Il Kenya in tavola

IL KENYA A TAVOLA

I sapori di Malindi e della costa keniana

Viaggio sensoriale tra delizie di terra e di mare del Kenya

05-01-2014 di redazione

Il Kenya, che spesso impropriamente è stato definito “la Svizzera dell’Africa”, trae grandi benefici dalla fertilità della sua terra, laddove finisce di patire le asperità desertiche del nord, ai confini con l’Etiopia e ad est, verso la Somalia. 
Potremmo quindi definirlo "l'Italia d'Africa" se non fosse per la mancanza dell'ulivo e le difficoltà a coltivare la vite. 
In questo Paese che ha un’estensione tre volte maggiore dell’Italia, non è soltanto la savana dei parchi nazionali a farla da padrone, ma anche vaste pianure e ridenti colline, ampi laghi e imponenti rilievi montani.
La natura celebra molti dei suoi infiniti aspetti, regalando paesaggi incantevoli e, immancabilmente, fauna e flora diversa a seconda della zona. Così anche i frutti della terra, le coltivazioni, gli allevamenti e la produzione alimentare in generale, cambia connotati e risultati chilometro dopo chilometro.
Tè e caffè hanno la meglio nei pressi del lago Vittoria, gli ananas a sud di Nairobi e dalle parti dei laghi Naivasha e Nakuru cresce ogni genere di frutto o di verdura tipicamente mediterranei e che non ci si aspetterebbe di vedere in Africa: dalle fragole agli asparagi, dall’uva al melone.
Come se non bastasse, nel profondo sud, il Kenya viene lambito dall’Oceano Indiano. 
Ed ecco che ai frutti della terra si uniscono quelli del mare. A Malindi, poche decine di metri separano maestosi alberi di mango dalle nuotate di gamberi e aragoste, campi di mais e spinaci sorgono non lontani dai guizzi delle cernie e dai nascondigli dei polpi.
Se un tempo le popolazioni indigene non osavano avventurarsi oltre le rive dell’oceano e si cibavano dei prodotti dei propri rudimentali orti, mentre i mercanti arabi e indiani che vi erano sbarcati pescavano anche le meraviglie del mare, oggi grazie al turismo e all’incontro di razze e abitudini, cibi di terra e di mare si sono uniti dando vita a una gastronomia ricca e varia, che non dimentica le origini povere (anche per le condizioni economiche dei locali che ancora vivono nelle capanne di fango) ma ha dato vita a piatti insoliti e gustosi, abbinando i crostacei a frutta e verdura, la carne e le spezie a mais e riso, il pesce ad aromi esotici.
La cucina di Malindi e della costa keniota risente particolarmente dei sapori indiani e mediorientali, del passaggio portoghese, della colonizzazione inglese e infine, oggigiorno, della presenza italiana.
Elaborando il tutto in maniera austera ma creativa, utilizzando le risorse di questa splendida terra.

TAGS: Sapori KenyaPiatti swahiliRicette MalindiCucina KenyaRicette Swahili

Un nuovo, graziosissimo "chiringuito" si affaccia nell'accattivante scenario dei punti di ritrovo sulla spiaggia di Watamu.
Nella baia di Fortamu, di fronte all'isola dell'amore e a pochi metri da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Virgola è uno dei più noti ed importanti marchi italiani nell'ambito dell'hairdress e il suo storico fondatore e titolare Rinaldo Rampon è un innamorato del Kenya.
Da anni frequenta Watamu e le sue spiagge, ma non solo.
Dal suo "mal d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pranzare in uno dei più eleganti ed appartati boutique hotel di Watamu, sulle rive della Jacaranda Bay.
Proprio di fronte agli isolotti di sabbia di “Sardegna Due” e rilassarsi sui lettini della splendida spiaggia privata? 
 

LEGGI TUTTO

Un paradiso esclusivo completamente rinnovato.
Un ristorante gourmet con chef italiano specializzato in cucina creativa e fusion, in una cornice unica a picco sul mare, all'imbocco del Mida Creek di Watamu.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"In Africa si torna sempre".
E' una delle frasi più usate e stereotipate sul continente Africano, ma contiene in sè diverse verità.
Spesso anche dopo un solo breve soggiorno turistico ci si affeziona e ci si lega magicamente alle sensazioni uniche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si preparano un'estate rovente e un autunno caldo di riprese tra piccolo e grande schermo per Watamu.
Una promozione che arriva dall'amore per il Kenya del regista Francesco Malavenda, sempre più impegnato tra Italia, Kenya e Principato di Monaco, e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se il Come Back Club è l'indiscusso punto di ritrovo di ogni sera a Watamu, con il suo bar sempre affollato e pieno di allegria, con l'ospitalità del suo "deus ex machina" Mario Ciampi e quel misto di Africa ed...

LEGGI TUTTO

Gede si trova tra Malindi e Kilifi, nella regione costiera del Kenya, 94 km a nord della città di Mombasa.
Le sue rovine raccontano di un’insediamento storico, uno dei più antichi di tutta l’area costiera dell’Est Africa di cui sia...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Proseguiamo la nostra visita alle realtà solidali italiane nella zona di Watamu, con un piccolo ma significativo progetto andato a segno a Timboni.
Si tratta della nursery costruita dall'associazione "My name is help" di Bergamo.
La S.P.& K. nursery school...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Premetto: non sono una fanatica del mare e delle vacanze al caldo.
Non impazzisco nemmeno per i villaggi turistici e le vacanze organizzate.
La cosa che mi ha portato in Africa, in Kenya è stata il bisogno di relax.
Stressata...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

I colori, l’innata eleganza e le suggestioni etniche della moda e degli accessori keniani si esaltano nelle creazioni delle boutique di Seven Islands e Crystal Bay Resort…

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Intrecciare il rapporto personale con quello professionale non è facile, ma in un luogo d’incanto come Watamu tutto diventa più agevole”.
Questo è il pensiero comune di Federico e Viola, compagni nella vita e anima del  “Kobe Suite Resort”.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA

Un mestierante giramondo per rilanciare il Mapango di Watamu.
Daniele Giovanni Vivian, per tutti da sempre Jimmy, dopo anni di "movida" tra Milano e il Lago di Garda, vita notturna e discoteche, ha scelto il paradiso di Watamu e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Watamu c’è chi la conosce come “Mama Zawadi” e chi come la Signora dei Legni del Mare.
Qua li chiamano “driftwood”, tronchi  portati, levigati o scolpiti dalla corrente dell’Oceano Indiano.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono almeno due modi di fare il lavoro di agente di viaggio: uno è quello, serio e professionale intendiamoci, di indicare a secondo delle richieste la meta di una vacanza, mostrando brochure e cercando strutture, offerte speciali, rapporti qualità-prezzo....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra opera di solidarietà nel campo dell'istruzione e della sanità a Watamu da parte della Onlus italiana "Mai più violenza infinita".
L'associazione presieduta da Virginia Ciaravolo ha concluso il suo terzo progetto umanitario a Watamu, con la collaborazione di Expoitaly. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO