGGI TUTTA LA STORIA