Storie

STORIE

Kenya, quando salvare un elefante è un miracolo

Situazione delicata nei luoghi dove siccità e politica locale sono tra i motivi dei disordini

21-04-2017 di Maurice Shutgens

Laikipia, Kenya. Uno dei tristi palcoscenici degli abbattimenti della fauna selvatica da parte di pastori armati.
Gli elefanti sono entrati nella linea di fuoco, con oltre 20 animali uccisi negli ultimi mesi e altri ancora feriti.
Alcuni dei feriti non si riprenderanno, ma a volte c'è un barlume di speranza.
Ricevo una chiamata da Dale Scott, manager della “Loisaba Security Conservancy and Wildlife, mi informa che i rangers della tenuta di 56.000 ettari hanno scoperto un elefante ferito. Le osservazioni iniziali hanno indicato che é stato ferito con un colpo di fucile ad una gamba.
Il maschio di 30 anni può mettere a malapena il suo peso sulla gamba e avanza zoppicando.
La ferita sembra estremamente grave; C’é immediatamente bisogno di un veterinario.
L'affidabile David Sheldrick Wildlife Trust ha risposto alla nostra chiamata, ha mobilitato le proprie risorse, ha noleggiato un aereo e ha volato con una squadra del KWS da Nairobi in poche ore. Mentre la polvere si posa sulla pista, Dale cerca di scoprire esattamente dove si trova il maschio di elefante.
Grazie all’occhio attento dei ranger siamo riusciti a localizzarlo in fretta. I suoi movimenti sono affannati e sembra essere in disagio incredibile, ma solo uno sguardo più vicino ci permetterà di decidere sul miglior modo d'azione.
Njoroge, il veterinario del KWS, carica la sua pistola da tiro con il farmaco sedativo mentre Dale ci ha guida con attenzione.
Njoroge  tira il grilletto e il dardo di piuma rosa brillante fende l'aria, finendo nella coscia dell'elefante.
Abbiamo atteso l’effetto del farmaco rendendo l’elefante sonnolento e infine esanime.
Ci siamo mossi rapidamente. L'elefante si è accasciato sul petto, fissandoci con sguardo smarrito.
Ci sono voluti quattro uomini per spingere l'animale di sei tonnellate sul suo fianco affinchè potesse essere trattato in modo sicuro. Il proiettile é entrato nella parte anteriore della gamba posteriore sinistra, appena sopra il ginocchio, apparentemente colpendo l'osso è stato deviato attraverso una ferita di uscita. Dale e il veterinario controllano con cura la gamba; E’ incredibilmente gonfia ma sembra non ci siano ossa rotte. Nonostante una ferita che sta marcendo da diverse settimane, é fortunato.
Un osso spezzato sarebbe stato una condanna a morte.
Il team KWS ha pulito con cura tutto il puss e il tessuto morto dalla ferita prima di somministrare una dose  di antibiotici e iodio.
Un tipo speciale di cemento è stato usato per riempire i fori di entrata e di uscita per mantenerlo libero da infezioni.
Abbiamo fatto tutto il possibile.
Una volta che il veterinario ha somministrato il farmaco di risveglio, si alza rapidamente, si orienta e si avvia prudentemente, scomparendo nel bush senza uno sguardo indietro. I rangers della conservancy lo seguiranno per le prossime settimane.
Speriamo che il trattamento che ha ricevuto gli darà una nuova possibilità di vita, ma solo il tempo potrà dirlo.

(tratto da Ag - Africa Geographic - traduzione malindikenya.net)

TAGS: Kenya elefantiLaikipia KenyaKenya fauna

Gli ambientalisti si muovono da due anni per evitare uno scempio che potrebbe riguardare l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Camping Safari". 
E' la nuova frontiera delle escursioni esclusive, per chi ama davvero la Natura selvaggia africana e vuole vivere a diretto contatto con l'habitat di fauna e flora, senza rinunciare a sicurezza e comfort.
Sempre più turisti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grazie alla fotografia di uno studioso di fauna ittica, Michael Gilbert, sulla spiaggia di Watamu è stato possibile classificare il pescione davvero incredibile finito nella rete di pescatori locali, che non sono soliti catturare esemplari del genere.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu non è solo un paradiso per turisti e per chi si innamora dell'Africa e poi ritorna, ma anche un "terreno di esplorazione" per tanti giovani provenienti da tutto il mondo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono sempre meno gli squali al largo di Watamu.
Le acque che bagnano il Kenya sono ricche di fauna marina e tra le innumerevoli specie che la popolano da sempre ci sono anche gli squali.
Addirittura in alcuni periodi dell’anno fa...

LEGGI TUTTO

Da antiche scritture arabe, si sa che la foresta di Arabuko si estendeva da appena fuori Malindi fino quasi a Kilifi ed era popolata da belve feroci, serpenti velenosi (cobra soprattutto) ed elefanti, che spesso arrivavano fino alle spiagge inesplorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu c’è chi la conosce come “Mama Zawadi” e chi come la Signora dei Legni del Mare.
Qua li chiamano “driftwood”, tronchi  portati, levigati o scolpiti dalla corrente dell’Oceano Indiano.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La barriera corallina è una delle attrazioni di Watamu e dell'Oceano Indiano keniano.
Al largo della località turistica la prima barriera è presente dall'imbocco del Mida Creek fino a Malindi, senza interruzioni e ha permesso nel corso del tempo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO