Visti e permessi

AIRE

Residenza in Kenya per cittadini italiani: regole e diritti

Come regolarsi con fisco e sanità in attesa della convenzione Italia-Kenya contro la doppia imposizione

21-11-2017 di redazione

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una delle Nazioni più corrotte dell’Africa, oggi ci sono controlli telematici anche per via dell’antiterrorismo e si rischia direttamente la prigione).
Oppure può scegliere di risiedere in Kenya.
In questo caso, dopo aver ottemperato agli obblighi per diventarlo (vedi nella sezione dei permessi di soggiorno e di lavoro cliccando qui), è obbligatorio iscriversi all’AIRE, l’Associazione Italiana dei Residenti all’Estero, comunicare all’Ambasciata il nuovo recapito ed accedere allo status di “italiano residente all’estero in un Paese senza convenzioni”.
Infatti tra pochi mesi potrebbero cambiare le cose, ma per adesso il Kenya non figura tra i Paesi che hanno stipulato una convenzione bilaterali contro le doppie imposizioni con l’Italia.
In questo caso l’eventuale pensione verrà tassata in Italia e, in caso contribuisca a creare reddito per il lavoro, anche in Kenya.
Residenza Fiscale
per essere considerati residenti all’estero ai fini fiscali è obbligatorio non essere stati iscritti all’anagrafe dei residenti in Italia per oltre 183 giorni all’anno e non avere avuto domicilio né dimora abituale in Italia per oltre metà anno.
L’italiano residente in Kenya inoltre perde il diritto all’assistenza sanitaria nel suo Paese d’origine (fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco).
Al rientro in Italia si può ottenere comunque un libretto sanitario temporaneo che può durare 90 giorni annui (cumulativi), a regola utilizzabile solamente per prestazioni ospedaliere urgenti.
Tutto questo è ottenibile con una semplice autocertificazione, presentandosi nel Comune in cui si è temporaneamente domiciliati.
In caso di malattia, è possibile anche ottenere un medico di base della mutua ed esenzioni su determinate medicine o cure.
Chi ha reddito in Italia dovrà continuare a pagare le addizionali regionali e comunali IRPEF fino a quando tali imposizioni rimarranno attive e se continua a produrre reddito in entrambi i Paesi, le detrazioni e i crediti d’imposta spettanti possono essere sottratti dai redditi prodotti all’estero che hanno subito la ritenuta d’imposta a titolo definitivo. 

TAGS: fisco kenyaresidenza kenyaaire kenyaassistenza kenyasanità kenyadiritti kenya

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 
Facendo riferimento al Consolato Onorario d'Italia a Malindi, Cavalli farà da tramite tra i connazionali di stanza...

LEGGI TUTTO

Un gran bello spot per Watamu e per quella che è stata definita dai nostri lettori la spiaggia più bella della costa keniana.
Arriva nientemeno che dal CEO del più famoso portale di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un incendio ha semidistrutto ieri il God Our Father Center For Needy Children, una delle più importanti organizzazioni di accoglienza di bambini della zona di Watamu, a Timboni, sostenuta anche da molti italiani.
Per fortuna non si segnalano danni ai bambini...

LEGGI TUTTO

In vendita una villa di 345 mq con piscina in buona posizione nella zona nord di Watamu, non lontano dalla via principale e dalle incantevoli baie della cittadina turistica. 
L'ampia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche una “graphic novel” sul Corriere della Sera e un racconto autopubblicato a sfondo sociale, tra le tante iniziative italiane e non per aiutare la Gede Special School. Iniziative che hanno innestato una vera e propria “gara” di solidarietà che...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Viviamo in un periodo storico in cui l’arte, oltre al valore intrinseco e storico di portatrice di bellezza e di stimolatore della mente, assume un ruolo sociale molto importante: può aiutare l’essere umano nelle sue battaglie per la tutela dell’ambiente...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

A Watamu la chiamano tutti "Mama Paka".
Nicoletta "Niky" Ghiberti è ormai da cinque anni la paladina dei gatti della piccola cittadina turistica di Watamu.
Mama Paka è una solare signora di 55 anni arrivata in Kenya nel 2004 da Torino, dove svolgeva...

LEGGI TUTTA LA STORIA