Ultime Notizie

PRODOTTI DEL TERRITORIO

Il dragon fruit, la nuova coltura redditizia del Kenya

Salgono le richieste di questo frutto dall'aspetto particolare e dai grandi benefici

31-10-2021 di redazione

Il Dragon Fruit o Pitaya è un frutto tropicale che  appartiene alla famiglia delle Cactacaceae , come il fico d’India. Nonostante  sia originario del Centro e Sud America è oggi particolarmente diffuso in Asia e nei paesi tropicali dove vi è un clima adatto alla sua crescita, tra cui il Kenya. Il frutto colpisce subito per l’aspetto: ha una buccia color fucsia, molto spessa e dotata di grosse squame dalle punte verdi. La polpa è ha una consistenza cremosa ed è caratterizzata da una miriade di piccolissimi semi neri, un po’ come il kiwi e il sapore e molto gradevole, dolce e rinfrescante. Esistono quattro varietà di questo frutto:  tre sono di colore rosa con una polpa di colore diverso all'interno che può essere bianca, viola o rossa. La quarta è una varietà ibrida più piccola e più dolce con la buccia gialla e la polpa bianca ma quest’ultima è molto piu popolare nelle Filippine.
Anche in Kenya, dove c’e sempre maggiore interesse per il mangiare sano, la sua domanda è in aumento ma la produzione è ancora piuttosto limitata, tanto che viene venduto al dettaglio tra Ksh1.000 e Ksh2.000 al chilo
Il suo peso può variare dai 200 ai 600 g grammi circa e si puó trovare nei reparti di frutta e verdura di negozi e supermercati anche della costa.
Questo frutto dall’aspetto particolare è un concentrato di vitamine, minerali, e fibre.
Si tratta di un frutto con forti capacità antiossidanti ed anti-age. Infatti, oltre alla vitamina C, è ricchissimo di betalaine, pigmenti naturali che donano colore ai fiori e si frutti, che hanno un notevole potere antiossidante e un’elevata capacità di rimozione dei radicali liberi.
Il frutto del drago fa bene anche al fegato grazie alle phytoalbumine che aiutano nella purificazione e disintossicazione di sangue e fegato perché aumentano l’escrezione di tossine e di metalli pesanti dal corpo; è inoltre, ricco di sali minerali, in particolare calcio e sodio e, in minor parte, di selenio, sinco e sagnesio
Pur essendo un frutto molto zuccherino, può essere mangiato anche da chi soffre di diabete, ovviamente senza esagerare nelle quantità ed evitando di mangiarlo da solo, magari abbinandolo a un po’ di yogurt o di frutta secca, oppure per fare degli ottimi e gustosi succhi e frullati.
Anche le altre parti della pianta possono essere utilizzate, ad esempio le radici e i fiori producono delle meravigliose tisane, mentre il gambo viene usato per fare il sapone da bagno.
La stagione del dragon fruit in Kenya va da novembre a maggio, con i mesi di gennaio, febbraio e marzo di punta.
Non ci resta che aspettare qualche mese per poterlo assaggiare.

TAGS: dragon fruit kenyapitaya kenyafrutta kenya

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce....

 

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Lo Star Fruit, come viene chiamato nei paesi anglofoni come il Kenya, in Italia è poco conosciuto con il nome di Carambola, che deriva dalla sua pianta, l'Averrhoa Carambola. 
D'altronde il nome della pianta stessa...

LEGGI TUTTO

Il frutto della passione (passion fruit in inglese) viene chiamato anche Maracuja ed è il frutto della Passiflora Edulis, pianta tropicale rampicante che appartiene alla famiglia delle Passifloraceae.
Si potrebbe pensare che il suo nome evochi proprietà afrodisiache....

LEGGI TUTTO

Una cena di San Valentino davvero speciale al Mapango Restaurant sulla spiaggia del Lily Palm Resort.
Per la serata dedicata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare assaporando il dolce far niente?
Considerato il ritorno prepotente della voglia di "cambiare vita" e la...

LEGGI TUTTO

Abbiamo giá parlato della ricetta classica del matoke o banana verde, ma oggi vogliamo proporvi una versione dolce, inedita: matoke in crema di cocco e cardamomo.
Questo frutto molto simile alla banana, ma solo....

LEGGI TUTTO

Il mango ( nome scientifico Mangifera indica ) è una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.
Originaria dell’India venne diffusa anche in Africa e in America latina grazie ai portoghesi....

LEGGI L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che...

LEGGI TUTTO

Da qualche mese le dogane aeroportuali keniane di Nairobi e Mombasa sono dotate di nuovi ed ...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti una splendida struttura che sembra una torre disegnata da Gaudì in mezzo alla foresta ancora vergine di Watamu, ad un centinaio di metri dall'oceano e dalla lunghissima bianca spiaggia tra Turtle Bay e Garoda. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio Mal d'Africa ha un nome, Watamu.
Conosco poco del Continente Nero, ho visitato il parco nazionale dello Tsavo e la riserva dell'Amboseli, ho visto le cascate Vittoria in Zambia e ho fatto volontariato per due settimane in Uganda.LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Kenya è sempre più l'ambiente ideale del tamarindo, presente nella costa swahili da quando fu portato e piantato dall'India, mille anni fa.
Il Tamarindus Indica è un sempreverde maestoso, di lunga vita, appartenente alla famiglia delle leguminose.

LEGGI TUTTO

Molte famose etichette di alcolici e distillati nel mondo nascondono, dietro ai loro nomi talvolta curiosi talvolta altisonanti, curiose leggende o interessanti risvolti legati ai loro fondatori o ai luoghi di produzione.
E’ il caso della birra nazionale del Kenya,...

LEGGI TUTTO

Il ciprinide d’argento è un piccolo pesce d’acqua dolce di color e lucentezza argentea che può crescere fino ad una lunghezza massima di 9 cm.
Noto anche come la sardina del Lago Vittoria, in Kenya è chiamato...

LEGGI TUTTO

Una terrazza ancora più ampia e suggestiva su una delle baie che fanno di Watamu una cartolina tropicale di quelle che fanno sognare milioni di viaggiatori.

LEGGI TUTTO