Ultime Notizie

EMERGENZE

La soluzione keniana ai disastri climatici

Il progetto degli ecovillaggi del Tana River potrebbe essere un esempio

28-11-2021 di redazione

La situazione di sofferenza del Kenya, preso come esempio a livello internazionale di una nazione con grandi potenzialità e prospettive ma allo stesso tempo alle prese con uno sviluppo poco sostenibile, aggravato dalla crisi climatica e dalle emissioni, ha tenuto banco alla recente conferenza di Glasgow sulla salvaguardia del pianeta.
All’interno del paese vi sono molte diverse problematiche che appartengono alla geofisica del territorio, alle fonti d’acqua e soprattutto alla deforestazione in corso.
Una di queste regioni è senza dubbio la contea di Tana River, che ha sofferto nell’ultimo mezzo secolo di progressive calamità che hanno riguardato allo stesso modo siccità ed alluvioni, e che oggi hanno a che fare con la deforestazione e il contrabbando.
Il tasso di mortalità della contea abbinato al cambiamento climatico è uno dei più alti dell’intero continente.
Le perdite annuali di case e infrastrutture collegate all’inclemenza del tempo ammontano a circa 2 miliardi di scellini, di cui la stessa contea riesce a coprire solo un quarto per gestire i disastri e le emergenze.
Con una popolazione di oltre 370.000 persone, si stima che almeno 100.000 di esse vengano colpite ogni volta che una calamità climatica si abbatte sulla zona. Distruggendo raccolti e uccidendo bestiame, si stima che ogni disastro riduca la stabilità economica delle famiglie colpite di oltre il 60%, relegando ogni volta almeno 2.000 nuove famiglie a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno.
Una delle soluzioni possibili per tamponare questo fenomeno è stato recentemente introdotto dal Governatore Dhadho Godhana. Si tratta del concetto di ecovillaggio.
Gli ecovillaggi sarebbero insediamenti di circa 6 mila cittadini, dei moderni “cluster” che comprenderanno alloggi sicuri, scuole, dispensari sanitari, aree di produzione alimentare e industriali, un mercato all’aperto con pozzi in ogni area. Vere cittadine, forse un po’ asettiche, ma sicuramente propedeutiche.
“Si tratta di un insediamento a misura d'uomo e completo in cui le attività umane sono ben integrate in modo da sostenere un sano sviluppo umano – ha spiegato il Governatore al quotidiano Daily Nation – l’obbiettivo degli ecovillaggi è quello di sradicare la povertà e garantire l'integrazione di tutti i bisogni umani di base”.
La sostenibilità del progetto dovrebbe basarsi sull’utilizzo di materiali di provenienza locale, utilizzando tecnologie e infrastrutture sostenibili e dirigendo l’opera verso il ripristino e la protezione dell’ambiente naturale.
Potrebbero essere da 14 a 18 i villaggi da spostare dalle zone a rischio in ecovillaggi, per proteggere le circa 100 mila anime sotto scacco climatico.
Ovviamente la contea, come conferma Godhana, non ha i fondi per sostenere l’intero progetto, ma sta valutando la fattibilità di un villaggio-pilota, Handampia, dove sono già iniziati lavori di strade, piccoli schemi di irrigazione, collegamento all’elettricità e sistemi di approvvigionamento idrico.
“Aspettiamo che possibili partner privati e organizzazioni si rendano conto della bontà del nostro progetto in prospettiva”. ha detto Godhana.

 

TAGS: ecovillaggi kenyatana riverclima kenya

Il Kenya è una delle destinazioni più varie e straordinariamente ricche di occasioni uniche, emozioni per tutti ed attrazioni per ogni tipo di appassionato o esperto di avventura. Se per molti il Paese africano è soprattutto sinonimo di Natura selvaggia,...

LEGGI L'ARTICOLO

Il parco nazionale di Kora è uno dei parchi nazionali del Kenya centrale. Il parco copre un'area di 1,7800sq km lungo le rive del fiume Tana, 125km ad est del Monte Kenya.

LEGGI TUTTO

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non occorre attendere le vacanze di Natale per vedere animarsi Watamu.
Presto arriveranno gli habitué italiani che, crisi timori o referendum a parte, non hanno intenzione di perdersi il clima, la tranquillità e la natura della costa keniota nemmeno quest'anno.LEGGI TUTTO

Il Kenya è la seconda meta mondiale consigliata ai single, secondo il portale speedvacanze.it.
La statistica che mette sul podio il Kenya e la sua più bella meta marina, stila una classifica in base alle preferenze dei lettori ma anche...

LEGGI TUTTO

Uno degli interventi più accorati, appassionati ma allo stesso tempo decisi e diretti del convegno mondiale di Glasgow COP26 per l’ambiente, è arrivato da una giovane avvocata e attivista...

LEGGI TUTTO

E’ uno dei beni preziosi di Malindi , Watamu e  dell’intera costa keniana, e sicuramente tra i più sottovalutati per il suo ecosistema ed il suo potenziale salvifico per la conservazione della Natura.

LEGGI TUTTO

I residenti e le comunità della foresta di Arabuko Sokoke protestano contro gli scavi ai suoi margini.
La grande foresta pluviale della costa keniana, che da Gede si estende fino a Matsangoni a sud e a Mijomboni e Jilore a...

LEGGI TUTTO

Dodici chilometri a nord di Malindi, passato il ponte sulla foce del fiume Sabaki, dove si possono scorgere fenicotteri e ippopotami e  dove la vegetazione è particolarmente rigogliosa, sorge il villaggio di Mambrui.

LEGGI TUTTO

Gli ambientalisti si muovono da due anni per evitare uno scempio che potrebbe riguardare l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO

Il piccolo e meraviglioso lago Kamnarok è a rischio prosciugamento e i coccodrilli sono i primi a soffrirne, ora un progetto europeo tenta di salvarlo e riportarlo al suo antico splendore.

LEGGI TUTTO

Watamukenya.net ricorda uno degli italiani che meglio hanno raccontato l'amore per questo Paese e le sue contraddizioni.

LEGGI TUTTO

Avete mai provato la sensazione di sentirvi in pace con il mondo e con voi stessi?

Vi siete mai chiesti perché siete così felici di aprire gli occhi alla mattina e di chiuderli con il buio, anche in mancanza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Dragon Fruit o Pitaya è un frutto tropicale che  appartiene alla famiglia delle Cactacaceae , come il fico d’India. Nonostante  sia originario del Centro e Sud America è oggi particolarmente diffuso in Asia e nei paesi tropicali dove vi è...

LEGGI TUTTO

Watamu meta di vacanze e di...repeaters. Ecco altri cinque motivi per cui gli italiani tornano nel paradiso marino del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalle cucine dei migliori ristoranti del mondo e dalla Rai a preparare ghiottonerie per i bambini di Watamu.
Il "cuoco contadino" Pietro Parisi, volto di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY